Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Putin fa le serenate a Italy Inc. in mezzo alla crisi ucraina – POLITICA

Premi play per ascoltare questo articolo

Mercoledì il presidente russo Vladimir Putin terrà una videochiamata con le grandi bestie del business italiano, ma i forti legami aziendali tra Russia e Italia non significano che Roma si opporrà alle sanzioni contro Mosca come ha fatto dopo l’invasione della Crimea nel 2014.

I lucrosi rapporti commerciali tra Italia e Russia sono stati un fattore decisivo nella crisi ucraina del 2014-2015, quando Roma è stata in prima linea negli sforzi diplomatici per impedire severe sanzioni dell’UE alla Russia. Federica Mogherini ha agito come la colomba in capo su entrambe la Russia come ministro degli Esteri italiano e poi come Capo della politica estera dell’UE. Diplomatici provenienti da Polonia, Gran Bretagna, Svezia e nazioni baltiche hanno scagliato contro un “Club Med” di paesi dell’Europa meridionale a guida italiana che si sono opposti a una linea dura su Putin.

Data la storia dell’opposizione italiana alle sanzioni, è logico che Putin veda un vantaggio nel dedicare tempo ai dirigenti italiani nel più grave scontro militare in Europa da anni, con circa 100.000 soldati russi ammassati sul confine ucraino.

La videochiamata online delle 11 vedrà la partecipazione di 25 importanti gruppi industriali tra cui il gigante della produzione di pneumatici Pirelli e la centrale energetica Enel. L’evento è stato pianificato prima dell’escalation in Ucraina, hanno sottolineato organizzatori e partecipanti, ma le tensioni geopolitiche e le possibili sanzioni economiche contro la Russia saranno sicuramente in primo piano data l’esposizione dell’Italia alla Russia.

La differenza con il 2014 – e la sfida per Putin – è che il primo ministro italiano Mario Draghi è una proposta diversa da Matteo Renzi, che ha guidato l’Italia all’indomani dell’invasione russa della Crimea. Anche se il mese scorso Draghi è stato insolitamente schietto nel minimizzare i rischi di un’invasione russa dell’Ucraina, dà comunque la priorità all’alleanza con Washington e al posto di Roma nella NATO rispetto alle buone relazioni con il Cremlino.

READ  Rhythmovi sostiene la start-up del movimento italiano finanziata dallo sviluppo

Putin sa che gli investimenti dell’Italia in Russia sono critici. Pirelli ha due fabbriche in Russia, mentre il colosso energetico Eni ha investito molto anche in Russia, mantenendo stretti legami con il colosso russo del gas Gazprom, che è suo partner nel Flusso blu gasdotto che collega la Russia alla Turchia. Le maggiori banche italiane, Intesa Sanpaolo e UniCredit, avere anche una presenza profonda. Un lobbista con sede a Bruxelles ha osservato: “Le nostre aziende sono molto esposte”.

Già dai tempi della Guerra Fredda, l’Italia aveva legami insolitamente stretti con la Russia. Negli anni ’60 Fiat prodotto automobili nella città russa di Togliatti, dal nome del leader comunista italiano Palmiro Togliatti. Anche Eni vi opera dagli anni ’60, mentre uno stabilimento Pirelli ricevette quello dell’Unione Sovietica Premio dell’Ordine di Lenin nello stesso decennio. “Tra i paesi europei, l’Italia è probabilmente il più vicino alla Russia per legami economici e culturali”, ha osservato Aldo Ferrari, esperto di Russia presso il think tank ISPI e professore all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

La russofilia ha raggiunto il suo apice sotto la guida di Silvio Berlusconi – un caro amico di Putin – e ha proseguito più recentemente con i partiti anti-establishment: la Lega e, in misura minore, il Movimento 5 Stelle.

La Ferrari non pensava, tuttavia, che questo avesse lo stesso peso diplomatico nel 2022.

“La carta italiana non esiste [for Putin]”, ha detto. L’Italia non è la Germania e non ha la volontà o il potere di modificare l’orientamento generale “dell’azione diplomatica europea sulla Russia.

Ferrari ha sottolineato che le alleanze transatlantiche di Draghi contano più di Putin, notando che non è un caso che il primo discorso di Draghi come primo ministro richiesto sull’Italia appartenente all’alleanza atlantica.

READ  Vedi: Ferrari Roma bloccata in una stradina in Italia

Sebbene Draghi abbia chiesto una politica di impegno con la Russia, non ha dato alcun segnale di rottura con il consenso su una risposta internazionale coordinata contro Putin in caso di invasione dell’Ucraina. Un governo italiano dichiarazione lunedì dopo una videoconferenza che includeva il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sottolineato “le gravi conseguenze che potrebbe comportare un ulteriore deterioramento della situazione”.

L’anno scorso anche il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio si è espresso a favore delle sanzioni alla Russia per l’arresto del leader dell’opposizione Alexei Navalny.

Le società coinvolte nell’incontro con Putin hanno sminuito la dimensione politica della chat online. “Capisco che è un momento un po’ difficile, ma non c’è niente di politico”, ha detto qualcuno di una società che parteciperà, sottolineando che “l’Italia non è l’unico Paese che lo fa”.

All’incontro di mercoledì parteciperanno gli esponenti dell’Associazione Italo-Russa camera di commercio e membri del comitato affari italo-russo, gruppo presieduto dall’amministratore delegato di Pirelli Marco Tronchetti Provera.