Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Pine Island Ice Shelf si sta facendo a pezzi, accelerando i principali ghiacciai antartici

Il ghiacciaio di Pine Island termina in una piattaforma di ghiaccio che galleggia nel mare di Amundsen. Queste crepe si trovano vicino alla linea di messa a terra, dove il ghiacciaio si collega all’Antartide. L’immagine è stata scattata nel gennaio 2010 dal lato est del ghiacciaio guardando ad ovest. Questa piattaforma di ghiaccio ha perso un quinto della sua superficie dal 2017 al 2020, causando un’accelerazione del 12% del ghiacciaio interno. Credito: Ian Joughin/Università di Washington

Nel corso dei decenni, la piattaforma di ghiaccio che aiuta a trattenere uno dei ghiacciai in rapido movimento dell’Antartide è gradualmente diminuita. L’analisi delle immagini satellitari rivela un processo ancora più drammatico negli ultimi anni: dal 2017 al 2020, grandi iceberg sono scoppiati ai margini della piattaforma di ghiaccio e il ghiacciaio ha accelerato.

Poiché le piattaforme di ghiaccio galleggianti aiutano a trattenere la massa terrestre più grande del ghiacciaio, la recente accelerazione dovuta al bordo debole potrebbe accorciare la linea temporale per l’eventuale collasso del ghiacciaio di Pine Island in mare. Lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Washington e del British Antarctic Survey, è stato pubblicato l’11 giugno 2021 sulla rivista Open Access. progresso scientifico.

“Potremmo non permetterci il lusso di aspettare lenti cambiamenti su Pine Island; le cose potrebbero effettivamente andare molto più velocemente del previsto”, ha detto l’autore principale Ian Goggin, un glaciologo presso il Laboratorio di fisica applicata dell’UW. Le cose potrebbero essere ancora più sorprendenti se perdiamo il resto di quella piattaforma di ghiaccio.

La piattaforma di ghiaccio sul ghiacciaio di Pine Island in Antartide ha perso circa un quinto della sua area dal 2017 al 2020, la maggior parte in tre drammatiche interruzioni. Il video time-lapse include immagini satellitari da gennaio 2015 a marzo 2020. Per la maggior parte dei primi due anni, il satellite ha catturato immagini ad alta risoluzione ogni 12 giorni; Poi, per più di tre anni, ho fotografato la piattaforma di ghiaccio ogni sei giorni. Le immagini provengono dai satelliti Copernicus Sentinel-1, che sono gestiti dall’Agenzia spaziale europea per conto dell’Unione europea. Credito: Joughin et al./Science Advances

Il ghiacciaio di Pine Island contiene quasi 180 trilioni di tonnellate di ghiaccio, l’equivalente di 0,5 metri, o 1,6 piedi, dell’innalzamento globale del livello del mare. È già responsabile di gran parte del contributo dell’Antartide all’innalzamento del livello del mare, causando un aumento del livello del mare di circa un sesto di millimetro ogni anno, o circa due terzi di pollice per secolo, un tasso che dovrebbe aumentare. Se lei e il vicino ghiacciaio Thwaites accelerassero e fluissero completamente nell’oceano, liberando la loro presa sulla più ampia calotta glaciale dell’Antartico occidentale, i mari globali potrebbero alzarsi di diversi metri nei prossimi secoli.

READ  La NASA sta attivamente cercando la vita nell'universo, afferma il funzionario

Questi ghiacciai hanno attirato l’attenzione negli ultimi decenni poiché gli strati di ghiaccio sono diminuiti poiché le correnti oceaniche più calde hanno sciolto la parte inferiore del ghiaccio. Dagli anni ’90 al 2009, il movimento verso il mare del ghiacciaio di Pine Island è accelerato da 2,5 chilometri all’anno a 4 chilometri all’anno (da 1,5 miglia all’anno a 2,5 miglia all’anno). Poi la velocità del ghiacciaio si è stabilizzata per quasi un decennio.

