Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché Sally Rooney si è rifiutata di consentire a un editore israeliano di tradurre il suo romanzo in ebraico?

Rooney ha detto in una dichiarazione rilasciata mercoledì La sua mossa era diretta all’editore, non alla lingua (o, per estensione, al popolo ebraico). Notando che i suoi primi due romanzi erano stati tradotti in ebraico (da Modan), ha detto: “È un onore per me avere il mio ultimo romanzo tradotto in ebraico e disponibile per i lettori ebrei. Ma per il momento, ho scelto di non vendere questi diritti di traduzione a una casa editrice con sede in Israele”.

Scarica

La posizione di Rooney è ampiamente in linea con il movimento BDS, che Rooney descrive come “una campagna di base non violenta, antirazzista e guidata dai palestinesi che chiede un boicottaggio economico e culturale delle imprese e delle istituzioni israeliane complici in risposta al regime dell’apartheid e ad altri gravi violazioni dei diritti umani».

Tra gli altri che hanno preso una tale posizione in passato ci sono gli autori Alice Walker (Viola(Noemi Klein)Non c’è il logoe dottrina dello shocke Arundhati RoyDio delle piccole cose) e i musicisti Roger Waters e Lord e i comici Alexi Seal e Russell Brand.

Per gli autori australiani, la domanda rimane in gran parte ipotetica.

“Questo non è stato un problema per me, poiché i miei libri vengono pubblicati raramente al di fuori dell’Australia”, afferma il pluripremiato autore aborigeno Tony Burch. “Il record australiano di violazioni dei diritti umani contro gli indigeni è spaventoso, ma non riesco a interrompere il paese in cui sono nati i miei libri quando cerco di sollevare questioni di giustizia sociale nel mio lavoro. Quello che posso fare è usare la piattaforma che a volte mi hai dato sollevare questioni di diritti umani, che entrano nella mia immaginazione”.

READ  L'OMS ritira la teoria della fuga di laboratorio di Covid-19 in Cina

Birch ritiene che l’azione di Rooney “è un gesto simbolico nel cuore, anche se non in senso negativo. Il suo gesto globale attirerà l’attenzione sulle violazioni in Palestina, il che è positivo”.

Scarica

Il giornalista e scrittore australiano Anthony Lowenstein, che in precedenza ha criticato le azioni di Israele nei territori occupati, ha affermato che c’è opposizione al suo libro. La mia domanda è Israele Anche prima che fosse pubblicato nel 2006. Per i suoi scritti, Lowenstein, che ha vissuto a Gerusalemme est dal 2016 al 2020, è stato etichettato come un che odia se stesso, un emarginato e ha inviato minacce di morte.

“Ciò che è esasperante, ma non sorprendente, è che molte persone sono molto arrabbiate per la decisione di Rooney – più di quanto non lo siano per ciò che Israele fa giorno dopo giorno sotto l’occupazione israeliana”, dice. “Stai facendo qualcosa del genere perché vuoi sfidare la comoda situazione di cui gode Israele nel mondo nonostante il suo comportamento”.

L’editore Louise Adler ha affermato che mentre l’editore ha i diritti di vendere o tradurre un libro per determinati territori, lo fa “con il consenso dell’autore”.

“Ma non credo che ci sarà un editore nel paese che dirà all’autore che vogliamo pubblicare in una lingua o in un paese con cui non ti senti a tuo agio”, ha detto.

In generale, Adler ha affermato di non essere una fan dei boicottaggi culturali. “Penso che l’impegno sia vitale e più produttivo, ma Sally Rooney è una giovane scrittrice che ha un pubblico giovane e chiede alle persone di pensare a questo problema, e questa è una buona cosa”.

READ  Il problema fatale della Disney con l'alligatore nella sua proprietà in Florida

Invia un’e-mail all’autore a kquinn@theage.com.au o seguilo su Facebook all’indirizzo Il giornalista Carlquin E su Twitter Tweet incorporato