Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché l’economia russa può rimanere forte

08:51

Qual è il problema?

Almeno a breve termine, le attuali sanzioni occidentali sembrano aver avuto un impatto economico molto reale sulla Russia: l’inflazione ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 24 anni, i tassi di interesse sono più che raddoppiati e c’è stato un crollo del valore del il rublo.

Ma qual è l’impatto a lungo termine sull’economia russa? Ancora più importante, l’economia è l’unico vero modo per convincere il presidente Vladimir Putin a ripensare i suoi piani per l’Ucraina?

Sergei Aleksachenko, ex vice governatore della Banca centrale russa – e qui si unisce L’agenda con Stephen Col Per rispondere a queste stesse domande.

Incontra l’esperto:

Sergei Aleksachenko è un economista russo ed ex funzionario del governo.

Dal 1993 al 1995 ha ricoperto la carica di Vice Ministro delle Finanze della Federazione Russa e dal 1995 al 1998 di Primo Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca Centrale Russa. È anche un past president di Merrill Lynch Russia.

Cosa dice Sergei Aleksachenko?

Con tassi di interesse e inflazione storicamente elevati, afferma Aleksachenko, il popolo russo sta sicuramente pagando un prezzo pesante per il conflitto in Ucraina. Tuttavia, per quanto riguarda la stabilità futura anche nel mezzo di sanzioni senza precedenti, ritiene che l’economia russa possa continuare.

“Putin ha ripetutamente affermato che la Russia ha grandi riserve”, dice. “Basterà combattere le sanzioni? Non dirò che la quantità di risorse o la quantità di risorse a disposizione della Banca centrale è il problema principale per la Russia di oggi. Il conto corrente della Russia è molto forte ed è positivo”.

READ  I comuni italiani possono scoprire gratuitamente quanto dista la loro cerchia

Nonostante il crollo del rublo e le rigide restrizioni valutarie, Aleksachenko afferma che è improbabile che la Russia vada in default sul suo debito estero.

“Secondo me, spetta al ministro delle finanze russo o al presidente russo decidere se ci debba essere un default o meno – se il ministro delle finanze russo vuole ripagare il debito e vuole evitare qualsiasi default, allora si può fare .”

Ma aggiunge che non conosceremo davvero il vero impatto delle attuali sanzioni sull’economia per un po’ di tempo a venire.

“Il reale impatto di tutte le sanzioni sull’economia non sarà visibile prima di tre o sei mesi da oggi. Entro la fine di quest’anno saremo in grado di vedere davvero quanto sia grande il calo del PIL, quanto sia grande il calo della vita standard è e come l’economia russa se la caverà dopo la guerra, se mi fermassi e quando”.

Anche all’ordine del giorno

L’avvocato per le sanzioni Adam Smith

Lorenzo Codogno, ex capo economista del Tesoro italiano