Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché la migliore possibilità per Trump di vincere le elezioni americane potrebbe essere quella di sfruttare un acerrimo rivale per la vicepresidenza

Perché la migliore possibilità per Trump di vincere le elezioni americane potrebbe essere quella di sfruttare un acerrimo rivale per la vicepresidenza

Mentre l’attuale presidente Joe Biden e il suo rivale repubblicano Donald Trump si preparano per il loro primo dibattito alla fine di questa settimana, c’è una grande domanda che incombe sulla corsa presidenziale degli Stati Uniti: chi sceglierà Trump come suo vice presidente?

Non sono mancate le speculazioni sulla questione. Trump sceglierà un altro tipo nazionalista leale che difficilmente espanderà la sua base elettorale? Oppure sceglierà qualcuno dell’ala non populista del Partito Repubblicano nel tentativo di ampliare il suo strettissimo vantaggio su Biden?

C’è solo una opzione logica per Trump se vuole intraprendere questa strada. Che gli piaccia o no, la sua migliore possibilità di vittoria potrebbe essere il suo principale rivale e, fino a poco tempo fa, critico: l’ex candidato presidenziale repubblicano Nikki Haley.

Nikki Haley durante la campagna elettorale a febbraio durante le primarie presidenziali repubblicane.
Craig Lassig/EPA

Da critico a sostenitore

Per mesi durante le primarie repubblicane, Haley è stata molto critica nei confronti di Trump. Ha detto, tra le altre cose, che Trump “Sono diventato più irrequieto e instabile“Da quando ha lasciato l’incarico nel 2021, è stato”non qualificato“Essere presidente.

Ha anche detto:

Sfoga la sua rabbia sugli altri. Sta diventando ogni giorno più cattivo e aggressivo. Cerca di maltrattare me e chiunque mi supporti.

Haley è stato il più forte avversario di Trump alle primarie, vincendo gare nel Vermont e Washington, D.C. Vale la pena notare che ha continuato a farlo anche dopo il suo ritiro dalla gara lo scorso marzo Ottenere grandi quantità di voti Negli Stati in cui è stata confermata la vittoria di Trump. Questi voti sono stati considerati una protesta contro Trump e un potenziale problema per lui nelle elezioni di novembre.

READ  AG ci ha minacciato dicendo "Guarda quello che dici"


Leggi tutto: Chi sceglierà Trump come suo compagno di corsa? Nel 2024, i Veepstakes sono più alti del solito


Ma Haley ha cambiato tono il mese scorso. In un discorso come nuovo presidente dell’Hudson Institute, Haley ha annunciato che avrebbe votato per Trump.

Lei Egli ha detto Voleva un presidente che “si presentasse a favore dei nostri alleati e ritenesse responsabili i nostri nemici” e qualcuno che proteggesse anche il confine tra Stati Uniti e Messico. Ha osservato che Biden è stato un “disastro” su questi temi.

Il suo annuncio ha causato divisione tra i repubblicani. L’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, un repubblicano anti-Trump, domanda I calcoli politici di Haley e se aspira a diventare vicepresidente. La stratega repubblicana Sarah Longwell lo descrisse come “Patetico codardo“.

Altri repubblicani hanno applaudito la mossa, incluso David Wilkins, che ha servito come ambasciatore degli Stati Uniti in Canada durante l’ultima amministrazione Bush. Lui Egli ha detto“I repubblicani dovrebbero unirsi il più possibile”.

Una storia di candidati repubblicani scettici

Haley chiede chiaramente un forte ruolo di leadership americana nel mondo, incluso… Sostegno all’Ucraina, Israele E TaiwanE un commercio più aperto con le nazioni liberali classiche che la pensano allo stesso modo l’ha resa la leader de facto dell’ala internazionalista (che i sostenitori di Trump chiamano “globalista”) del Partito Repubblicano.

Questa è una posizione rischiosa per qualcuno che voleva chiaramente diventare presidente. Quando il Partito Repubblicano ha successo, di solito nomina candidati presidenziali che sono scettici nei confronti delle complessità internazionali.

Nel 1980, ad esempio, il candidato Ronald Reagan aveva un programma che prevedeva: Cancellazione Il Trattato sul Canale di Panama e i dubbi sulla sua novità Relazioni normali Con la Cina.

Nel 2000, George W. Bush si opposeCostruzione della nazioneHa chiesto un ruolo americano più modesto negli affari globali.

Nel 2016, Trump lo ha espresso Opposizione puntata Alla guerra in Iraq e al suo interrogarsi NATO.

Una volta in carica, sia Reagan che Bush passarono naturalmente ad un approccio più internazionalista.

Trump ne aveva più di uno Record misto. Ha ritirato gli Stati Uniti dal partenariato transpacifico e dall’accordo sul nucleare iraniano ed è rimasto in carica Critica alle alleanze americane. Tuttavia, in realtà non ha ritirato gli Stati Uniti dalla NATO, come alcuni temevano Migliorare la diplomazia americana in Medio Oriente Promuovendo gli Accordi di Abraham tra Israele e i paesi arabi.

Haley e Trump nello Studio Ovale.
Haley, ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, siede con Trump nello Studio Ovale nell’ottobre 2018.
Michael Reynolds/EPA

Come puoi aiutare Haley?

Trump può ora potenziare la sua campagna aggiungendo le credenziali internazionali e la base elettorale di Haley al suo biglietto presidenziale.

I repubblicani usarono questo modello con successo nel 1980, con un candidato “America First” (Reagan) e un diplomatico esperto (George H. W. Bush) come loro candidato alla vicepresidenza. (Sia Bush che Haley erano ex ambasciatori degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite.)

Questa opzione dipende, ovviamente, dal desiderio di Trump di invitare Haley a unirsi al ticket. Il mese scorso Trump lo è stato ancora di più Conciliante Al suo acerrimo rivale, ha detto:

Beh, penso che farà parte della nostra squadra perché abbiamo molti degli stessi pensieri, le stesse idee.

Anche se la maggior parte dei repubblicani anti-Trump torneranno al partito a novembre, quando i voti verranno effettivamente conteggiati, il posto di Haley nel biglietto lo garantirà. La sua posizione di potenziale vicepresidente farebbe appello anche agli elettori indipendenti e forse anche ad alcuni democratici insoddisfatti della performance di Biden in carica.

Le elezioni del 2024 saranno probabilmente anche l’ultima campagna di Trump a livello nazionale. Se vince, sarà un’anatra zoppa, incapace di correre di nuovo. (I presidenti degli Stati Uniti possono servire solo due mandati.) Se perde, sarà una forza politica indebolita e (molto probabilmente) troppo vecchia per essere un valido candidato nel 2028.

Quindi, una volta definite le elezioni del 2024, il Partito Repubblicano inizierà a guardare al futuro. La migliore – e forse unica – possibilità per Haley di vincere la nomina presidenziale repubblicana nel 2028 è l’implicito sostegno di Trump alla sua nomina a vicepresidenziale quest’anno.