Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché il Giappone ha uno dei tassi di mortalità per coronavirus più bassi al mondo senza mandati

maschere

La strategia antivirus del Giappone si basava sul fatto che i residenti rispettassero volontariamente le linee guida sul distanziamento sociale, in particolare quando i casi erano in aumento. Questo si è rivelato più efficace delle misure discendenti altrove, che in alcuni casi hanno fatto resistere e sfidare le persone.

“Le persone usano i propri giudizi per evitare rischi e modificare il proprio comportamento e questo gioca un ruolo molto importante”, ha detto Ohmagari.

Include indossare maschere. Sono stati adottati durante i primi giorni della pandemia e la pratica è ancora quasi universale anche se il governo attenua la sua raccomandazione di indossarne uno all’aperto. L’uso della maschera in Giappone è in genere superiore al 90%, una soglia che altre nazioni del G7 si sono avvicinate solo occasionalmente, secondo i dati dell’Institute for Health Metrics and Evaluation.

Quasi il 90% delle persone in Giappone sceglie di indossare maschere da guerra, anche se non sono obbligatorie in molte circostanze. a lui attribuito:AP

Lo slogan del governo “tre ciano” – che promuove l’evitamento di spazi chiusi, luoghi affollati e situazioni di stretto contatto – ha anche rafforzato il modo in cui vuole che i residenti si comportino.

Inoltre, gli edifici che portano ai taxi hanno compiuto sforzi per migliorare la ventilazione, compreso l’uso di monitor di anidride carbonica per mostrare il ricambio d’aria interna.

La natura relativamente leggera delle restrizioni significa anche che il Giappone non ha dovuto far fronte alla diffusa perturbazione della vita quotidiana causata dal duro blocco, che si è diffuso in paesi dall’Italia alla Cina e all’Australia in tempi diversi. Ciò potrebbe aver aiutato le persone a rispettare le restrizioni più a lungo e ha visto la nazione evitare il tipo di sconvolgimento sociale che stiamo vedendo all’estero.

READ  Famiglia di una turista trovata morta nella sauna di un resort di lusso in Albania

Caricamento in corso

Anche se gli altri residenti tornano in vita come al solito, i giapponesi sembrano comunque essere cauti: secondo una stima, le attività nel quartiere della vita notturna di Tokyo sono ancora quasi il 40% in meno rispetto al 2019.

vaccinazione

Prima della pandemia, i giapponesi avevano uno dei più bassi livelli di fiducia nei vaccini a livello globale. Ma ora sono tra le popolazioni meglio protette nel Gruppo dei Sette e stanno rapidamente raggiungendo paesi come gli Stati Uniti che hanno iniziato i loro programmi di vaccinazione mesi fa e lo hanno fatto senza un mandato.

Gli esperti hanno citato il rallentamento iniziale nell’introduzione del vaccino e la carenza precoce di vaccini come un senso di urgenza, soprattutto tra gli anziani, mentre il processo di vaccinazione non è stato politicizzato come lo era negli Stati Uniti.

Sebbene la frequenza delle vaccinazioni fosse alta in Giappone quando è iniziata la pandemia, ora ha uno dei tassi di vaccinazione più alti al mondo, senza un mandato.

Sebbene la frequenza delle vaccinazioni fosse alta in Giappone quando è iniziata la pandemia, ora ha uno dei tassi di vaccinazione più alti al mondo, senza un mandato. a lui attribuito:Bloomberg

Circa il 93% dei giapponesi di età pari o superiore a 65 anni ha ricevuto due iniezioni e il 90% ha ricevuto una dose di richiamo, secondo i dati dell’Ufficio del Primo Ministro. Ciò si confronta con l’81% della popolazione totale che ha assunto due dosi e il 61% che ne ha ricevuto una terza.

“Grazie alla protezione che i giapponesi hanno ottenuto attraverso la vaccinazione e l’infezione naturale, non mi aspetto che i ricoveri o i decessi in Giappone aumenteranno notevolmente presto”, ha affermato Kenji Shibuya, epidemiologo della Tokyo Foundation for Policy Research.

Salute

Il pilastro a sostegno del basso tasso di mortalità era la buona salute di base della popolazione giapponese. Il paese ha l’aspettativa di vita più lunga al mondo ed è stato uno dei soli sei membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che non ha registrato un calo nel 2020. Solo il 5% dei giapponesi è obeso, una delle condizioni che aumenta il rischio di malattie gravi da Covid, rispetto al 36% della popolazione negli Stati Uniti e al 28% nel Regno Unito, secondo Federazione mondiale dell’obesità.

READ  Il primo ministro israeliano inizia le indagini dopo la fuga precipitosa a Lag Bomer, uccidendo 45 persone

Misure ampiamente adottate come indossare maschere e lavarsi le mani hanno anche eliminato altre malattie come l’influenza, che di solito uccide più di 10.000 giapponesi all’anno.

Quasi interamente i decessi in campagna sono stati all’età di 60 anni, indicando una forte base di salute per le coorti di mezza età e giovani. Ciò contrasta con la più ampia distribuzione dei decessi negli Stati Uniti, dove un quarto dei decessi riguarda persone di età inferiore ai 65 anni, secondo i dati del governo.

Monitoraggio dei contatti

Come gran parte del mondo, il sistema sanitario giapponese è stato messo a dura prova dall’ondata di infezioni. Ma è riuscito a mantenere un forte livello di tracciamento dei contatti durante la pandemia, il che significa che le risorse possono essere inviate gratuitamente ovunque tu ne abbia bisogno.

Il governatore di Tokyo Yuriko Koike con uno dei robot di pulizia impiegati in un hotel per pazienti affetti da COVID con sintomi lievi, maggio 2020.

Il governatore di Tokyo Yuriko Koike con uno dei robot di pulizia impiegati in un hotel per pazienti affetti da COVID con sintomi lievi, maggio 2020. a lui attribuito:AP

Una rete di centri sanitari pubblici locali traccia i casi e trova gratuitamente i pazienti positivi in ​​un ospedale o in una stanza d’albergo. In costante contatto con l’isolamento domiciliare è il personale del centro sanitario, che all’occorrenza invia infermieri e medici.

“Sappiamo che un intervento precoce salva più vite”, ha detto Ohmagari. “Anche se sento che possiamo fare di più, il sistema giapponese sta cercando di non lasciare indietro nessuno, monitorando meticolosamente i pazienti e intervenendo precocemente”.

Bloomberg