Maggio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Pechino conduce test di massa per il COVID-19 nel tentativo di evitare un blocco in stile Shanghai

Milioni di persone nell’area più grande di Pechino sono state testate per il COVID-19 per la seconda volta questa settimana mentre la capitale cinese cerca di impedire a dozzine di focolai di scivolare in una crisi che potrebbe costringerla a un inquietante blocco in stile Shanghai.

La prova che l’isolamento di un mese è diventato insopportabile per molti dei 25 milioni di persone nel centro commerciale cinese sta emergendo quasi ogni giorno su Internet pesantemente censurato del paese.

Un video ampiamente diffuso – da quando è stato abbattuto – mostrava un alieno che cercava di sfondare alcune barriere metalliche in strada, prima di essere tirato indietro e trascinato a terra da quattro persone in tute pericolose.

L’uomo grida ripetutamente “Voglio morire” sia in cinese che in inglese. Una delle persone che lo trattengono risponde: “Sei venuto in Cina, qui devi rispettare le leggi e i regolamenti”.

Un altro dice “Calmati, calmati”. Reuters non ha potuto verificare immediatamente l’autenticità del video.

I supermercati sono pronti

A Pechino, i supermercati hanno tenuto ben riforniti di cibo e altre forniture su ordine delle autorità. I funzionari locali sperano anche che i primi test di massa risparmieranno loro il dramma a Shanghai, dove i funzionari hanno aspettato quasi un mese mentre i casi si intensificavano prima di ordinare una campagna di screening in tutta la città.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 1 minuto e 9 secondi

A Pechino sono in corso acquisti di panico tra i timori di una possibile chiusura.

Shi Wei, 53 anni, pensionato nella capitale, ha detto di essere stato incoraggiato dal basso numero di casi a Pechino finora, ma è nervoso.

“Gli ultimi due giorni, ogni volta che sono andato al supermercato, c’erano molte persone, quindi mi giro e me ne vado perché mi sento un po’ insicuro”, ha detto.

“Posso capire il panico, visto quello che è successo a Shanghai”.

Ging, 31 anni, che lavora nella finanza e ha menzionato solo il suo cognome, ha detto di essere preoccupato di entrare in stretto contatto con un caso COVID-19 e di costringere tutta la sua famiglia alla quarantena.

Yu, una dottoressa di 39 anni, teme che la sua famiglia non possa viaggiare durante la festa del lavoro.

Pechino ha testato più di 3,5 milioni di residenti del distretto di Chaoyang mercoledì, che sono stati tutti testati anche lunedì. Martedì sono stati testati anche 16 milioni di altre regioni e giovedì è previsto un altro round.

In totale, 20 milioni dei 22 milioni di Pechino saranno testati tre volte entro la fine della settimana.

Una donna asiatica con i capelli corti si china su un operatore sanitario con una tuta protettiva per ricevere un tampone orale
Un operatore sanitario preleva un campione di tampone da una donna in un sito di test temporanei a Pechino.

Non è ancora chiaro quale percentuale di questi test abbia portato al rilevamento di 31 nuovi casi di COVID-19 a Pechino martedì, rispetto ai 33 del giorno prima. Finora nella capitale non si registrano decessi.

A partire dalle 20:00 di lunedì, i risultati di 526.457 campioni di Chaoyang disponibili all’epoca sono risultati negativi. I funzionari devono ancora pubblicare tutti i risultati del test di lunedì.

isolamento per un mese

Ripresa aerea di una strada vuota a Shanghai con un ufficiale solitario in piedi sulla strada.
Un agente si trova in una strada di fronte a condomini durante il blocco a Shanghai.

I funzionari di Shanghai hanno confermato mercoledì che inizieranno presto ad allentare le restrizioni nelle province che hanno eliminato i casi dalle loro comunità, senza fornire un lasso di tempo o altri dettagli.

Nel frattempo, la maggior parte delle persone è ancora confinata nelle proprie case o non può lasciare i propri complessi di appartamenti. Anche chi può uscire ha poche opzioni, con i negozi e la maggior parte degli altri posti chiusi.

I dati hanno mostrato che sei delle 16 province di Shanghai non hanno avuto casi al di fuori delle aree di quarantena. Altre sette contee erano a una cifra. In totale, Shanghai ha rilevato 171 casi di questo tipo martedì, in calo rispetto ai 217 di lunedì.

Altre città che erano sotto blocco hanno iniziato ad allentare le restrizioni una volta che le quarantene esterne hanno raggiunto lo zero.

Il prolungato isolamento di Shanghai ha alimentato la frustrazione per la perdita di reddito, la separazione familiare e le condizioni di quarantena, nonché l’accesso all’assistenza sanitaria e al cibo. Per molti, gli esami regolari sono l’unica opportunità per aprire le porte di casa.

Dolore economico

L’epidemia ha causato gravi danni economici alla città più popolosa della Cina. L’economia di Shanghai è cresciuta del 3,1% nel primo trimestre, in ritardo rispetto alla crescita del 4,8% a livello nazionale e alla sua espansione dell’8,1% nel 2021.

Centinaia di fabbriche sono state autorizzate a riprendere il lavoro, la maggior parte con pochi lavoratori che dormivano in loco, con i media statali che hanno dato aria a sufficienza per riaprire lo stabilimento Tesla Automobile a Shanghai la scorsa settimana.

Ma gli organismi del settore affermano che la maggior parte delle fabbriche sta lottando per produrre troppo poiché i lavoratori sono bloccati nelle loro case, i camion indugiano nei parcheggi e gli ordini di componenti degli appaltatori non vengono soddisfatti nella stessa situazione.

Nel settore finanziario di Shanghai, il più grande della Cina continentale, migliaia di banchieri, commercianti e investitori rimangono confinati nelle loro case e lottano per sbarcare il lunario.

Molti affermano di essere pronti a tornare in altri centri finanziari, inclusa Hong Kong governata dalla Cina, dove la situazione del COVID-19 si è in qualche modo stabilizzata dopo aver strappato la maggior parte della sua popolazione all’inizio dell’anno.

Shanghai ha registrato 48 nuovi decessi il 26 aprile, in calo rispetto ai 52 del giorno prima. Ciò porta il bilancio ufficiale delle vittime a 238, tutte riportate dal 17 aprile in poi, anche se molti residenti hanno affermato che i loro parenti o amici erano morti dopo aver contratto il COVID all’inizio di marzo, mettendo in dubbio le statistiche.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 4 minuti 41 secondi

L’epidemiologo avverte del numero crescente di casi man mano che le restrizioni si allentano

Scarica modulo…

Reuters

READ  L'aria pulita porta a più uragani nell'Oceano Atlantico