Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Potere di arrivo e pubblicità

Potere di arrivo e pubblicità

Pubblicato per la prima volta in Età17 giugno 1936.

modifica dell’età

Radio di propaganda straniera

Applicazione a radiofrequenza.a lui attribuito:albero di vitello

Qualsiasi opinione informata ed equilibrata su qualsiasi questione nazionale o internazionale deve necessariamente essere basata sulla verità e sulla verità. Data l’abbondanza di agenzie scientifiche, potrebbe sembrare che queste due cose siano facilmente verificabili. La più recente e forse la più invadente di queste agenzie è la radio. Attraverso di essa, voci umane sconosciute possono essere ascoltate in più di 825.000 case australiane. In media, ciò significa che quasi la metà della popolazione australiana ha accesso al wireless. I servizi ordinari così resi, in innumerevoli forme di illuminazione e di intrattenimento, formano una parte distinta di un vasto argomento che ha i suoi meriti e problemi. Ma c’è anche uno spettacolo molto più ampio in cui l’aria e la radio si fanno media di vari tipi di propaganda esterna, che a sua volta, ha di per sé la possibilità di riempire la mente del pubblico di equivoci inutili e ingiustificati. pregiudizi.

L'armadio radiofonico è stato protagonista nelle case.

L’armadio radiofonico è stato protagonista nelle case.a lui attribuito:Archivi di età

I ricevitori all-wave sono ora numerosi nel mercato nazionale e molti australiani sono in costante contatto con le principali emittenti del mondo. Con l’Europa in un tale stato di agitazione al giorno d’oggi, ottenere l’esatta verità da ogni centro turbolento sembra essere un vantaggio inestimabile. Ma gli ascoltatori internazionali sono sempre più scettici sul fatto che ciò che si sente sia un fatto o propaganda. Nei paesi democratici, gli impianti di trasmissione sono, per la maggior parte, controllati con saggezza ed equità. La radio è ovviamente un canale popolare per fare discorsi politici. Prima o poi verranno mostrate tutte le parti. Quasi ogni discorso sarà lasciato indietro da un contrattacco e l’ascoltatore è libero di decidere cosa è forte e qual è la ragione. Tuttavia, ci sono paesi in cui non è affatto così facile. Edizione recente di “Data attuale” [the US magazine?] Include un articolo molto illuminante sull’ampia portata e la crescita costante della propaganda televisiva straniera che tale propaganda può danneggiare. È interessante notare che tutti i programmi radiofonici tedeschi sono forniti da una società di proprietà del governo. Il Dr. Goebbels controlla i programmi politici da Berlino. Non solo trasmissione, ma anche ascolto. Quando Hitler o qualche importante nazista fanno un discorso, i funzionari della radio vedono che ogni fabbrica, piazza pubblica e scuola è dotata di ricevitori e altoparlanti. Enormi folle si radunano per ascoltare ciò che non è altro che propaganda. Le trasmissioni radiofoniche sono organizzate in modo da impedire alle persone di conoscere i pro ei contro o di valutarli giudizialmente. Tuttavia, è impossibile togliere dall’aria i pubblicitari concorrenti. Quasi ogni sera vengono inviati dalla Russia programmi in tedesco che dipingono immagini attraenti delle condizioni sovietiche e denunciano il nazismo.

READ  10 fantastici film per incrociare la tua lista di controllo in modalità bloccata | notizie sul film

Caricamento in corso

La stessa Unione Sovietica esercita lo stesso controllo ferreo sulla radiodiffusione e affronta difficoltà simili. L’anno scorso, gli ascoltatori russi hanno ripetutamente sentito una voce misteriosa che chiamava in onda da una stazione sconosciuta: “Chiediamo la morte di Stalin e il ritorno della nostra amata famiglia imperiale”. Repubblica Ceca e Slovacchia sono democratiche, ma all’interno dei suoi confini ci sono mezzo milione di ungheresi. A questo Budapest invia una comoda trasmissione radiofonica, a seguito della quale è stato installato a Praga un trasmettitore più potente per attutire questa propaganda sovversiva. L’ambasciatore del Belgio a Roma ha protestato presso il governo italiano contro alcune insinuazioni della radio politica ufficiale fascista. La Spagna ha protestato che Mosca aveva inondato l’area della Grande Stazione di Barcellona con la propaganda comunista. L’Italia ha vietato completamente ai suoi cittadini di ascoltare le trasmissioni straniere.

Sono stati fatti molti tentativi per affrontare questo pasticcio. Due anni fa Austria, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Danimarca hanno concluso una serie di patti di non aggressione radiofonica. Sotto di essa, si impegnavano a osservare “lo spirito di cooperazione e di buona comprensione nei campi politico, religioso, economico, intellettuale e artistico”. Ma è significativo che alla Conferenza internazionale sulle comunicazioni senza fili di Londra del 1933 si rivelò impossibile ottenere il consenso della maggioranza degli Stati per un patto politico generale di non aggressione. Nessuno di questi paesi era pronto ad arrendersi al controllo internazionale sulla loro propaganda televisiva.