Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Premier League sul filo del rasoio mentre aumentano i casi di coronavirus: Howe da Newcastle

Calcio – Premier League – Liverpool – Newcastle United – Anfield, Liverpool, Gran Bretagna – 16 dicembre 2021 Allenatore del Newcastle United Eddie Howe (Reuters) / Peter Powell

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

(Reuters) – Il manager del Newcastle United Eddie Howe ha dichiarato venerdì che la Premier League si trovava in una posizione precaria a causa dello scoppio del virus Corona in molti club e che l’integrità della competizione era a rischio quando diversi giocatori sono risultati positivi.

La Premier League inglese ha rinviato cinque partite che avrebbero dovuto svolgersi nel fine settimana a causa dell’epidemia di Covid-19 in vari club. Nove partite sono state rinviate dalla scorsa settimana.

La capolista Newcastle ospiterà il Manchester City domenica, una delle cinque partite in programma, ma i visitatori stanno aspettando un risultato PCR per vedere se l’allenatore Pep Guardiola è risultato positivo, con il club che annulla la sua conferenza stampa. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

“Penso che sia probabilmente sul filo del rasoio il mio giudizio sarà su di esso. Penso che quando inizi a perdere giocatori a causa del COVID, la preoccupazione per me è che la concorrenza diventi un po’ sleale. Non credo che nessuno voglia vederlo, “Howe ha detto ai giornalisti. .

“Questa è la cosa più importante che la gente vuole vedere: un campionato equo. Non vogliono vedere l’irregolarità delle partite e la perdita di giocatori.

“No, tutti vogliamo che il prodotto continui, sono entusiasta di continuare il programma da solo, ma credo che il benessere dei giocatori dovrebbe venire prima e i tifosi dovrebbero venire prima.

READ  L'ex premier italiano Berlusconi viene dimesso dall'ospedale invisibile

“So che la Premier League lo farà. Penso che ci sia molto da considerare, non è una decisione facile da prendere. Sono ben consapevole di quanto sia complicato tutto”.

I dati più recenti della Premier League sulle vaccinazioni di ottobre hanno mostrato che l’81% dei giocatori ha ricevuto una singola dose e il 68% ha subito un doppio colpo, una percentuale bassa rispetto alla Serie A dove il 98% dei suoi giocatori ha ricevuto due vaccinazioni.

(Questa storia corregge l’errore di battitura nel paragrafo 3).

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Rohith Nair in Bengaluru Editing di Toby Davis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.