Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Omicron, Delta, Alpha: come il Regno Unito è diventato una prima scienza di pericolose varianti di COVID-19

Durante la pandemia, il Regno Unito è stato, a volte, un indicatore precoce per altri paesi dei rischi posti da nuove variabili.

È stato qui che è stata scoperta per la prima volta la variante alfa, causando oltre 50.000 morti su entrambi i lati del picco a metà gennaio 2021 e cambiando il corso della pandemia.

Quindi la battaglia del Regno Unito con il ceppo Delta altamente contagioso è diventato un primo segno di come questa variante si stesse rapidamente diffondendo in altri paesi.

Ora Omicron si sta muovendo rapidamente in tutta la Gran Bretagna, dove i casi hanno già superato i livelli di picco epidemici del Regno Unito e stabilito nuovi record.

Venerdì è stato stabilito un altro nuovo record di infezione con altre 93.045 persone risultate positive al virus, portando il totale settimanale a 477.229, un aumento del 38,6% rispetto ai sette giorni precedenti.

Caricamento in corso

In Inghilterra, i casi a Londra stanno aumentando più velocemente che in altre regioni. E gli scienziati lo stanno notando.

“Intorno al mondo, [people] Saremo in grado di trarre vantaggio dalla nostra esperienza”, ha detto all’ABC Simon Clark, professore associato di microbiologia cellulare dell’Università di Reading.

“Ma … tra i diversi paesi – infezioni, tassi di mortalità, condizioni di salute di base, stato di salute della popolazione in generale – queste sono tutte cose che influenzano lo sviluppo e la gravità delle [virus]. “

Quindi, in che modo il Regno Unito è diventato una zona rossa per la diffusione delle varianti di COVID-19? Ci sono alcune spiegazioni.

READ  L'Isola del Sud della Nuova Zelanda riporta i primi casi di Covid in una grande città in oltre un anno | Nuova Zelanda

Storia di un successo iniziale

Dopo una campagna di vaccinazione di successo all’inizio di quest’anno, le cose sembrano positive nel Regno Unito.

Gli scienziati che seguono l’epidemia hanno trovato prove sempre più forti Il programma stava tagliando il collegamento tra i casi di COVID-19 e i decessi.

Sembrava che il Regno Unito avesse la possibilità di tenere sotto controllo il virus. Ma poi si è aperto.

L’Inghilterra è diventata una delle prime regioni dell’Europa occidentale a revocare quasi tutte le restrizioni COVID-19 il 19 luglio.

Un uomo con una maglietta colorata e pantaloncini salta in aria mentre nastri rosa cadono dal soffitto di un club.
Il Regno Unito ha registrato 78.610 nuove infezioni mercoledì, il 16% in più rispetto al precedente record stabilito a gennaio.(Afp: Alberto Bezzali)

Il Freedom Day ha segnato la fine dell’uso della mascherina e del distanziamento sociale. Hanno aperto negozi, musei, parchi divertimento, bar, discoteche e pub.

Ma eminenti scienziati e consiglieri governativi di tutto il mondo hanno espresso scetticismo.

Più di 1.200 scienziati hanno approvato una lettera alla rivista medica Lancet, definendo i piani “pericolosi e prematuri”.

In un ipotetico vertice all’epoca, la professoressa Christina Bagel ha avvertito del potenziale emergere di un nuovo tipo di COVID-19.

“Qualsiasi mutazione che può infettare al meglio le persone vaccinate ha un significativo vantaggio di selezione e può diffondersi”, ha avvertito il direttore della Clinical Operations Research Unit presso l’University College di Londra.

Mesi dopo, Omicron è arrivata alle porte del Regno Unito.

Porta del mondo

Essere un’isola è stato un ovvio vantaggio per altri paesi durante la pandemia, ma il Regno Unito ha dimostrato di essere un’eccezione. C’è soprattutto un fattore che aiuta a spiegare il perché.

“Siamo anche molto dipendenti dalle importazioni e dalle esportazioni dal continente europeo. Quindi potremmo essere un’isola, ma facciamo parte di un hub globale. Ci sono sempre molte persone che entrano nel Paese o sono solo di passaggio”.

Mentre il suo status di hub di viaggio globale spiega l’esperienza passata del Regno Unito con le varianti di COVID-19, gli scienziati hanno offerto altre spiegazioni.

La gente attraversa il Westminster Bridge, passando davanti a un negozio con luci brillanti
La gente cammina attraverso il Westminster Bridge, in mezzo allo scoppio della malattia di coronavirus (COVID-19) a Londra, Gran Bretagna, 15 dicembre 2021.(Reuters: Henry Nichols)

Secondo Vinod Balasupramaniam, virologo della Monash University in Malesia, un fattore potrebbe essere la ridotta immunità dai precedenti vaccini primari.

Il professor Tony Blakely, professore associato di epidemiologia presso l’Università di Melbourne, è d’accordo, sostenendo che l’attuale esperienza di Omicron nel Regno Unito potrebbe essere dovuta al fatto che i suoi residenti hanno utilizzato AstraZeneca come corso di vaccinazione iniziale.

“È molto probabile che cosa [the UK is] soffri adesso [with Omicron] Sarà una corsa per ciò che sta accadendo in altri Paesi”.

