Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Perché i tabù sociali paralizzano ancora il cinema egiziano?

Perché i tabù sociali paralizzano ancora il cinema egiziano?

Era una domanda standard posta in un sondaggio pubblicato da un conduttore di talk show egiziano sul suo account Twitter poche ore prima che andasse in onda: come descriveresti il ​​primo film arabo di Netflix Ashab Wala Aaz? Le risposte hanno sollevato il coperchio sui tabù sociali nella società e hanno avviato un acceso dibattito sulle trame principali del film. Senza rivelare troppo: un uomo sposato con una donna ma attratto da un’altra, una donna che tradisce suo marito e una figlia adolescente di una presunta madre liberale che mostra il suo io conservatore di fronte alle prove sulla vita personale di sua figlia.

Dalla sua uscita il 20 gennaio, il remake di formazione del film italiano Perfetti sconosciuti è stato descritto da diversi conduttori televisivi egiziani come un’allegoria del trionfo del bene, secondo la stragrande maggioranza degli egiziani, sul male.

La loro opinione ha suscitato una risposta diversa da molti egiziani sui social media, che hanno affermato che le scene scomode hanno messo in luce cambiamenti sociali non detti. Altri sono andati all’estremo, paragonando il salto nel film e il flusso di critiche invettive dell’attrice egiziana Mona Zaki all’inquisizione spagnola in epoca medievale, la cui missione era perseguitare gli istruiti e gli alfabetizzati con il pretesto di combattere l’eresia. “È possibile che l’Europa e l’Occidente siano così. Ma il film Netflix non ha niente che sia come noi. Bandiamo Netflix”, ha twittato una celebrità presentatrice.

“Non esistono nella nostra società. Smettila di giocare a struzzo”, ha risposto un attivista della società civile egiziana con oltre 400.000 seguaci.

Il presentatore pensa che i personaggi egiziani nel film non siano veri egiziani. Ma la sua richiesta di vietare una delle piattaforme di intrattenimento in streaming più popolari al mondo con oltre 200 milioni di abbonati è stata accolta con derisione e battute anche da molti utenti di Twitter.

Netflix ha infranto le barriere americane e si classifica oggi come uno dei migliori servizi in abbonamento in Egitto e nel mondo arabo. La diversità è anche un elemento centrale della strategia dell’azienda. Come molti paesi, anche l’Egitto ha la sua quota di teorici della cospirazione, in particolare su Facebook, che diffondono disinformazione, caratteristica del culto americano di QAnon che vede l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump come un eroe.

Era questo segmento di persone, che tende a inondare i social media di falsità. Quindi, quando le azioni rivendicate di Netflix sono crollate il 21 gennaio, un giorno dopo la prima del controverso film, lo hanno attribuito a un massiccio boicottaggio egiziano e cancellazioni istantanee. Hanno persino respinto la diversità e il pensiero liberale come imitazioni dell’Occidente e parte di una cospirazione risalente all’era coloniale britannica.

I poster teatrali di Perfect Strangers del 2016

Non è la prima volta in Egitto che si vedono tentativi di “cancellare la cultura”. Nel 2018, l’attrice egiziana Rania Youssef è stata accusata di “incitamento alla dissolutezza” per aver indossato un abito nero rivelatore al Cairo Film Festival in cui il tessuto che le copriva le gambe era trasparente. Alcuni egiziani erano divisi sul fatto che fosse un atto indecente o che Youssef avesse tutto il diritto di indossare quello che voleva.

Un anno prima, c’era un forte sarcasmo nella sfera sociale, quando un avvocato ha citato in giudizio un burattino, raffigurato come una vedova pettegola con i bigodini tra i capelli, e che era il volto pubblico di un popolare programma televisivo satirico noto come Abla Fahita . Il burattino aveva un grande senso dell’onore che discuteva di questioni sociali che hanno fatto notizia e sono diventate virali online grazie alle battute che hanno perforato le tensioni su entrambi i lati di qualsiasi dibattito.

L’avvocato ha affermato che il burattino era immorale e non rispecchiava i valori della società egiziana. Ha usato la stessa accusa contro i produttori dello spettacolo nella sua denuncia penale a un pubblico ministero: “promozione della dissolutezza”. Ma alcuni sostengono che sia tutto trambusto per nulla, poiché il cinema egiziano ha prodotto diversi film negli ultimi sette decenni che affrontano i veri enigmi della società. Nel 1960, ad esempio, il film stellare del regista Salah Abu Seif Tra Cielo e Terra, da non confondere con l’omonimo film di Najwa Najjar, ha catturato egiziani di differenti percorsi di vita in 85 minuti. I personaggi erano tutti intrappolati in un ascensore, che è rimasto bloccato tra due piani.

La moglie di Naguib Mahfouz, Attiyat, gli regala un garofano per il suo compleanno, il 10 dicembre 2001. Per gentile concessione di Mohamed Hegazy

Questo film, basato su un romanzo del premio Nobel Naguib Mahfouz, ha rappresentato brillantemente i problemi reali della discriminazione, delle molestie sessuali, della povertà schiacciante e della vita dei più ricchi, un mondo completamente diverso dall’impressione che si crea in certi ambienti che tutto va bene . Tutte le scene del film sono state inquadrate perfettamente in un unico luogo.

READ  Festival del Cinema Contemporaneo Italiano presentato da Lavazza

È stato descritto dalla critica come uno dei grandi film della storia del cinema arabo. Cosa ha reso quel film davvero importante per gli egiziani? Forse che ha fatto pensare e ampliare una comprensione e dare una prospettiva ad aspetti della società che risuonano con il pubblico di tutto il mondo.

Pubblicato: 4 febbraio 2022, 07:45