Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Produzione dell’industria tessile laniera e laniera italiana dell’età del bronzo

Giornale di archeologia: rapporti (2021). DOI: 10.1016 / j.jasrep.2021.103298 “larghezza =” 800 “altezza =” 455 “/>

Vicinanza alla pedemontana dell’Alta Pianura modenese e dell’Abissinia con la carta d’Italia rappresentante la provincia di Modena ei nomi dei siti citati nel testo. Gli ovali neri rappresentano le aree in cui vengono raccolti campioni ecologici a base di isotopi di stronzio (Grafica: S. sapatini). debito: Giornale di archeologia: rapporti (2021) DOI: 10.1016 / j.jasrep.2021.103298

Il Mantel nel nord Italia potrebbe essere stato uno dei primi centri europei per la produzione della lana durante l’età del bronzo. La produzione potrebbe anche essere stata su scala industriale.


L’archeologa Serena Sabadini ha preso questa decisione dopo aver studiato reperti archeologici come strumenti tessili e denti di pecore e capre.

“Abbiamo capito che si trattava di una produzione intensiva a causa del gran numero di strumenti tessili nella colonia. Abbiamo analizzato i denti per capire meglio come era organizzata la produzione della lana”.

L’archeologia fa ampio uso dei metodi delle scienze naturali. Serena Sabatini, archeologa e professoressa associata presso il Dipartimento di studi storici, utilizza le analisi degli isotopi di stronzio con i ricercatori del Museo nazionale danese.

Pubblicato nel progetto di ricerca “Economia della lana dell’età del bronzo: produzione, commercio, ambiente, cultura e società”. Giornale di archeologia: rapporti, Raccolse denti di pecore e capre dell’insediamento dell’età del bronzo a Montel nel nord Italia. L’analisi del materiale è stata eseguita per misurare i valori degli isotopi di stronzio in quelle ossa.

L’analisi rivela le risposte

Lo stronzio è un minerale presente sia nel cibo che nell’acqua ed è assorbito dai tessuti umani, animali e vegetali.

“I valori di stronzio nei denti e nell’osso temporale si accumulano durante l’infanzia e non cambiano con l’età. Abbiamo fatto”, ha detto Serena Sabadini.

Si pensa che durante l’età del bronzo sia l’uomo che gli animali mangiassero cibo e bevessero l’acqua della zona circostante. Pertanto, i valori che si possono registrare nelle loro ossa e nei loro tessuti possono corrispondere alle aree specifiche in cui sono nati o cresciuti e si sono spostati.

Produzione di lana su larga scala

I risultati dell’analisi mostrano che la maggior parte degli animali è stata allevata nella zona del Mantel, dove sono morti anche loro; Pertanto, potrebbero essere stati gestiti da vicino dalla comunità che vive nella zona. Ciò conferma le precedenti teorie sulla loro importanza nella produzione locale di lana su larga scala.

«Dobbiamo anche essere consapevoli che nell’età del bronzo le pecore non producevano lana come fanno oggi», dice Serena Sabatini.

Ricerche precedenti da fonti scritte del Mediterraneo mostrano che ci è voluto un anno intero per produrre 3 chilogrammi di lana. Ciò richiedeva un gregge misto di dieci pecore con adulti e agnelli. Sono necessari 4 kg di lana grezza per tessere tessuti semplici da 3,5 m a 3,5 m.

“Si comprende subito la necessità di gestire un gran numero di pecore per regolamentare la produzione di fibre di lana economicamente stabili e redditizie”.

Storia della lana

L’interesse per lo studio della produzione tessile, in particolare la produzione della lana nel corso della storia, è cresciuto negli ultimi anni.

“Lo scopo di questo progetto è mostrare l’importanza della lana e della produzione di tessuti in lana nell’età del bronzo europea”, afferma Serena Sabadini.

Studi recenti indicano che durante il II millennio aC, alcuni centri continentali, come Montel nell’Italia settentrionale, riuscirono a comprendere il significato economico della lana nell’ambito della cultura del Derramare.

“Grazie a condizioni sociali e ambientali particolarmente favorevoli, si sono specializzati nella produzione di lana e hanno potuto esportare lana, filati di lana o forse anche tessuti tessili. Successivamente hanno potuto scambiare lana e tessuti con beni non disponibili nella zona”.


Le pecore macellate frequentemente sono madri felici


Ulteriori informazioni:
Serena Sabatini et al., Analyzing sheep movement in Montel, Italy by stronzio isotope analysis, Giornale di archeologia: rapporti (2021) DOI: 10.1016 / j.jasrep.2021.103298

Presentato dall’Università di Göteborg

Citazione: Produzione industriale di tessuti in lana e lana nell’Italia dell’età del bronzo (1 giugno 2022) Estratto il 1 giugno 2022 da https://phys.org/news/2022-06-industrial-wool-textiles-bronze-age.html.

Questo documento è soggetto a copyright. Nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta, salvo ogni ragionevole manipolazione a scopo di studio o ricerca personale. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  Non mi sono accorto del motore prima dell'Italia - Gioco