Dicembre 1, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Pioggia di meteoriti delle Orionidi: attenzione alle meteore nel cielo questo fine settimana

Pioggia di meteoriti delle Orionidi: attenzione alle meteore nel cielo questo fine settimana

Nota dell’editore: Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Se stai cercando uno spettacolo spettacolare questo fine settimana, fai attenzione allo sciame meteorico delle Orionidi che brillerà per tutta la notte di sabato e domenica.

Si prevede che lo sciame raggiungerà il picco alle 20:00 ET di domenica, ma secondo EarthSky si prevede che meteore visibili si riverseranno nel cielo per tutto il fine settimana a una velocità compresa tra 10 e 20 all’ora, e potranno essere viste da tutto il mondo durante la notte.

Il momento migliore per avvistare la meteora sarebbe nelle prime ore del mattino, quando la luminosità, o il punto da cui sembrano sparare le meteore – in questo caso la costellazione di Orione – è al suo massimo intorno alle 2 del mattino in qualsiasi momento. zona. , Ma Dr. Ashley King, ricercatrice di scienze planetarie Il Museo di Storia Naturale di Londra ha affermato che le meteore inizieranno ad apparire non appena calerà l’oscurità.

Alla fine di questa settimana, la Luna sarà nella fase del primo quarto e tramonterà verso mezzanotte. Secondo l’American Meteor Society. Ciò significa che la sua luminosità interferirà leggermente con la visione della meteora, ha detto King.

“Ti consigliamo di aspettare finché la luna tramonta”, ha detto. “Anche se ti trovi in ​​una città, dovresti essere in grado di vedere alcune meteore: in realtà è solo questione di guardare il cielo ed essere pazienti.”

Per avere la migliore possibilità di avvistare una meteora, King suggerisce di uscire per almeno 10-20 minuti prima di osservare le stelle per consentire ai tuoi occhi di adattarsi alla scarsa illuminazione. Se possibile, l’ideale è stare lontano dall’inquinamento luminoso e trovare un posto con una visione chiara del cielo scuro, ha detto King.

READ  BA.2: Negli Stati Uniti è stata diffusa una versione più contagiosa della variante Omicron

Le meteore Orionidi provengono da una delle comete più famose, Halley, che attualmente si trova vicino alla metà della sua orbita di 76 anni attorno al Sole. Anche se la cometa non apparirà nel cielo notturno della Terra fino al 2061, lascia dietro di sé una scia di detriti che il nostro pianeta attraversa ogni anno, dando origine alle Orionidi.

All’inizio di maggio, la Terra attraversa una sezione diversa del percorso orbitale di Halley, provocando una pioggia di meteoriti nota come Eta Aquaridus.

“Quello che stai vedendo sono piccoli granelli di polvere di cometa che viaggiano molto velocemente”, ha detto King. “Quando entrano nell’atmosfera, si riscaldano ed evaporano, e ottengono quella striscia luminosa: è ciò che chiamiamo meteora.”

Gli Orionidi tendono ad essere luminosi e in rapido movimento, a 148.000 miglia all’ora (238.183 chilometri all’ora). Secondo la NASA. A causa di questa alta velocità, le Orionidi spesso tracciano lunghe scie nel cielo, che sono la prova visiva della polvere emessa dai meteoriti mentre si riscaldano, ha detto King.

A volte, gli sciami meteorici possono avere picchi inaspettati nella velocità dei meteoriti. Dal 2006 al 2009, le Orionidi hanno visto tra le 50 e le 75 meteore all’ora, secondo Società americana delle meteoriti. Si prevede che quest’anno le tariffe saranno normali, ma c’è sempre la possibilità di una sorpresa. l’organizzazione nota sul suo sito web.

“Non solo è sorprendente, è emozionante vedere le strisce luminose attraverso il cielo, che non è qualcosa che si vede tutti i giorni, ma si tratta di granelli di polvere che si sono formati poco più di 4,6 miliardi di anni fa”, ha detto King. “Questa è polvere dalla nascita del sistema solare.”

READ  Una misteriosa firma termica proveniente da un esopianeta "Hellworld" - 40 anni luce dalla Terra

Dopo il picco delle Orionidi, la frequenza oraria delle meteore visibili inizierà a rallentare fino alla fine dello sciame, il 22 novembre. Se ti sei perso il picco questo fine settimana, ci sono altri cinque sciami meteorici rimasti da catturare quest’anno:

● Tauridi meridionali: 5-6 novembre

● Rivolte del Nord: 11-12 novembre

● Leonidi: 17-18 novembre

● Gemelli: 13-14 dicembre

● Ursidi: 21-22 dicembre

Ci sono tre lune rimanenti nel 2023, Secondo l’Almanacco degli agricoltori:

● 28 ottobre: ​​Luna del Cacciatore

● 27 novembre: Luna del Castoro

● 26 dicembre: Luna Fredda

Eclissi lunari e solari

Il 14 ottobre, le persone in tutto il Nord, Centro e Sud America hanno potuto vedere un’eclissi solare anulare. Durante questo evento, la Luna passava tra il sole e la Terra formando un “anello di fuoco” nel cielo. Questo è stato l’ultimo evento di eclissi solare fino al 2024.

Tuttavia, il 28 ottobre si verificherà un’eclissi lunare parziale che sarà visibile in Europa, Asia, Australia, parti del Nord America e gran parte del Sud Africa. Questa eclissi si verifica quando una parte della Luna passa nell’ombra della Terra, permettendo all’ombra di apparire sulla Luna per un breve periodo di tempo.