Giugno 8, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Notizie sullo spazio e l’astronomia del 2023: cosa aspettarsi

La NASA ha sollevato il gigantesco Space Launch System dalla Terra per la prima volta nel 2022, illuminando la notte in Florida con un incredibile flusso di fiamme mentre trasportava la missione Artemis I verso la luna. Ciò ha spostato l’attenzione su SpaceX, che sta costruendo un razzo di nuova generazione, l’astronave, che è anche al centro del tentativo di atterraggio sulla luna con equipaggio Artemis III della NASA.

SpaceX ha approvato un’importante revisione ambientale che le consentirebbe di lanciare un volo di prova orbitale senza equipaggio dal sud del Texas se soddisfa determinate condizioni. Ma il razzo non era pronto a volare nel 2022. La società non ha annunciato una data per un test quest’anno, ma i regolari test a terra dell’equipaggiamento del veicolo spaziale indicano che sta lavorando per questo.

Diversi altri razzi potrebbero volare per la prima volta nel 2023. Primo fra tutti, il Vulcan Centaur della United Launch Alliance, alla fine sostituirà l’Atlas V della compagnia, il veicolo che è stato al centro del volo spaziale americano per due decenni. Vulcan è basato su un motore BE-4 costruito da Blue Origin, la compagnia di missili fondata da Jeff Bezos. Lo stesso motore sarà a sua volta utilizzato nel razzo New Glenn di Blue Origin, che potrebbe avere un volo di prova fino a quest’anno.

Si prevede che diverse società private statunitensi testeranno nuovi missili nel 2023, tra cui Relativity e ABL. Potrebbero essere raggiunti da produttori di missili stranieri, tra cui Mitsubishi Heavy Industries che potrebbe testare un razzo H3 giapponese a febbraio, e Arianespace, che sta lavorando per lanciare un razzo Ariane 6 in Europa.

READ  Il rover Perseverance su Marte filma i detriti del suo atterraggio

Garantiamo che ci sarà almeno un tentativo di atterraggio lunare nel 2023. Una società giapponese, Ispace, ha lanciato la sua missione M1 su un razzo SpaceX a dicembre. Sta prendendo una rotta lenta ed efficiente in termini di consumo di carburante verso la luna ed è programmato per arrivare ad aprile, quando tenterà di schierare un rover fabbricato negli Emirati Arabi Uniti, un robot prodotto dall’agenzia spaziale giapponese, JAXA, così come altri carichi utili. .

Quest’anno potrebbero esserci fino a cinque altri tentativi di atterraggio lunare.

La NASA ha assunto due società private per il trasporto di carichi utili sulla superficie lunare. Entrambe, Intuitive Machines di Houston e Astrobotic Technology di Pittsburgh, hanno subito ritardi nel 2022, ma potrebbero fare il viaggio nei prossimi mesi.

Potrebbero essere affiancate da tre missioni lunari per programmi spaziali governativi. La missione indiana Chandrayaan-3 è stata ritardata lo scorso anno, ma potrebbe essere pronta nel 2023. Una missione giapponese, lo Smart Lander for Investigating Moon, o SLIM, mira a testare le tecnologie di atterraggio sulla luna nel paese. Infine, la missione russa Luna-25 dello scorso settembre è stata ritardata, ma Roscosmos, l’agenzia spaziale russa, potrebbe tentare quest’anno.

Il telescopio Webb ha entusiasmato dilettanti spaziali e scienziati con le sue visioni dell’universo, ma potremmo ottenere nuovi benefici da una varietà di osservatori orbitanti.

La missione più importante potrebbe essere Xuntian, una missione cinese che verrà lanciata nel corso dell’anno e che sarà come una versione più avanzata del telescopio spaziale Hubble. Il veicolo spaziale esaminerà l’universo in lunghezze d’onda ottiche e ultraviolette in orbita terrestre vicino alla stazione spaziale Tiangong del paese.

READ  Il James Webb Space Telescope condivide una nuova immagine dopo aver raggiunto lo stadio dell'ottica

Anche una missione a guida giapponese, XRISM, chiamata Almiron, potrebbe essere lanciata all’inizio dell’anno. La missione utilizzerà la spettroscopia a raggi X per studiare le nubi di plasma, che potrebbero aiutare a spiegare la formazione dell’universo. Un telescopio spaziale europeo, Euclid, potrebbe essere lanciato su un razzo SpaceX dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha causato la perdita del posto del veicolo spaziale su un razzo russo Soyuz. Studierà l’energia oscura e la materia oscura dell’universo.

Un nuovo veicolo spaziale si dirigerà verso Giove quest’anno, con l’obiettivo di diventare il primo a orbitare intorno alla luna di un altro pianeta. Il Jupiter Icy Moon Explorer, o JUICE, dell’Agenzia spaziale europea, verrà lanciato da un razzo Ariane 5 già il 5 aprile per lanciarsi nel sistema gioviano, arrivando nel 2031. Una volta raggiunto il gigante gassoso, passerà a fare 35 sorvoli. Delle tre lune giganti del mondo: Callisto, Europa e Ganimede, si ritiene che tutte abbiano oceani sotterranei. Nel 2034, JUICE inizierà a orbitare attorno a Ganimede, la luna più grande del sistema solare.

Ad avvicinarsi al sole è Rocket Lab, una piccola società di lancio fondata in Nuova Zelanda. Mira a utilizzare il suo cyber-razzo per inviare una missione su Venere. Il satellite fotonico dell’azienda tenterà di dispiegare una piccola sonda, costruita dai ricercatori del MIT, che studierà brevemente l’atmosfera tossica del pianeta. La missione era prevista per maggio, ma si prevede che subirà ritardi mentre la società dà la priorità alle missioni per gli altri suoi clienti.

Ci saranno due eclissi solari nel 2023.

L’eclissi totale del 20 aprile sarà più un evento nell’emisfero australe e la luna bloccherà il sole solo nelle parti remote dell’Australia e dell’Indonesia. (Forse non è un brutto momento per essere su una barca anche in alcune parti dell’Oceano Indiano e del Pacifico.)

READ  L'asteroide 2023 DZ2 di 200 piedi passerà vicino alla Luna

Ma gli americani potrebbero avere una buona visuale il 14 ottobre, quando un’eclissi anulare visiterà il Nord America. Eclissi di questo tipo sono talvolta chiamate eclissi “anello di fuoco” perché la Luna è troppo lontana dalla Terra per bloccare completamente il Sole, ma crea un effetto simile ad un anello quando raggiunge la totalità. Il percorso dell’eclissi attraversa parti dell’Oregon, California, Nevada, Utah, Arizona, New Mexico e Texas prima di immergersi nell’America centrale e meridionale. Quando il tempo collabora, dovrebbe essere una grande esposizione solare e un bel preludio all’eclissi totale dell’8 aprile 2024 che attraverserà gli Stati Uniti da sud-ovest a nord-est.