Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Possiamo ancora vedere queste cinque tracce di una specie ancestrale in tutti i corpi umani oggi

Molti di noi tornano al lavoro oa scuola dopo aver trascorso del tempo con i parenti durante l’estate. A volte possiamo chiederci come ci relazioniamo con alcune di quelle persone con cui sembriamo non avere nulla in comune (soprattutto con un parente particolarmente fastidioso).

Tuttavia, in termini evolutivi, condividiamo tutti un antenato se torniamo indietro nel tempo. Ciò significa che molte caratteristiche del nostro corpo risalgono a migliaia o addirittura milioni di anni nel nostro grande albero della vita.

In biologia, il termine “OmologiaSi riferisce a una somiglianza di struttura basata sull’ascendenza di un antenato comune. Pensa alle somiglianze tra una mano umana, un’ala di pipistrello e la pinna di una balena. Tutti questi hanno funzioni specializzate, ma il contorno del corpo di base delle ossa rimane lo stesso.


Волков Владислав Петрович / Wikimedia CommonsE CC BY-SA

Questo differisce da strutture “simili”, come le ali di insetti e uccelli. Sebbene svolgano una funzione simile, le ali di libellula e le ali di pappagallo sono nate indipendentemente e non condividono la stessa origine evolutiva.

Ecco cinque esempi di tratti antichi che potresti essere sorpreso di sapere che esistono ancora oggi negli esseri umani.

passo in avanti

Cosa ci rende umani? Questa domanda ha sconcertato studiosi e scienziati per secoli. Oggi sembra relativamente facile dire chi è umano e chi no, ma guardando i reperti fossili le cose diventano rapidamente meno chiare.

L’umanità inizia con le origini della nostra specie, Homo sapiensE 300.000 anni fa? O dovremmo allungare le cose indietro di oltre tre milioni di anni ad antenati come “Lucia”(Australopithecus afarensis) dall’Africa orientale? O addirittura tornare alla nostra separazione dalle altre grandi scimmie?

Qualunque linea tu tracci nella sabbia per definire la nascita dell’umanità, una cosa è certa. L’atto abituale di camminare su due gambe, noto come “bipedismo”, è stato uno dei più grandi passi dei nostri antenati.

Due piedi nudi fanno un passo su una tavola di misurazione dell'andatura blu in un laboratorio

È difficile sopravvalutare l’importanza del bipedismo nell’evoluzione umana.
Microgen/Shutterstock

Quasi ogni parte della nostra struttura è stata interessata dal passaggio dal camminare a quattro zampe allo stare in piedi. Queste regolazioni includono l’allineamento e le dimensioni delle ossa del piede, delle anche, delle ginocchia, delle gambe e della colonna vertebrale.

Ancora più importante, sappiamo dai teschi fossili che il rapido aumento delle dimensioni del nostro cervello È successo poco dopo che ho iniziato a camminare eretto. Ciò richiede cambiamenti pelvici per consentire ai nostri bambini dal cervello più grande di passare attraverso il canale del parto dilatato.

Il nostro bacino allargato (a volte chiamato flare iliaco) è una caratteristica simmetrica In comune con diversi lignaggi dei primi umani fossilicosì come tutti coloro che vivono oggi.

Quindi quelle nostre grandi menti hanno alimentato un’esplosione nell’arte, nella cultura e nella lingua, che sono concetti importanti quando si pensa a ciò che ci rende umani.

buco nella tua testa

Oltre ai tuoi bulbi oculari seduti nelle loro orbite, potresti essere sorpreso di apprendere che hai altri grandi fori (noti come fenestrae) nel tuo cranio.

C’è una finestra su ciascun lato del cranio umano, che ci unisce al nostro cranio Antenati comuni più di 300 milioni di anni fa.

Gli animali che hanno questa singola finestra nei loro crani sono conosciuti come Sinapsi. La parola significa “arco fuso”, un riferimento all’arco osseo sotto l’apertura nel cranio dietro ciascun occhio.

Oggi tutti i mammiferi, compreso l’uomo, sono sinapsi (ma rettili e uccelli no).

Altri famosi sinapsidi preistorici includono quelli spesso erroneamente identificati Dimetrodonte. L’antico rettile sostenuto dalla vela viene spesso scambiato per un dinosauro. Tuttavia, con i loro arti tentacolari e le singole finestre temporali, appartengono invece a un lignaggio a volte indicato come “rettili simili a mammiferi”, anche se preferiamo il termine più accurato sinapsidi.

Illustrazione colorata di un animale simile a un rettile verde con una grande pinna semicircolare su tutta la schiena

Rappresentazione artistica di Dimetrodon, un animale estinto da tempo che non era un dinosauro.
David Rowland/Shutterstock

10 mignoli e 10 mignoli

Sto scrivendo questo articolo sul mio computer usando dieci delle mie cifre (dita e pollici; le cifre si riferiscono anche alle dita dei piedi ma non colpiscono la tastiera).

