Ottobre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Olimpiadi 2021 di atletica leggera: il rapimento di Kristina Tsimanoskaya

Kristina Tsimanskaya ha detto di essere stata portata all’aeroporto contro la sua volontà. Foto: Getty/Reuters

Un’atleta bielorussa si è rifiutata di lasciare Tokyo dopo che i funzionari della squadra l’hanno portata all’aeroporto contro la sua volontà, a seguito di una denuncia da parte dello staff tecnico olimpico.

Kristina Tsimanoskaya, 24 anni dello staff tecnico, ha dichiarato: Domenica è venuta nella sua stanza e le ha chiesto di fare le valigie.

Ha detto che i rappresentanti della squadra olimpica bielorussa l’hanno portata direttamente all’aeroporto di Haneda e le hanno chiesto di tornare sul volo di casa.

‘che diavolo’: Un putiferio per la “farsa” dell’oro olimpico

‘Sorprendente’: L’italiano diventa l’uomo più veloce del nuovo mondo a 100 metri di distanza

Ma ha rifiutato e ha cercato invece protezione dalla polizia giapponese, dicendo a Reuters in un messaggio di Telegram: “Non tornerò in Bielorussia”.

Il Comitato olimpico bielorusso ha dichiarato in una nota che gli allenatori avevano deciso di ritirare Tsimanoskaya dai Giochi su consiglio dei medici riguardo al suo “stato emotivo e psicologico”.

Tsimanoskaya era ancora all’aeroporto Haneda di Tokyo nelle prime ore di lunedì mattina, quando il Comitato Olimpico Internazionale ha dichiarato di aver parlato con la giocatrice e che era accompagnata da un membro dello staff di Tokyo 2020.

“Ci ha detto che si sente al sicuro”, ha detto il CIO in un tweet.

In un video pubblicato dalla Fondazione di solidarietà sportiva bielorussa, Tsimanoskaya ha chiesto al CIO di prendere parte al suo caso.

“Sono stata costretta a cercare di farmi uscire dal paese senza il mio consenso, quindi chiedo al CIO di intervenire”, ha detto.

READ  Le inondazioni in Turchia uccidono 17 persone mentre il paese è alle prese con un nuovo disastro | tacchino

Una fonte della fondazione, che sostiene gli atleti imprigionati o emarginati per le loro opinioni politiche, ha affermato che Tsimanoskaya prevede di chiedere asilo in Germania o in Austria lunedì.

Il capo della fondazione, l’ex nuotatrice olimpica Alexandra Heracemenia, ha detto a Reuters che Tsimanoskaya potrebbe ricevere aiuto anche dalla Polonia.

“Abbiamo fatto appello a un certo numero di paesi per chiedere aiuto”, ha detto Heracemenya, tre volte medaglia olimpica.

Ma la prima reazione è stata il consolato polacco. Siamo pronti ad accettare il loro aiuto.

Kristina Tsimanskaya, nella foto qui, sta gareggiando nei 100 metri alle Olimpiadi.

Kristina Tsimanskaya (estrema sinistra) gareggia nei 100 metri alle Olimpiadi. (Foto di GIUSEPPE CACACE/AFP via Getty Images)

Kristina Tsimanskaya “rapita” dopo aver criticato i funzionari

Secondo quanto riferito, i media statali bielorussi hanno lanciato una campagna contro Tsimanoskaya dopo aver criticato la gestione della squadra nazionale venerdì.

La giornalista Hana Lyubakova ha scritto su Twitter: “Si dice che Krishina Tsimanoskaya, che ha apertamente criticato il regime e i funzionari sportivi, tornerà da Tokyo in Bielorussia.

“A quanto pare, i rappresentanti della nazionale bielorussa l’hanno portata all’aeroporto. Sembra un rapimento”.

Tsimanoskaya ha corso le manche dei 100 metri venerdì e avrebbe dovuto iniziare nelle manche dei 200 metri lunedì, insieme alla staffetta 4×400 metri giovedì.

Ha detto di essere stata espulsa dalla squadra a causa “del fatto che ho parlato sulla mia pagina Instagram di trascurare i nostri allenatori”.

Tsimanoskaya si era lamentata su Instagram del suo ingresso nella staffetta 4x400m dopo che alcuni membri della squadra erano stati trovati non idonei a competere alle Olimpiadi perché non avevano subito abbastanza test antidoping.

“Alcune delle nostre ragazze non sono venute qui per gareggiare nella staffetta 4x400m perché non avevano abbastanza test antidoping”, ha detto Tsimanoskaya a Reuters dall’aeroporto.

READ  "Le persone sono troppo attaccate alle loro auto": dove stanno andando i trasporti ad Auckland? | Nuova Zelanda

“L’allenatore mi ha aggiunto alla staffetta a mia insaputa. Ne ho parlato pubblicamente.

“L’allenatore è venuto da me e mi ha detto che c’era un ordine dall’alto per rimuovermi”.

Yuri Moiseevich, capo della squadra di atletica bielorussa a Tokyo, ha dichiarato all’emittente statale STV che è stata presa la decisione di apportare modifiche alla staffetta, ma non l’hanno annunciato immediatamente per non ostacolare i preparativi degli atleti.

“Intendevamo dirle tutto, spiegarle, soprattutto perché era protetta”, ha detto Moisevic.

con Reuters

Guarda “Mind Games”, la nuova serie di Yahoo Sport Australia che esplora il brutale lavoro mentale che gli atleti d’élite affrontano alla ricerca della grandezza:

clicca qui Iscriviti alla nostra newsletter per le ultime notizie dall’Australia e da tutto il mondo.