Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Per favore, non lasciarli morire”. Le mogli dei combattenti Azov hanno implorato il Papa

CITTÀ DEL VATICANO (Reuters) – Le mogli di due degli ultimi combattenti ucraini rimasti rintanati nelle acciaierie di Mariupol hanno chiesto mercoledì a papa Francesco aiuto per trasportare soldati in un Paese terzo, e uno di loro gli ha detto: “Per favore non lasciali morire”.

Katerina Prokopenko, 27 anni, e Yulia Fedosek, 29 anni, hanno parlato con il Papa per circa cinque minuti al termine della sua udienza pubblica in piazza San Pietro, chiedendogli anche di intervenire direttamente con il presidente russo Vladimir Putin per lasciarli andare perché “la prigionia russa non è un’opzione”.

Il porto di Mariupol, porto sul Mar d’Azov, ha subito una delle battaglie più devastanti della guerra in Ucraina. Kiev afferma che probabilmente decine di migliaia di persone sono morte lì dall’invasione russa del 24 febbraio e l’acciaieria Azovstal è l’ultima parte della città ancora detenuta dai combattenti ucraini. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Prokopenko si sente dire al papa in un video diffuso dal Vaticano: “Sei la nostra ultima speranza, spero che tu possa salvare le loro vite, per favore non lasciarle morire”.

Le donne hanno poi raccontato ai giornalisti di aver descritto al papa scene di soldati feriti, cadaveri in decomposizione e insepolti e mancanza di cibo, acqua e medicine nelle acciaierie.

Hanno detto di aver parlato per l’ultima volta con i loro mariti, membri del reggimento Azov, martedì.

“I nostri soldati stanno aspettando di essere evacuati in un paese terzo per deporre le armi in caso di evacuazione”, ha detto Fedosyuk.

READ  La corte giordana incarcera ex funzionari per 15 anni per presunto complotto reale | Giordania

“Le famiglie russe non sono un’opzione per loro”, ha detto Prokopenko.

Il Papa ha detto che avrebbe fatto tutto ciò che era in suo potere e avrebbe pregato per loro.

Gli abbiamo chiesto di venire in Ucraina, parlare con Putin e dirgli di “lasciarli andare”, ha detto Fedosyuk. Le donne hanno menzionato la Svizzera e la Turchia come possibilità, ma non hanno fornito dettagli.

Decine di civili sono stati evacuati dalle acciaierie nei giorni scorsi, ma l’assistente sindaco di Mariupol, Petro Andryushenko, ha detto che almeno 100 erano ancora all’interno.

Francis ha detto in un’intervista pubblicata il 3 maggio di aver chiesto un incontro a Mosca con Putin per cercare di fermare la guerra in Ucraina ma non aveva ricevuto risposta. L2N2WV07U

Fedosyuk ha invitato i paesi a formare una “forte alleanza diplomatica per spingere Putin a consentire loro di andare sani e salvi in ​​un paese terzo”.

Fedosiuk ha aggiunto che l’ultima volta che ha parlato con suo marito, le ha chiesto di trovare un articolo su Internet su come vivere senz’acqua il più a lungo possibile.

Il reggimento Azov ha dichiarato in un post sui siti di social network, martedì, che nelle ultime 24 ore, 34 aerei russi hanno sorvolato l’impianto, comprese otto sortite di bombardieri strategici.

Ha aggiunto che la stazione è stata presa di mira dalla marina russa, oltre a carri armati, artiglieria e missili. La Reuters non è stata in grado di verificare la situazione. Leggi di più

La Russia descrive le sue azioni in Ucraina come una “operazione speciale” per disarmare l’Ucraina e proteggerla dai fascisti. L’Ucraina e l’Occidente affermano che le accuse fasciste sono infondate e la guerra è un atto di aggressione ingiustificato.

(Segnalazione di Philip Pullella) Montaggio di Alexandra Hudson

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.