Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Previsioni FX per il 2019: sopravvivere all’ascesa e sperare in un arrivo sicuro | Articolo – Merce

Secondo: congetture sull’agenda politica americana

Un’ipotesi corretta sull’agenda politica di Trump avrebbe dato buoni frutti negli ultimi due anni.

Il primo anno relativamente tranquillo della presidenza Trump (2017) ha visto emergere storie di una ripresa globale e di un moderato calo del dollaro. Il secondo anno di presidenza Trump ha visto Washington uscire dalla lotta per il commercio, isolata dallo stimolo fiscale di 1,5 trilioni di dollari di gennaio. Ciò ha suscitato l’idea di una ripresa globale simultanea e di una debolezza del dollaro.

Un saluto all’amministrazione statunitense per i tempi della sua tessera protettiva. Come ha detto l'(attuale) Segretario al Commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross: “È un buon momento per essere aggressivi nel commercio”.

E il 2019? Come sempre, ci sono una serie di scenari, ma sospettiamo che il 2019 vedrà un nuovo stimolo fiscale statunitense abbastanza ampio da impedire all’economia statunitense di rallentare e tornare a un trend di crescita vicino al 2%. Nonostante il diffuso riconoscimento della necessità di spesa per le infrastrutture, sospettiamo che i Democratici vorranno sostenere uno stimolo da cui i repubblicani possano trarre vantaggio dalle elezioni presidenziali del 2020. In altre parole, lo stallo politico rende più probabile che la crescita statunitense rallenti il ​​trend .

Quando si tratta di commercio, sappiamo che i poteri esecutivi del presidente sono ampi. Il controllo democratico della Camera dei rappresentanti potrebbe rendere difficile l’approvazione dell’accordo di libero scambio nordamericano 2.0 di Trump, ma c’è un sostegno bipartisan per una posizione più aggressiva contro la Cina. I Democratici ammettono che il Dialogo Economico Strategico, che si è tenuto sotto Obama alla Casa Bianca, non ha prodotto risultati. E se la Cina ha aderito all’OMC a condizioni ingiustamente buone, lo ha fatto sotto George W. Bush nel 2001.

La nostra linea di base presuppone che le tariffe statunitensi esistenti nei confronti della Cina rimangano in vigore fino al 2019 e siano ampliate/rafforzate, in modo che, entro la fine del 2019, le esportazioni cinesi negli Stati Uniti saranno completamente soggette a dazi. Sono possibili anche altri scenari. Si prega di consultare la valutazione del nostro team commerciale dell’ambiente 2019 a pagina 50.

READ  L'ispettore sanitario avverte il ristorante italiano Boca Raton