Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Omicron più mite e più leggero: uno studio sudafricano | Tempi di Canberra

Notizie, ultime notizie

I medici in una delle città in cui Omicron è stato identificato per la prima volta affermano che la mutazione guidata dalla nuova variante è stata caratterizzata da una malattia meno grave, con chiari segni che i tassi di ospedalizzazione e la condizione potrebbero presto diminuire. Allo Steve Biko Academic Hospital di Tshwane, 85 chilometri a nord-est di Johannesburg, i medici hanno confrontato 466 pazienti infetti ricoverati da metà novembre 2021 a 3.976 pazienti prima di allora. Hanno riferito sull’International Journal of Infectious Diseases che il tasso di mortalità durante il boom dell’omicron era del 4,5%, rispetto al 21,3% nel periodo precedente. I pazienti Omicron sono stati dimessi dall’ospedale dopo una media di quattro giorni, rispetto a 8,8 giorni per i pazienti con varianti preesistenti. Al culmine dell’ondata di Omicron, il numero di letti pieni di pazienti infetti era la metà rispetto al periodo precedente e il 63% dei pazienti di Omicron è stato ricoverato in ospedale per altri motivi, con il virus rilevato solo attraverso test obbligatori. “L’epidemia di Omicron si è diffusa e si è ridotta… a una velocità senza precedenti e ha raggiunto il picco entro quattro settimane”, hanno affermato i ricercatori. Notano che i risultati possono variare in paesi con diversi dati demografici e livelli di immunità alle infezioni e alle vaccinazioni, ma se il modello osservato in Sud Africa continua e si ripete a livello globale… Omicron potrebbe essere un presagio della fine della fase epidemiologica del Crisi sanitaria: catene uniche di molecole possono prevedere varianti di successo I ricercatori ritengono di aver scoperto un modo importante per identificare quali varianti di SARS-CoV-2 potrebbero circolare. Osservando catene di nove unità di molecole chiamate nucleotidi – i mattoni di geni – hanno scoperto che, con l’eccezione della beta, che non è ampiamente distribuita al di fuori dell’Africa meridionale, ogni nuova variante contiene sequenze più uniche di quella immediatamente precedente. La versione originale o selvaggia del virus conteneva 45 specie uniche chiamate 9-mers, i ricercatori hanno riferito giovedì su medRxiv prima della revisione tra pari.Alpha contiene 109 parti uniche: 9-m, Beta 69, Gamma 122 e Delta 181. La variante dominante di Omicron ne contiene attualmente 295. Molti di questi tratti di polinucleotidi varianti non sono correlati all’altezza che il virus usa per invadere le cellule, Riferendosi ai ricercatori, Venky Soundararajan della Data Analytics Corporation con sede nel Massachusetts non dovrebbe concentrarsi esclusivamente sulla proteina spike. L’improvviso aumento è l’obiettivo della maggior parte degli attuali vaccini e trattamenti anticorpali COVID-19. Soundararajan ha affermato che una variante circolante in Francia, chiamata IHU, aveva un distinto delta di 9 metri ma non poteva competere con l’Omicron. Poiché l’IHU non si è diffuso ampiamente al di fuori della Francia, ha affermato, la popolazione non ha sviluppato l’immunità ad esso e varianti non ancora mostrate altrove potrebbero trovare “utile” sviluppare alcune delle stesse mutazioni 9-mer. Soundararajan ha affermato che i produttori di vaccini dovrebbero prestare attenzione alle firme nucleotidiche uniche dell’IHU perché ci sono buone probabilità che appaiano di nuovo nelle varianti future. Associated Press australiana

READ  La Corea del Nord afferma che il suo ultimo test missilistico balistico è stato lanciato da un sottomarino

/images/transform/v1/crop/frm/silverstone-feed-data/a82adcee-dd24-46bf-8825-6e1f0695aef8.jpg/r0_74_800_526_w1200_h678_fmax.jpg