Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché la variante Delta è un “punto di svolta” per la ripresa da Covid in tutto il mondo

La variante delta sta rapidamente diventando il ceppo di coronavirus dominante in tutto il mondo poiché gli esperti avvertono che si tratta di un “totalmente rivoluzionario” quando si tratta della nostra ripresa dalla pandemia.

Almeno 15 casi del ceppo delta più contagioso sono stati rilevati nel gruppo Western Victoria di Melbourne, così come fino a 85 casi del ceppo Kappa, una variante strettamente correlata. Anche il New South Wales ha confermato la presenza di a caso delta Giovedi.

Entrambi i ceppi sono più contagiosi del virus selvaggio Wuhan, che si è diffuso in Australia lo scorso anno. La razza Delta in particolare è fonte di preoccupazione per gli esperti ed è probabile che diventi la razza dominante in tutto il mondo.

“È completamente rivoluzionario”, ha detto il professor Tony Blakely, epidemiologo dell’Università di Melbourne, della variante delta.

“Se questa variabile era presente nell’ultimo anno, non c’è modo per il NSW di controllare l’epidemia semplicemente tracciando i contatti”, ha detto a news.com.au.

Il tipo delta è stato identificato per la prima volta in India e ora rappresenta il 96% dei casi in Gran Bretagna e circa il 10% dei casi negli Stati Uniti. Il Regno Unito ha deciso questa settimana di ritardare la sua riapertura di un mese a causa della diffusione del ceppo.

L’avvento della variante rende più importante la vaccinazione, non solo per evitare che le persone si ammalino gravemente o muoiano, ma anche per rallentare la diffusione del virus.

“Poiché i delta sono due volte più contagiosi, avremmo bisogno di circa la metà della popolazione per essere vaccinata affinché questa specie si comporti come il virus ha fatto l’anno scorso”, ha detto il professor Blakely.

“La vaccinazione sta diventando sempre più importante, non solo per proteggere le persone da morti o malattie gravi, ma anche per aumentare l’immunità del gregge e ridurre la diffusione dell’infezione”.

Vaccinare più persone agirebbe come un “freno a mano” sulla diffusione del virus poiché le persone avrebbero meno probabilità di contrarre l’infezione o di trasmettere l’infezione se si ammalassero.

READ  La regina Elisabetta II apre il Parlamento britannico nella sua prima apparizione pubblica dalla morte del principe Filippo

“Per competere con successo con il virus, abbiamo urgente bisogno di aumentare la vaccinazione”, ha affermato il professor Blakely.

Relazionato: Perché la variabile delta è terrificante per gli esperti?

Servono due dosi di vaccino per combattere il delta

L’emergere della variante delta significa anche una maggiore pressione sugli australiani per ottenere la vaccinazione di almeno due dosi il più rapidamente possibile.

Anche ottenere due dosi del vaccino sta diventando più importante poiché né AstraZeneca né il vaccino di Pfizer sono stati trovati per fare bene contro Delta se viene somministrata solo una dose.

Anche dopo la somministrazione di due dosi, i vaccini sono meno efficaci contro la protezione rispetto alla variante delta wild-type di Wuhan o alla variante alfa, che è stata identificata per la prima volta nel Regno Unito.

Per quanto riguarda la variante alfa, è stato scoperto che sia AstraZeneca che Pfizer forniscono circa il 50 percento di protezione contro i sintomi della malattia dopo quattro settimane di una sola dose di vaccino, secondo i dati di Sanità pubblica Inghilterra Pubblicato su carta stampata questa settimana.

Ma la protezione contro la variante Delta è scesa al 36 percento per coloro che hanno ricevuto l’iniezione Pfizer e al 30 percento per coloro che hanno ricevuto AstraZeneca.

Fortunatamente, la protezione aumenta notevolmente quando una persona assume due dosi di uno dei due vaccini.

Pfizer jab sembra fornire una protezione dell’88% contro la malattia accidentale della variante delta due settimane dopo la seconda dose (rispetto al 94% di protezione contro la variante alfa).

Il vaccino AstraZeneca offre anche una protezione del 67 percento dopo due dosi (rispetto al 74 percento contro l’Alpha).

“Il 60% è meglio che nessuna protezione”, ha affermato Marie-Louise McLaws, professoressa all’Università del New South Wales e consulente dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Entrambi i vaccini sono anche molto efficaci nel prevenire il ricovero in ospedale dopo due dosi, con Pfizer al 96% e AstraZeneca al 92 percento.

