Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nuova ricerca su come migliorare l’umore e le prestazioni mentali

Nuova ricerca su come migliorare l’umore e le prestazioni mentali

La polvere di tè Matcha è un tè tradizionale giapponese noto per i suoi benefici per la salute. Ricercatori giapponesi hanno valutato gli effetti antidepressivi della polvere di tè matcha nei ratti e hanno scoperto che attivava i circuiti dei neuroni della dopamina e migliorava la depressione in alcuni ratti, a seconda del loro precedente stato mentale. Altri studi come questo potrebbero aiutare a sviluppare un antidepressivo migliore.

Uno sguardo più da vicino agli effetti antidepressivi della polvere di tè matcha

I ricercatori mostrano come la polvere di tè matcha migliora la depressione e i fattori che controllano il suo effetto sulla mente.

Il matcha, un tè tradizionale giapponese, è stato pubblicizzato per i suoi benefici per la salute – può migliorare l’umore e le prestazioni mentali sia negli esseri umani che nei topi – ma sono necessarie ulteriori ricerche meccanicistiche. Quindi, i ricercatori giapponesi hanno valutato gli effetti antidepressivi della polvere di tè matcha nei ratti. La polvere attiva i circuiti neuronali dopaminergici e migliora la depressione in alcuni ratti, a seconda del precedente stato mentale dell’animale. Altri studi come questo potrebbero aiutare a sviluppare un antidepressivo migliore.

La depressione è attualmente il disturbo mentale più diffuso al mondo e il numero di persone che ne sono affette continua ad aumentare. Sebbene l’insorgenza della depressione vari da individuo a individuo, si ritiene che la malattia di solito derivi da una diminuzione della dopamina nel cervello. La dopamina, un neurotrasmettitore e ormone, svolge un ruolo importante nell’elevare l’umore e nel far sentire una persona felice, realizzata e motivata. E mentre molti antidepressivi sono stati sviluppati per contrastare l’effetto della bassa dopamina, hanno molti effetti collaterali.

Inoltre, le persone possono sviluppare resistenza agli antidepressivi, richiedendo dosi più elevate nel tempo o frequenti cambiamenti nei farmaci. Questi problemi hanno dato slancio alla ricerca di prodotti naturali con effetti antidepressivi. Uno di questi prodotti, il Matcha, ha recentemente guadagnato popolarità. Provenienti da foglie Camelia sinensis-È ricco di composti che migliorano l’umore: la polvere di Matcha è stata tradizionalmente utilizzata per preparare il tè.

Tè Matcha

La polvere di tè Matcha è una polvere verde ottenuta da foglie di tè coltivate all’ombra che sono state macinate in una polvere fine. È un tè tradizionale giapponese apprezzato da secoli ed è noto per il suo colore verde vivace, il sapore unico e i benefici per la salute. Le foglie di tè usate per fare il matcha vengono coltivate in condizioni speciali, dove le piante vengono riparate dalla luce solare diretta per alcune settimane prima della raccolta. Questo fa sì che le foglie producano più clorofilla e aminoacidi, con conseguente sapore e aroma distinto.

Il consumo di questo tè ha dimostrato di migliorare il comportamento ansioso nei ratti attivando la funzione della dopamina tramite la segnalazione del recettore della dopamina D1. Il conseguente aumento della dopamina può anche migliorare i sintomi della depressione. Pertanto, il dottor Yuki Kurauchi dell’Università di Kumamoto ha guidato un team di ricercatori per studiare gli effetti della polvere di tè matcha nei ratti socialmente isolati. Descrivono in dettaglio le loro scoperte in un articolo pubblicato sulla rivista Volume 15, Issue 3 Nutrienti Il 22 gennaio 2023.

