Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Perché è stato?”: Il bilancio mentale di tre anni della Cina sui blocchi Covid | Cina

undopo la Cina Ridimensionamento improvviso alle sue zero restrizioni CovidMolti cinesi comuni stanno lottando per affrontare il trauma mentale di tre anni di ripetuti blocchi e chiedono risposte per il pesante prezzo che hanno pagato.

Venerdì, uno dei post più importanti condivisi su Sina Weibo – la piattaforma cinese simile a Twitter – era un articolo che citava esperti medici che affermavano che la depressione, l’ansia e il disturbo da stress post-traumatico di cui soffre la popolazione potrebbero richiedere tra 10 e 20 anni per recuperare. Da.

Lu Lin, un collega dell’Accademia cinese delle scienze, ha dichiarato venerdì in un forum che fino al 20% degli operatori sanitari, dei pazienti e dei membri del pubblico può soffrire di disturbo da stress post-traumatico e quasi un terzo di questi. La quarantena a casa ha mostrato sintomi di depressione, ansia e insonnia. Altri esperti hanno chiesto servizi di emergenza per sostenere la salute mentale della comunità.

Shanghai in lockdown nel gennaio 2021. Foto: Alex Blavevsky/EPA

“Ciò che fa più paura del coronavirus è la paura mentale e l’ansia”, ha detto uno dei commenti di Weibo.

“E l’impatto dell’abuso arbitrario su ogni cittadino?” chiese un altro.

Molti sono pessimisti sull’inversione di politica. Ieri hanno detto che il virus è mortale e oggi dicono che il virus è più mite dell’influenza. Che cosa puoi fare?” disse Giobbe.

Molti si sono chiesti se l’alto prezzo umano degli ultimi tre anni ne valesse la pena.

Xiao Han, un accademico legale liberale, ha scritto su Twitter: “Ecco perché abbiamo sostenuto tutti quei folli blocchi, fermando la produzione e le imprese”. [that resulted in] Fallimenti, suicidi e incendi? … [They] Ignorando i disastri umanitari, per il bene di questo cosiddetto sacrificio per il bene superiore. Le vittime possono ora chiedere: “Perché?”

Un accademico con sede nella città meridionale di Guangzhou ha coraggiosamente esortato il suo governo locale ad assumersi la responsabilità dei propri errori e a “guarire le ferite”, ma il suo post sulla piattaforma di social media WeChat è stato rapidamente cancellato.

Li Gongming ha scritto: “Il primo passo dovrebbe essere ammettere la colpa, piangere il defunto e chiedere scusa ai compatrioti”. “Dopodiché, le persone dovrebbero essere ritenute responsabili e il governo dovrebbe pagare un risarcimento”.

A Pechino, dopo una veglia per le vittime degli incendi a Urumqi, la gente ha mostrato fogli bianchi per protestare contro le restrizioni dovute al Covid.
A Pechino, dopo una veglia per le vittime degli incendi a Urumqi, la gente ha mostrato fogli bianchi per protestare contro le restrizioni dovute al Covid. Fotografia: Thomas Peter/Reuters

Le tragedie note associate a “Zero Covid” vanno dalla morte di neonati e bambini piccoli a cui sono state negate cure mediche a causa delle restrizioni Covid, a un incidente d’autobus in cui 27 persone sono morte mentre si recavano in una struttura di quarantena nella provincia sud-occidentale di Guizhou.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso per alcuni cinesi è stata la morte di 10 persone in un incendio a Urumqi, nell’estrema regione occidentale dello Xinjiang. Le rare proteste a livello nazionale del mese scorso.

L’improvviso cambiamento nella politica ufficiale e i pericoli percepiti del virus hanno scatenato il panico e la paura in molte persone e hanno spinto all’acquisto in preda al panico di medicinali contro la febbre. Gli esperti sanitari hanno avvertito che la Cina potrebbe essere mal preparata per un forte aumento delle infezioni e dei decessi in una successiva ondata.

Questa settimana è scoppiata l’indignazione per la morte improvvisa di uno studente di 23 anni nella città di Chengdu, nel sud-ovest della Cina: i funzionari dicono che è morto per insufficienza cardiaca, ma gli utenti dei social media hanno incolpato il pesante carico di lavoro del suo ospedale.

Un rapporto di Reuters afferma che alcuni ospedali di Pechino hanno fino all’80% del personale infetto, ma molti sono ancora costretti a lavorare a causa della carenza di personale.

Venerdì la Cina ha presentato piani urgenti per proteggere le comunità rurali dal COVID-19 mentre milioni di abitanti delle città pianificavano le loro vacanze per la prima volta da anni dopo che il governo aveva abbandonato i blocchi e le restrizioni di viaggio.

Ma il Partito Comunista è fermamente responsabile della narrazione. Giovedì il People’s Daily, gestito dallo stato, ha pubblicato un articolo in prima pagina che elogia l’eroica vittoria di tre anni di controllo dell’epidemia combattuta “al minor costo possibile” e dipinge un quadro della vita che torna nelle strade affollate di tutto il paese.

Non tutti condividono l’entusiasmo.

“Tre anni di macinazione, e ora ci viene detto che era solo un raffreddore”, si legge in un post su Twitter.

READ  Gli ucraini hanno dimostrato di poter pensare, influenzare e combattere contro la Russia. Quindi cosa succede se Putin perde?