READ  Il primo processo di "sicurezza nazionale" di Hong Kong inizia senza giuria | notizie dal mondo

Sia il professor Maclaus che il professor Blackley ritengono che la maggiore trasmissibilità delle varianti influenzerà la capacità dell’Australia di aprirsi perché più popolazione dovrà essere vaccinata per ottenere l’immunità di gregge.

Il professor Blakely ha notato che Delta è decollato nel Regno Unito anche se circa l’80% della popolazione adulta aveva ricevuto la prima dose del vaccino.

“Forse questo dimostra che hai bisogno di una percentuale maggiore di persone vaccinate nel Regno Unito”, ha detto.

Il Regno Unito sta ora pianificando di accelerare il lancio delle seconde dosi in risposta ai rischi posti dalla variante delta.

Relazionato: Una mappa terrificante mostra la diffusione del ceppo Delta Covid-19

Sarebbe difficile ottenere l’immunità di gregge

All’inizio si credeva che l’immunità di gregge potesse essere raggiunta con meno Il 70% della popolazione è stato vaccinato Ma le variabili hanno cambiato questo.

Il professor Blakely ha affermato che se l’Australia si aprisse con solo il 70% della popolazione vaccinata, probabilmente il 10-20% delle persone infette lo vedrebbe.

“A meno che non si ottenga più dell’80 o del 90% dei vaccini, si avrà un carico moderato di malattia o morte”, ha detto.

Ha detto che era importante vaccinare il maggior numero possibile di persone, compresi i bambini, e le persone con più di 50 anni che hanno ricevuto l’iniezione di AstraZeneca potrebbero anche aver bisogno di una dose di richiamo di un vaccino mRNA come Pfizer il prossimo anno prima che l’Australia apra i suoi confini per fornire protezione.

Prima che emergessero le varianti, il professor McLaws stimava che circa l’85% degli adulti avrebbe dovuto essere vaccinato per l’immunità di gregge.

Tuttavia, ora ritiene che i bambini di età superiore agli 11 o 12 anni dovrebbero essere inclusi nel programma di vaccinazione, per facilitare il raggiungimento dell’immunità di gregge.

Se i bambini fossero inclusi, ciò ridurrebbe la percentuale della popolazione adulta che dovrebbe essere vaccinata a circa il 70%. Tuttavia, il professor McLaws pensa ancora che sia meglio puntare a circa l’85% per essere al sicuro.

READ  La megattera ingoia i conducenti al largo del Massachusetts e la sputa fuori

Ha notato che il 98% di coloro che sono morti a causa di COVID-19 ha più di 60 anni e il 94% ha più di 70 anni.

Sebbene fosse essenziale che le persone si vaccinassero, il professor McLaws ha affermato che non è stato molto utile per le autorità descrivere le persone come “titanti sui vaccini”.

Relazionato: Perché l’immunità di gregge è così importante?

Il professor McLaws ha affermato che le autorità hanno scelto di “puntare i riflettori sulla comunità e descriverli come riluttanti quando la maggior parte del problema è ottenere congedo o forniture”.

Ha detto che i datori di lavoro dovrebbero essere tenuti a concedere ai lavoratori mezza giornata libera per vaccinarsi e molte persone potrebbero anche avere difficoltà a permettersi i trasporti pubblici per raggiungere i centri di vaccinazione.

La professoressa McLaws ha affermato che la sua esperienza con l’HIV ha dimostrato che la maggior parte delle persone in ritardo è conservatrice quando prende decisioni importanti e che dovrebbe essere rispettata. A differenza dei sostenitori dell’anti-vaccinazione, i ritardatari verranno vaccinati una volta che vedranno vaccinarsi più primi e intermedi.

“Tuttavia, potremmo non avere molto tempo”, ha detto.

Ha detto che se l’Australia apre i suoi confini e le persone non vengono vaccinate abbastanza presto, potrebbero finire per avere un diverso tipo di ansia e potrebbero ammalarsi gravemente.

“L’Organizzazione mondiale della sanità non ha ancora deciso se il delta stia causando più morti”, ha detto.

“Non sono sicuri se i decessi in India siano dovuti al numero di persone infette o se siano dovuti al sovraccarico dei servizi sanitari e alla mancanza di accesso all’ossigeno.

“Le persone che sono più lente a prendere questa decisione devono capire che non vogliono giocarci”.

charis.chang@news.com.au | Tweet incorporato