Il team ha utilizzato topi BALB/c tolleranti allo stress e topi C57BL/6J esposti allo stress che sono stati sottoposti allo stress dell’isolamento sociale nei loro esperimenti. Tuttavia, l’assunzione della sospensione di tè matcha per bocca sembrava ridurre i livelli di depressione nei ratti esposti allo stress. Ciò è stato indicato dalle loro prestazioni nei test di sospensione della coda (TST), che sono comunemente usati per valutare la depressione nei ratti. “Matcha ha ridotto il tempo di immobilità solo nei topi esposti allo stress che hanno sperimentato un maggiore stress dall’isolamento sociale e hanno mostrato un comportamento di tipo depressivo, rispetto ai topi tolleranti allo stress”, spiega il dott. Kuroshi.

Il tè Matcha ha effetti simili agli antidepressivi

I neurocircuiti dopaminergici e gli stati mentali dei ratti dopo lo stress dell’isolamento sociale influenzano gli effetti antidepressivi del matcha. Credito: Yuki Kurauchi dell’Università di Kumamoto

Come è successo? Il team ha scavato più a fondo. Un’analisi immunoistochimica del cervello di ratto ha rivelato l’attivazione della corteccia prefrontale (PFC) e del nucleo accumbens (NAc) nei ratti sottoposti a stress dopo aver ingerito una sospensione di tè matcha. Queste regioni costituiscono una parte importante del circuito della dopamina e sono essenziali per controllare i livelli di dopamina nel cervello. La loro attivazione, indicata da un aumento del numero di cellule che esprimono c-Fos, un importante indicatore dell’attività neuronale, aumenterebbe i livelli di dopamina, che migliora l’umore di un individuo. I topi esposti allo stress con un tempo di immobilità più breve avevano un numero maggiore di cellule c-Fos-positive nell’area tegmentale ventrale (VTA) nel loro cervello (che avvia l’attività della dopamina), così come nel PFC e NAc, indicando una maggiore attività e produzione di dopamina. Al contrario, nessuno di questi effetti è stato osservato nei topi tolleranti allo stress.

Ciò è stato rafforzato da un’altra scoperta: la somministrazione di bloccanti del recettore della dopamina D1 a ratti esposti allo stress ha annullato gli effetti antidepressivi della sospensione del tè matcha. Il dottor Koroshi lega tutto insieme. “Questi risultati indicano che la polvere di tè matcha esercita un effetto antidepressivo attivando il sistema della dopamina nel cervello, e questo è influenzato dallo stato mentale di un individuo”.

Il dottor Koroshi è anche ottimista riguardo alle implicazioni future della loro ricerca. Durante la valutazione degli antidepressivi negli individui, dovrebbero essere considerate anche le differenze nel loro stato mentale, data la sensibilità dei ratti esposti allo stress all’effetto della sospensione del tè matcha, ma i ratti tolleranti allo stress no. “Incorporare il matcha nei programmi di promozione della salute ha il potenziale per migliorare ampiamente la sua utilità”, afferma. Brindiamo alla salute mentale con ingredienti alimentari più sicuri!

Riferimento: “Effetto antidepressivo della polvere di tè matcha attraverso l’attivazione del sistema dopaminergico nei ratti dipendenti dallo stress dell’isolamento sociale” di Yuki Kurauchi, Yuki Ota, Keigo Matsuda, Wakana Sanematsu, Hari Prasad Devkota, Takahiro Seki e Hiroshi Katsuki, Jan 22, 2023, disponibile qui. Nutrienti.
DOI: 10.3390/nu15030581

Informazioni sul professore associato Yuki Kurauchi

Il Dr. Yuki Kurauchi è Professore Associato presso il Dipartimento di Scienze Chimiche Farmaceutiche presso la Graduate School of Pharmaceutical Sciences, Kumamoto University, Giappone. Ha conseguito un dottorato di ricerca in scienze farmaceutiche e ha al suo attivo più di 100 articoli di ricerca. Il suo lavoro si concentra sull’uso di approcci farmacologici per trattare i disturbi del sistema nervoso centrale. I suoi specifici interessi di ricerca includono l’analisi comportamentale di pazienti con ansia, le basi neurochimiche dello stress generato dalla gerarchia sociale e l’analisi dei meccanismi patogenetici dell’emicrania.

READ  Pioggia di meteoriti delle Orionidi: attenzione alle meteore nel cielo questo fine settimana