Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché la coltivazione della vite a pergola è in aumento

Perché la coltivazione della vite a pergola è in aumento

Secondo un’azienda italiana MW, i produttori di vino stanno tornando all’antica tecnica di allevamento a pergola, non solo per ridurre l’impatto delle fluttuazioni climatiche, ma anche la carenza di manodopera.

È stato durante una discussione all’ora di pranzo a Londra lunedì con il nuovo esperto di vino italiano, Andrea Lunardi db Ho appreso del grande sviluppo in atto nella viticoltura italiana, così come in altre parti del mondo.

Lunardi, che dirige Bertani Vineyards, uno dei principali produttori di Amarone e Valpolicella, e possiede una delle più grandi librerie di vini del mondo, ha affermato che tra i cambiamenti in atto nella produzione del vino di fronte alle sfide attuali, uno dei più notevoli è il cambiamento torniamo ai sistemi di allevamento Viti orizzontali molto allevate, dette a pergola.

Considerando che i produttori di vino di tutto il mondo si trovano ad affrontare la duplice minaccia di un clima caldo, spesso accompagnato da eventi meteorologici estremi, e di una ridotta offerta di manodopera, è possibile trovare una soluzione in vigna per affrontare entrambe le questioni: una pergola.

Di conseguenza, ha detto, “sempre più persone” stanno reintroducendo la tecnica di allevamento della vite in Italia, notando un aumento dell’uso in Valpolicella – dove è stata utilizzata per lungo tempo la tradizionale forma di allevamento, conosciuta come Pergola Veronese – ma anche altri luoghi che “tornano” al passato. sistema, come l’Argentina, insieme alla Galizia, dove la coltivazione dell’Albariño era prevalente, prima del più recente passaggio alla VSP (modalità di ripresa verticale).

Ancora più sorprendente, ha menzionato una tenuta di Napa che considerava un regime di allenamento, registrando Quintessa che considerava l’allenamento su un pergolato per mantenere il Cabernet più ombreggiato.

READ  L’Alfa Romeo rimarrà nel mondo del motorsport, e deve ancora decidere sulla Formula 1

Avendo scritto il suo documento di qualificazione MW sulla formazione a traliccio rispetto a VSP in Valpolicella, è nella posizione ideale per commentare i vantaggi del sistema orizzontale altamente addestrato, ma le sue conclusioni sui vantaggi del primo potrebbero essere sorprendenti.

Mentre i sistemi a pergola sono noti per fornire molta ombra ai grappoli, con una tettoia di foglie che protegge dal sole le uve appese sotto, la ridotta richiesta di manodopera per la tecnica di allevamento è ciò che Lunardi ha individuato come un vantaggio speciale.

Se si confronta l’approccio con VSP, ha detto Lunardi db La formazione della pergola richiede meno manodopera perché non è prevista la gestione della chioma, ovvero il diradamento e il posizionamento dei germogli, nonché la defogliazione necessaria con i sistemi VSP.

Questo approccio presenta altri vantaggi per quanto riguarda la forza lavoro dell’azienda vinicola. Poiché le viti allevate a traliccio generalmente maturano più lentamente, Lunardi ha affermato che ciò garantisce che ci siano “picchi inferiori di domanda di manodopera”, rispetto ai sistemi VSP, dove le uve sono generalmente più esposte alla luce solare e maturano più velocemente.

“La viticoltura è un’attività con un’elevata domanda di manodopera e la pergola porta maggiore stabilità”, ha affermato.

Naturalmente, va notato che tali confronti si riferiscono a sistemi di allevamento progettati per la raccolta manuale delle uve – l’approccio comune per produrre vini spumanti di alta qualità – dove la raccolta automatizzata risolve il problema di portare l’uva rapidamente e con poca manodopera.

E se si assumono persone per la raccolta dell’uva, Lunardi ha sottolineato un altro vantaggio dell’allevamento a traliccio: “Ci sono meno scottature sull’uva, ma significa anche che le persone lavorano all’ombra”.

READ  MT: Il gas scorrerà, Draghi andrà, la Bce alzerà

“Se si raccoglie a mano, non c’è motivo di fare un VSP”, ha riassunto.

Quindi, anche se ha affermato che l’allenamento con la pergola può essere un modo efficace per affrontare le estati calde, ha affermato che il vantaggio principale è il suo effetto nel facilitare i periodi di punta del lavoro necessari per altri sistemi.

“È necessaria manodopera per sostenere il sistema di allevamento, altrimenti la qualità dell’uva diminuirà”, ha affermato.

Ha continuato: “Quando ero piccolo, non c’erano limiti alla forza lavoro, ma oggi una delle prime preoccupazioni è il potenziale lavorativo che hai”. [as a wine producer]”.

“Ciò significa che è necessario organizzare un modello in base al potenziale del proprio business: è necessario sviluppare un sistema affinché le persone possano lavorare all’interno della propria proprietà e avere una buona qualità di vita”, ha affermato.

“Bisogna trovare il modo di dare alle persone un lavoro fisso, poi formarle e dar loro un buon stile di vita”, ha continuato, prima di sottolineare che tutti i vigneti Bertani sono potati da dipendenti a tempo indeterminato – anche se questo è già stato fatto . Ciò è possibile perché il produttore fa parte di un gruppo più grande, Angelini Wine, che possiede altre sette tenute in Italia.

Tuttavia, per quanto riguarda l’allevamento a graticcio, ha sottolineato che lo stile generalmente più leggero del vino rosso prodotto con questa tecnica non sarebbe adatto a ogni luogo e a ogni persona.

“Se vuoi un vino altamente concentrato, la pergola non è la decisione giusta”, ha detto.

Nel frattempo, in una discussione con un altro produttore di Amarone diversi anni fa, db Ha registrato come Massey ha riconvertito i propri vigneti ad un sistema di allevamento a traliccio per migliorare la qualità delle bacche dei loro alberi di Amaroni.

READ  Il marchio di lusso italiano Prada punta a raddoppiare la propria attività in Cina nel medio termine

Dopo uno studio di tre anni iniziato nel 2012, Massey ha iniziato a passare dall’allevamento a Guyot al sistema di allevamento a graticcio altamente allevato per i suoi migliori siti della Valpolicella perché il sistema produceva acini con più antociani e meno tannini, mentre l’approccio eliminava anche il rischio di grappoli troppo maturi.

Andrea Dal Cin, direttore enologico di Massey, ha dichiarato: db Che in piena estate, uno studio sulla viticoltura ha dimostrato che un sistema di allevamento a pergola ombreggiata mantiene l’uva fino a 20°C più fresca rispetto agli stessi acini coltivati ​​con il metodo Guyot. Questa è una differenza importante rispetto ai vigneti più caldi e collinari della Valpolicella, che vengono utilizzati per produrre grappoli destinati all’appassimento per produrre vini concentrati di Amarone.

“Lo abbiamo scoperto con il pergolato [trained vines] “In collina non otteniamo mai acini bruciati perché ombreggiamo gli acini, e gli antociani erano più alti negli acini non stressati perché l’imbianchimento era minore”, spiega Dal Cin.

Gli acini dei vigneti allevati a Guyot, invece, erano meno colorati, ma più tannici, a causa della buccia più spessa che l’uva produce per proteggersi dalla maggiore esposizione solare.

Per saperne di più

L’Amarone è migliorato attraverso l’allevamento a traliccio