Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché il re della Nuova Zelanda convocò i Maori a un incontro nazionale? | Notizie sui diritti degli indigeni

Perché il re della Nuova Zelanda convocò i Maori a un incontro nazionale?  |  Notizie sui diritti degli indigeni

L'incontro discuterà su come proteggere i diritti dei Maori sostenendo la loro interpretazione del Trattato di Waitangi.

Circa 3.000 leader e rappresentanti Maori viaggeranno da tutta la Nuova Zelanda per partecipare a un incontro nazionale, o hui.

L'hui si terrà sabato presso i marae, o luoghi di incontro tradizionali, del Māori kengi tuhitia a Ngaruawahia, a sud di Auckland.

Il movimento del re cerimoniale Maori, kaengitanga, ha indetto questo raro incontro.

Chi sono i Maori e perché si uniscono?

I Maori sono gli indigeni della Nuova Zelanda che vivono in Nuova Zelanda, o Aotearoa, da più di 1.000 anni.

L'incontro è stato convocato nel contesto delle crescenti tensioni tra il governo Maori e il governo di coalizione di centro-destra della Nuova Zelanda.

Diversi gruppi di Māori, o iwi, hanno presentato ricorsi urgenti contro le politiche del governo di coalizione al Tribunale di Waitangi, un'inchiesta sulle rivendicazioni di Māori.

Uno di questi iwi, Ngāi Te Rangi, spera di sfidare le proposte del governo di declassare lo status della lingua Maori, Te Reo Māori. Dopo le elezioni governative di ottobre, alcuni dipartimenti governativi hanno scelto di ripristinare i nomi inglesi anziché quelli maori.

A quali politiche del governo neozelandese si oppongono i Maori?

Per diventare primo ministro, il leader del Partito Nazionale di centro-destra, Christopher Luxon, ha formato una coalizione con il partito conservatore ACT e il partito populista New Zealand First.

Quando Luxon era nuovo alla politica, disse di aver cercato di imparare la lingua maori. Ora fa parte di una coalizione con il partito ACT, che da prima delle elezioni parla di ridurre i diritti della comunità indigena.

READ  Re Carlo e la regina consorte Camilla hanno rinviato una visita in Francia mentre continuano le proteste e le rivolte per l'innalzamento dell'età pensionabile

Da quando il governo di coalizione ha preso il potere, sono state attuate almeno una dozzina di politiche che minacciano di cancellare la cultura Maori. Queste misure includono la limitazione dell’uso della lingua Maori nelle comunicazioni ufficiali, il blocco delle politiche basate sulla razza e l’abrogazione delle politiche sanitarie che proteggono i Maori.

Il 5 dicembre migliaia di persone si sono radunate nelle strade della Nuova Zelanda per protestare contro queste politiche.

Venerdì, Rawiri Waititi, membro del parlamento neozelandese e leader del Te Pati Māori, il partito Maori, ha pubblicato su Instagram un estratto di quello che ha definito essere un documento governativo trapelato.

Questo documento sembra essere un disegno di legge volto a modificare i termini del Trattato di Waitangi, che protegge i diritti dei Maori. Il commento di Waititi afferma che il documento mira a cancellare il trattato. “Che questo sia carburante per il nostro fuoco! Ci vediamo tutti sabato!”, ha scritto.

Cos'è il Trattato di Waitangi?

Il Trattato di Waitangi è anche chiamato Te Triti o Waitangi o semplicemente Te Triti. Fu firmato il 6 febbraio 1840 tra il governo britannico e i capi Maori.

Oltre a garantire uguali diritti per tutti, il Trattato di Te Treti, firmato a Waitangi nelle Isole Pai, assicurò ai Māori che avrebbero ottenuto l'indipendenza e la leadership sulle loro terre, possedimenti, foreste, pesca e altri beni preziosi. I beni non verranno invasi dai coloni britannici.

Nel corso del tempo, le promesse contenute nel trattato vacillarono man mano che le politiche del governo cancellarono la cultura, la lingua e i costumi maori. Tuttavia, il 6 febbraio di ogni anno, la firma di quello che è considerato il documento fondatore della nazione viene celebrata come la Giornata Nazionale della Nuova Zelanda.

READ  Cos'è MegaFlash Lightning? Lo vedremo in Australia?

Gli Hui discuteranno su come sostenere una traduzione Maori del Trattato di Waitangi, ha detto in una nota Njira Symonds, capo di stato maggiore del re.

Cosa accadrebbe ad un incontro Maori?

Kiingi Tuheitia ha esteso un invito aperto ai Māori iwi, compresi i bambini e gli anziani.

Alla cerimonia parteciperanno esponenti del partito laburista d'opposizione, dei Verdi e di Te Pati Māori. Luxon, che lunedì ha incontrato Kenji Tohitia, non sarà presente, ma invierà due ministri.

Alcuni leader dei partiti della coalizione hanno condannato l'identità. Il deputato neozelandese Shane Jones del Primo Partito neozelandese ha descritto l'incontro come una “enorme sessione lamentosa”.

A tutti sarà consentito parlare a Hue e verranno organizzate sessioni di discussione su questioni chiave.