Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nuovo proprietario per riabilitare Spaghetti Warehouse, guarda avanti l’incertezza economica

Nuovo proprietario per riabilitare Spaghetti Warehouse, guarda avanti l’incertezza economica

Sant ‘Antonio I piani iniziali per riabilitare lo storico Spaghetti Warehouse al 1226 di E. Houston St. Un ostacolo in cui lo sviluppatore si confronta con le realtà dell’economia attuale.

“Con l’attuale mercato dei prestiti, è un momento molto inappropriato per ottenere capitale di debito”, ha affermato. Richard Gutbrathmanaging partner e chief investment officer di Value Creation Strategies Holdings, uno sviluppatore di Austin che ha acquistato l’edificio ad aprile per un importo non divulgato.

La holding per Value Creation Strategies intende riqualificare la proprietà per quelli che chiama “uffici loft creativi” e dovrebbe iniziare i lavori prima della fine dell’anno, ma i tempi di questi piani sono tutt’altro che rigidi.

“Siamo già proprietari dell’edificio, ma stiamo cercando di trovare un prestito per la costruzione”, ha detto Gottbrath.

L’edificio fungeva da quartier generale dello storico negozio di alimentari all’ingrosso Hugo, Schmeltzer & Co, costruito nel 1907 e trasferito lì i suoi uffici dopo la vendita della sede di Alamo Plaza. La superficie edificabile è di circa 42.000 mq.

Il suo ultimo proprietario è stata Spaghetti Warehouse, una catena di ristoranti italiana che ha acquistato l’edificio nel 1978 e ha lavorato sul sito prima di esso. Ha chiuso nel 2020 a causa della pandemia di Covid-19.

“Stiamo lavorando con architetti e consulenti storici per eseguire una completa riabilitazione storica dell’edificio”, ha affermato Gottbrath.

Nota del redattore: questa storia è stata pubblicata da A collaborazione Tra KSAT e San Antonio Business Journal.

Clicca qui per leggere la storia completa nel San Antonio Business Journal.

Anche su KSAT:

Copyright 2022 di KSAT – Tutti i diritti riservati.

READ  La tedesca Lufthansa acquisterà il 40% di ITA, il successore cartaceo di Alitalia