Joughin ha affermato che i risultati mostrano che ciò che è accaduto di recente è un processo diverso legato alle forze interne sul ghiacciaio.

Dal 2017 al 2020, la piattaforma di ghiaccio di Pine Island ha perso un quinto della sua area in alcune drammatiche interruzioni catturate dai satelliti Copernicus Sentinel-1, che sono gestiti dall’Agenzia spaziale europea per conto dell’Unione europea. I ricercatori hanno analizzato le immagini da gennaio 2015 a marzo 2020 e hanno scoperto che i recenti cambiamenti alla piattaforma di ghiaccio non sono stati causati da processi direttamente correlati allo scioglimento degli oceani.

“Sembra che la piattaforma di ghiaccio si stia lacerando a causa dell’accelerazione del ghiacciaio negli ultimi dieci o due anni”, ha detto Goggin.

Due punti sulla superficie del ghiacciaio analizzati nel documento hanno accelerato del 12% tra il 2017 e il 2020. Gli autori hanno utilizzato un modello di flusso di ghiaccio sviluppato presso l’Università del Wisconsin per confermare che la perdita della piattaforma di ghiaccio ha causato l’accelerazione osservata.

“I recenti cambiamenti di velocità non sono dovuti all’assottigliamento causato dallo scioglimento; piuttosto, sono dovuti alla perdita della porzione esterna della piattaforma di ghiaccio”. “L’accelerazione del ghiacciaio non è disastrosa a questo punto. Ma se il resto di quella piattaforma di ghiaccio si rompe e scompare, allora questo ghiacciaio può accelerare molto”.

READ  Nel bagliore ultravioletto, aurore su Marte avvistate da un orbiter degli Emirati

Non è chiaro se lo scaffale continuerà a crollare. Altri fattori, come la pendenza della terra sotto il bordo in ritirata del ghiacciaio, entreranno in gioco, ha detto Joughin. Ma i risultati hanno cambiato la cronologia di quando la piattaforma di ghiaccio di Pine Island potrebbe scomparire e la velocità con cui il ghiacciaio si muoveva, migliorando il suo contributo all’innalzamento dei mari.

Lo ha affermato il coautore Pierre Dautereau, fisico oceanico del British Antarctic Survey. “Quindi sarà probabilmente un cambiamento rapido e improvviso”.

La piattaforma di ghiaccio di Pine Island è importante perché aiuta a trattenere questo ghiacciaio relativamente instabile dell’Antartico occidentale, nel modo in cui i contrafforti curvi della Cattedrale di Notre Dame sostengono il blocco della cattedrale. Una volta rimossi questi supporti, il ghiacciaio lento può fluire più rapidamente verso l’oceano, contribuendo all’innalzamento del livello del mare.

“Le registrazioni dei sedimenti davanti e sotto la piattaforma di ghiaccio di Pine Island indicano che il fronte del ghiacciaio è rimasto relativamente stabile per alcune migliaia di anni”, ha detto Dautreau. “Avanzi e interruzioni regolari si sono verificati all’incirca nella stessa posizione fino al 2017, per poi peggiorare successivamente ogni anno fino al 2020”.

Riferimento: “Ritiro della piattaforma di ghiaccio che guida la recente accelerazione del ghiacciaio di Pine Island” di Ian Gogin, Daniel Shapiro, Ben Smith, Pierre Dautreau e Mark Parham, 11 giugno 2021, progresso scientifico.
DOI: 10.1126 / sciadv.abg3080

Altri coautori sono Daniel Shapiro e Ben Smith dell’Università del Wisconsin; e Mark Parham al British Antarctic Survey. Lo studio è stato finanziato dalla US National Science Foundation, dalla NASA e dal Natural Environment Research Council del Regno Unito.

READ  I bioingegneri stanno sviluppando un algoritmo per confrontare le cellule tra le specie, con risultati sorprendenti