Maggio 26, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché Joe Biden si è impegnato a difendere Taiwan non è folle

Perché Joe Biden si è impegnato a difendere Taiwan non è folle

In effetti, pochi eserciti europei potevano aspettarsi di essere direttamente coinvolti in un conflitto su Taiwan. Ma le posizioni dei politici europei come Macron contano, perché influenzeranno i calcoli della Cina sui costi economici e diplomatici di un attentato.

Certamente renderebbe la vita più facile ai leader europei e americani se non avessero motivo di preoccuparsi per il destino di Taiwan. Ma la verità è che un’annessione cinese forzata dell’isola avrebbe profonde conseguenze globali che potrebbero essere avvertite rapidamente a Parigi, così come a Peoria.

caso convincente

Ci sono tre argomenti principali a difesa di Taiwan. La prima riguarda il futuro della libertà politica nel mondo. Il secondo riguarda l’equilibrio di potere globale. Il terzo è legato all’economia globale.

Insieme, rappresentano un argomento convincente per tenere Taiwan fuori dalle grinfie di Pechino.

Il Partito Comunista Cinese sostiene che il governo del partito unico è il sistema ideale per la Cina. Gli Stati Uniti insistono sul fatto che dobbiamo smetterla di cercare di promuovere valori liberali e democratici, che non funzionano bene in Occidente e che significherebbero un disastro per una cultura sociale come quella cinese.

Ma Taiwan, una società prospera e prospera, è la prova vivente che la cultura cinese è pienamente compatibile con la democrazia. La sua presenza sostiene una visione alternativa di come la Cina potrebbe un giorno gestirsi da sola.

Pechino ha già schiacciato le sue aspirazioni alla democrazia a Hong Kong. Se a Xi Jinping viene permesso di fare lo stesso a Taiwan, l’autoritarismo sarà radicato in tutto il mondo di lingua cinese. Poiché la Cina è la superpotenza emergente nel 21° secolo, ciò avrà gravi implicazioni politiche per il mondo.

READ  Il Papa attacca i cardinali negazionisti del vaccino

Coloro che si fanno beffe della promozione della democrazia negli Stati Uniti potrebbero essere meno protetti dall’autoritarismo cinese.

L’idea che un giorno la Cina continentale abbraccerà la libertà politica rimane inverosimile. Ma la regione indo-pacifica nel suo insieme ha molte fiorenti democrazie tra cui Giappone, Corea del Sud e Australia. Tutti dipendono in una certa misura da una garanzia di sicurezza degli Stati Uniti.

effetti globali

Se la Cina schiaccia l’autonomia di Taiwan, conquistando l’isola o armandola con la forza in un’unione politica riluttante, il potere americano nella regione subirà un duro colpo. Di fronte alla prospettiva di un nuovo egemone nell’Indo-Pacifico, i paesi della regione risponderanno.

La maggior parte di loro sceglierà di accogliere Pechino modificando le proprie politiche estere e interne. Il desiderio di evitare di umiliare il nuovo spinoso egemone limiterebbe rapidamente la libertà di espressione e di azione per i vicini della Cina.

Anche le ripercussioni del dominio cinese nella regione indo-pacifica saranno globali, poiché la regione rappresenta circa i due terzi della popolazione mondiale e del PIL. Se la Cina domina la regione, sarà sulla buona strada per sostituire gli Stati Uniti come il paese più potente del mondo.

L’idea che l’Europa non sarà influenzata da questo cambiamento di potere globale è assurda. Ora più che mai l’Europa conta sulla disponibilità americana ad affrontare la Russia, tirannico alleato della Cina.

Qualcuno potrebbe obiettare che concetti astratti come “dominio” non hanno importanza per la gente comune. Ma una stranezza nello sviluppo economico di Taiwan significa che il controllo dell’isola avrà rapidamente importanti ripercussioni sugli standard di vita in tutto il mondo.

READ  Puoi risolverlo? Il genio giocoso dei puzzle galattici | matematica

Taiwan produce oltre il 60% dei semiconduttori mondiali e circa il 90% di quelli più avanzati. I dispositivi che fanno funzionare la vita moderna, dai telefoni alle automobili e alle macchine industriali, sono alimentati da chip taiwanesi. Ma le fabbriche che lo producono potrebbero essere distrutte da un’invasione.

Se le fabbriche di chip taiwanesi sopravvivessero ma cadessero sotto il controllo cinese, le ricadute economiche sarebbero enormi. Il controllo dei semiconduttori più avanzati del mondo darebbe a Pechino una morsa sull’economia globale.

Come hanno già scoperto gli Stati Uniti, replicare l’industria dei semiconduttori di Taiwan è molto più difficile di quanto sembri.

Tutte queste considerazioni – economiche, strategiche e politiche – rendono convincenti gli Stati Uniti e i loro alleati a proteggere Taiwan.

Nessuno sano di mente vuole una guerra tra America e Cina. Ma ora, come in passato, a volte è necessario prepararsi alla guerra, per preservare la pace.

Financial Times