Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Quasi il 90% dei geni umani è menzionato negli studi sul cancro, e questo è un problema

Un’analisi dettagliata della ricerca scientifica ha rivelato che quasi 9 geni umani su 10 sono menzionati in almeno uno cancro– Uno studio rilevante – e uno che probabilmente non avresti fatto nei prossimi anni.

Ciò rende molto difficile per gli esperti la ricerca di bersagli terapeutici: la ricerca su quasi tutti i geni umani e la sua relazione con il cancro può essere giustificata sulla base di studi precedenti, che potrebbero rallentare la ricerca delle vere cause genetiche della malattia, così come la cause genetiche coinvolte. in altri problemi di salute.

I risultati si basano sui risultati che restituisco PubMed Il motore di ricerca, che copre decine di milioni di articoli su scienze della vita e argomenti biomedici, alcuni risalenti agli anni ’50.

“Il cancro è la materia più studiata nelle scienze biologiche e biomediche”, Scrive il microbiologo Joao Pedro de Magalhães, dell’Università di Liverpool nel Regno Unito, che ha condotto la ricerca.

“Tuttavia, la grande quantità di dati raccolti sul cancro significa che ci sono più informazioni sui geni associati al cancro che su qualsiasi altra malattia o processo”.

Attualmente, circa 4 milioni delle oltre 30 milioni di pubblicazioni nel database PubMed si riferiscono al cancro. Confrontalo con circa 350.000 menzioni di ictus e avrai un’idea dell’enorme volume di ricerche sull’argomento.

Sebbene avere così tante ricerche sul cancro sia ovviamente utile per lavorare su trattamenti e cure e per comprendere meglio la malattia, può anche rendere più difficile l’analisi sistematica su larga scala quando si tratta di collegamenti genetici.

In altre parole, un’immagine chiara dei geni che causano il cancro può essere persa nel mare di geni che sono associati solo in altri modi alla malattia.

READ  Un cane da salvataggio acquistato su Facebook ha ucciso un uomo e ha lasciato suo fratello con la necessità di amputargli le gambe

Questi documenti non suggeriscono necessariamente un nesso causale tra geni specifici e cancro, ma significano che la maggior parte dei geni umani è stata studiata nel contesto del cancro. Questo può portare a pregiudizi quando i ricercatori decidono cosa studiare dopo.

“Lo studio di quasi tutti i geni umani basato sulla letteratura esistente può essere giustificato dalla sua possibile relazione con il cancro”, Gli scritti di Magellano.

“Comprendere e correggere le cause dei pregiudizi nelle analisi su larga scala è di crescente importanza per aumentare il valore delle intuizioni e delle previsioni”.

Con il cancro ora pensato per influenzare quasi Uno su due di noi Durante la nostra vita, non c’è segno di rallentare la ricerca su questa malattia – e infatti Studi precedenti Ho notato come la crescita del volume della ricerca sul cancro stia superando tutto il resto in questo momento.

Dopotutto, il cancro è relativamente “facile” da studiare, dato il numero di dati e risorse di laboratorio disponibili, come le linee cellulari consolidate. È anche un argomento che attrae molti finanziamenti, sebbene tali finanziamenti non siano affatto distribuiti uniformemente tra tutti i tumori.

Secondo de Magalhães, se il gene umano non è stato ancora collegato al cancro, è probabile che non sia stato studiato abbastanza: è solo questione di tempo prima che entri nell’elenco.

Non c’è dubbio che gli studi che collegano i geni al cancro siano essenziali nel trattamento della malattia, ma quest’ultimo rapporto avverte che i ricercatori dovrebbero essere consapevoli dei potenziali pregiudizi riguardo al collegamento di ogni parte del nostro corredo genetico al cancro.

READ  Ritardare le vaccinazioni virali darà al virus l'opportunità di sviluppare nuove varianti

“In un mondo scientifico in cui tutto e ogni gene può essere collegato al cancro, la sfida è identificare i principali driver del cancro e gli obiettivi terapeutici più promettenti”. Anelli di Magellano.

La ricerca è stata pubblicata in Tendenze in genetica.