Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nuove straordinarie immagini mostrano giganteschi “segni di artigli” su Marte

Mentre ci sono ancora molti misteri da risolvere, Marte Ci sta diventando ogni giorno più chiaro, grazie alle decine di robot funzionanti su cui attualmente disponiamo la superficie del pianeta rosso o in orbita.

In questa ultima versione dell’orbiter Mars Express dell’Agenzia spaziale europea (ESA), una caratteristica unica della geologia di Marte è mostrata con dettagli sorprendenti.

Queste scanalature sembrano gigantesche ammaccature sulla superficie del pianeta e fanno parte di un gigantesco sistema di rift su Marte noto come Tantalus Fossae.

A parte i dettagli nella foto, ciò che sorprende davvero è la scala che stiamo osservando: questi bacini sono profondi fino a 350 metri (1.148 piedi), larghi 10 chilometri (6,2 miglia) e possono estendersi fino a 1.000 chilometri.

L’immagine è true color, il che significa che rappresenta ciò che gli esseri umani vedrebbero se guardassero l’area con i propri occhi.

Non è tecnicamente una “immagine”; L’immagine è stata creata da un modello digitale del terreno di Marte e utilizzando i canali di colore della telecamera stereo ad alta risoluzione sul Mars Express dell’Agenzia spaziale europea, ma fornisce una visione incredibilmente chiara della vasta area.

(ESA/DLR/FU Berlino, CC BY-SA 3.0 IGO)

L’immagine in alto mostra una prospettiva inclinata, mentre l’inquadratura in basso mostra una vista dall’alto di Tantalus Fossae.

foto di tantalo fossae(ESA/DLR/FU Berlino, CC BY-SA 3.0 IGO)

secondo Comunicato stampa dell’ESALa risoluzione terrestre di queste immagini è di circa 18 m/pixel e le immagini sono centrate a circa 43°N/257°E. Nord a destra.

Allora cosa stiamo guardando?

Il foro è cavo o depressionee Tantalus Fossae che corre lungo il lato orientale di un vulcano marziano tentacolare e relativamente piatto chiamato Alba Mons.

READ  Il genoma di Daddy Longlegs è stato sequenziato e i ricercatori hanno realizzato Daddy Shortlegs: NPR

Quando si tratta di superficie, Alba Mons è il vulcano più grande di Marte: i suoi campi di flusso vulcanico si estendono per almeno 1.350 chilometri (840 miglia). Ma nel suo punto più alto, è alto solo 6,8 chilometri.

Questi fossili sono stati creati quando Alba Mons si è sollevata dalla crosta del pianeta, causando danni e screpolature dell’area circostante.

Immagine di tantalus fossae 2(ESA/DLR/FU Berlino, CC BY-SA 3.0 IGO)

“Le faglie di Tantalus Fossae sono un ottimo esempio di una caratteristica di superficie nota come strappareSpiega la versione. “Ogni trincea si è formata quando due faglie parallele si sono aperte, facendo cadere le rocce tra di loro nel vuoto risultante”.

Una caratteristica simile si trova sul versante occidentale di Alba Mons, conosciuta come Alba Fossae.

Queste immagini non sono solo belle da guardare, ma possono anche aiutarci a capire di più su come si è formata la superficie di Marte.

Si ritiene che queste strutture non si siano formate tutte in una volta, ma una dopo l’altra, il che porta all’intersezione di alcuni bacini tra loro.

Ad esempio, il cratere da impatto che vedi nelle foto si è diffuso, indicando che il cratere era lì per primo. Nelle due foto in alto, puoi vedere un cratere più piccolo sulla sinistra sopra i bacini e probabilmente più piccolo.

Mars Express è stato in orbita attorno a Marte per Adesso ha più di 18 anni. Non vediamo l’ora di vedere viste più uniche del nostro pianeta vicino.