Soprattutto i paesi che hanno utilizzato anche AstraZeneca, come [it’s] Meno efficaci dei vaccini mRNA nella prevenzione dell’infezione da omicroni. “

un Studio dell’Università di EdimburgoTuttavia, ha scoperto che due dosi del vaccino Pfizer o AstraZeneca erano ancora efficaci al 90% e al 91% nel prevenire la morte per la variante delta.

Un’analisi dell’assicuratore sanitario sudafricano Discovery Health ha indicato che, sebbene il vaccino Pfizer fosse meno efficace nel prevenire l’infezione da Omicron, forniva comunque una protezione del 70% contro il ricovero in ospedale.

Con l’arrivo dell’inverno nel Regno Unito, gli scienziati hanno affermato che anche altri fattori stanno contribuendo all’aumento dell’incidenza di Omicron.

Il pericolo sta negli assembramenti al chiuso

Con l’abbassamento delle temperature in tutto il Regno Unito, sempre più persone si radunano al chiuso, fornendo un terreno fertile per la diffusione non rilevata di COVID-19.

“Le persone che si trasferiscono in casa daranno al virus una maggiore possibilità di diffondersi”. [outside]disse il dottor Clark.

“C’è meno esposizione alla luce solare e ai raggi UV nel Regno Unito… quindi queste sono tutte cose che piacciono al virus, che gli permettono di diffondersi di più e sopravvivere sulle superfici e restare nell’aria”.

Le persone siedono ai tavoli all'aperto sotto una cupola di vetro.
Le persone sono state invitate a rivedere i loro piani per le feste di Natale e a lavorare da casa in mezzo alla diffusione di Omicron in Gran Bretagna.(Afp: Alberto Bezzali)

È così che la variante Alpha si è fatta strada rapidamente in Inghilterra lo scorso anno e poi in Delta.

E con il passaggio del Regno Unito a un modello di responsabilità unica quando si tratta di misure di salute pubblica, è molto probabile che le variabili possano diffondersi a causa del mancato rispetto della mascherina, del distanziamento sociale o dell’igiene delle mani da parte delle persone.

“Una certa prevalenza potrebbe derivare da comportamenti umani, ad esempio, poiché più gruppi si riuniscono sotto restrizioni rilassate”, ha detto Balasupramaniam all’ABC.

“Va ricordato che il Regno Unito è uno dei primi paesi al mondo ad avviare una campagna di vaccinazione, quindi potrebbe aver fornito un falso senso di sicurezza per allentare le rigorose misure di salute pubblica, specialmente negli incontri sociali nei luoghi pubblici”.

Insieme, questo ha creato l’ambiente perfetto per far prosperare Omicron.

“Stiamo assistendo agli effetti generali della precedente deregolamentazione [and a] Una combinazione di osservanza impropria delle misure di sanità pubblica, ridotta immunità ai vaccini e contributo alle disuguaglianze vaccinali. [a] Il signor Balasupramaniam ha detto:

Tra i pochi ignari viaggiatori stranieri, Omicron si è ormai diffuso rapidamente in tutto il Regno Unito, prefigurando le esperienze di altri paesi nei prossimi mesi.

Due epidemie in una volta

Il professor Chris Whitty ha descritto l’attuale situazione nel Regno Unito come due epidemie in un caso.

Insieme alla variante Omicron che sta crescendo rapidamente in tutta l’Inghilterra, il paese continua anche a lottare con la vecchia variante Delta, che continua a causare un gran numero di vittime.

Ora il Regno Unito è in corsa contro entrambe le variabili, con il governo che ripone le sue speranze di vaccinare tutti gli adulti idonei con una terza dose entro la fine del mese.

“Il virus sta circolando nella comunità e sta infettando un numero enorme di persone, e stiamo cercando di tenere il passo provocando molte persone”, ha affermato la dott.ssa Clark.

“Ma la protezione che ottengono sarà sempre inferiore a una settimana circa dal numero di vaccinazioni”.

Sono state reintrodotte anche le autorizzazioni alle mascherine in alcuni ambienti interni e i passaporti COVID-19, mentre alle persone è stato chiesto di lavorare da casa ove possibile.

Secondo il dottor Clark, le misure sono molto più leggere di quanto ci si potrebbe aspettare, data l’attuale situazione nel Regno Unito.

L’Inghilterra era in isolamento quando ha raggiunto il record di casi di COVID-19 a gennaio. In confronto, il Regno Unito attualmente rimane per lo più aperto.

“Non mi chiedo quanto [the restrictions have] È stato introdotto per preparare le persone a ciò che potrebbe accadere, piuttosto che colpire le persone con restrizioni più severe tutte in una volta”, ha affermato la dott.ssa Clark.

Caricamento in corso

Anche se vengono seguite più restrizioni, gli esperti affermano che ci sono lezioni da trarre dalla prima esperienza del Regno Unito con Omicron.

“Pertanto, il nostro obiettivo principale dovrebbe essere quello di rallentare la diffusione del virus aderendo all’igiene attuale e accelerando il processo di vaccinazione, che ora dovrebbe includere dosi di richiamo in tutte le fasce di età”.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 5 minuti 17 secondi

Quello che gli esperti sanno finora della variante Omicron(Norman Swan)

Scarica il modulo…