Questo modello di cinque dita su una mano o un piede umano, noto come “arto a cinque dita”, si trova nella maggior parte degli anfibi, rettili, uccelli e mammiferi.

Ma i pesci non hanno le dita delle mani e dei piedi, quindi quando si sono sviluppate per la prima volta queste dita?

un Uno studio recente Io ei miei colleghi abbiamo descritto le prime dita che si trovano conservate all’interno della pinna di un pesce. Abbiamo usato potenti tecniche di imaging per guardare all’interno di un fossile di 380 milioni di anni chiamato… Elpistostege Dal Quebec, Canada, per svelare i bastoncini di pesce più antichi!

Sorprendentemente, il primo pesce a sviluppare le dita aveva ancora i raggi delle pinne intorno a loro, quindi queste ossa non sarebbero visibili sull’animale dall’esterno.

I primi tetrapodi (animali a quattro arti con una spina dorsale che alla fine si spostava dall’acqua alla terra) “sperimentarono” con cifre numeriche, a volte trovate con sei, sette o otto.

È probabile che questi primi tetrapodi vivessero ancora nell’acqua. Fu solo quando i tetrapodi divennero veramente terrestri che arrivò la punta a cinque cifre. Questa disposizione molto probabilmente è nata come una soluzione pratica Per il peso che porti a terra.

persona anziana

La tua mente vaga quando ti lavi i denti? Bene, hai mai pensato a quanti anni hanno i tuoi bianchi perlati evolutivamente?

Nel 2022, un team di paleontologi descrive denti di pesce fossili isolati Dalle rocce siluriane nella provincia di Guizhou, Cina. Questa straordinaria scoperta ha spinto l’età minima dei denti indietro di altri 14 milioni di anni rispetto alle scoperte precedenti. Ciò significa che i nostri denti risalgono a 439 milioni di anni fa.

Primo piano di una spirale di pietra con bordi appuntiti sovrapposti su uno sfondo viola

fossile di A Helicoprion bissonoi Dentifricio degli Urali, Russia.
Cedro/Wikimedia CommonsE CC BY-SA

Prende il nome da quel nuovo pesce, è un primo vertebrato dalla mascella Qianodus Duplicis È noto solo da denti isolati e specializzati noti come “appendici”. Un dente a spirale è una strana fila di denti che si arriccia su se stessa in uno schema a spirale (più famoso nello squalo sega circolare, Elicoprion).

Tuttavia, i denti dei pesci mascellari cinesi hanno una serie di caratteristiche che si trovano in altri moderni vertebrati mascellari, che evidenziano la loro importanza nella comprensione dell’evoluzione dei nostri scarafaggi. masticalo!

La spina dorsale cresce

“Far crescere una spina dorsale” significa diventare più audaci e più sicuri di sé. I primi animali a fare proprio questo devono aver sfidato i pericolosi mari antichi 500 milioni di anni fa.

In primo luogo, questi animali simili a vermi hanno sviluppato una “notocorda”, un’asta fatta di cartilagine che corre lungo la parte posteriore del corpo. Ciò ha permesso di attaccare masse di muscolatura segmentata e una lunga coda che si estendeva oltre l’ano. Vengono chiamati tutti gli animali con una notocorda cordatiIncludono di tutto, dalle ascidie ai gabbiani, che ospitano più di 65.000 specie viventi.

Per avere un’idea dei primi cordati, oggi possiamo guardare gli animali come Lancetta (conosciuto come Anfiosso o Brankyostoma). Le lancette sembrano piccoli pesci primitivi senza pinne. Nuotano ondeggiando i loro corpi da un lato all’altro.

Pesce traslucido senza pinne su uno sfondo scuro

Branchiostoma lanceolatum, un tipo di erisipela.
Hans Hellewert/Wikimedia CommonsE CC BY-SA

Poi vengono quelli con teste ben organizzate (cranios) e quelli in cui la notocorda è sostituita da una spina dorsale negli adulti (vertebrati).

La colonna vertebrale è costituita da singole ossa segmentate (vertebre) che si incastrano in uno specifico schema ad incastro. Abbiamo alcuni fossili sconcertanti che rappresentano i primi esempi conosciuti di vertebrati, come Metasprigina Conosciuto dal Canada, o Haikouichthys Dalla Cina in rocce di oltre 500 milioni di anni.

Quindi, che si tratti del tuo grande cervello e dell’ampia pelvi per camminare eretti, di un cranio con una sola narice e arcata ossea, delle dita delle mani e dei piedi, dei tuoi denti o del tuo midollo spinale, noi umani condividiamo molte caratteristiche antiche nei nostri corpi.

poi, Nelle parole della poetessa e attivista Maya AngelouPuò essere utile ricordare che siamo più simili di quanto non lo siamo.

READ  Aggiornamento del coronavirus NC 17 dicembre: identificati 3 nuovi casi di omicron COVID 19 in North Carolina