Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Notizie di scioperi di protesta in Iran mentre manifestazioni di solidarietà nel mondo | Iran

Notizie di scioperi di protesta in Iran mentre manifestazioni di solidarietà nel mondo |  Iran

Secondo quanto riferito, negozianti e operai hanno scioperato Iran Sabato, le proteste guidate dalle donne a livello nazionale scoppiate dopo la morte di Mahsa Amini in custodia sono entrate nella loro sesta settimana e si sono tenute manifestazioni di solidarietà in tutto il mondo.

La morte della 22enne Amini, dopo essere stata arrestata per presunta violazione del rigido codice di abbigliamento iraniano, ha scatenato le più grandi proteste che la Repubblica islamica abbia visto da anni.

Le giovani donne hanno guidato la carica, si sono tolte il velo, hanno cantato slogan anti-governativi e hanno affrontato le forze di sicurezza, nonostante una repressione che secondo i gruppi per i diritti umani abbia ucciso almeno 122 persone.

Gli attivisti hanno lanciato un appello per nuove manifestazioni all’inizio della settimana lavorativa in Iran sabato, ma l’affluenza alle urne è stata difficile da misurare a causa delle restrizioni all’accesso a Internet.

“Sabato… staremo insieme per la libertà”, ha detto l’attivista Atena Daemi in un tweet con l’immagine di una donna a capo scoperto che alza il pugno.

Il viceministro degli interni iraniano, Majid al-Marhamadi, ha detto ai media statali che le proteste erano agli “ultimi giorni”.

“Ci sono diversi raduni in alcune università, stanno diminuendo ogni giorno e le rivolte stanno passando i loro ultimi giorni”, ha detto.

Il canale 1500tasvir sui social media ha riferito all’Afp che ci sono stati “scioperi in due città tra cui Sanandaj, Bokan e Saqez”, aggiungendo che è stato difficile vedere le prove della loro presenza online perché “la connessione Internet è molto lenta”.

Saqez, situata nella regione del Kurdistan occidentale del paese, è la città natale di Amini, dove la rabbia per la sua sepoltura è esplosa il mese scorso, contribuendo a innescare il movimento di protesta.

READ  Gli Stati Uniti battono il record giornaliero di nuovi casi di Covid
Un’immagine catturata da un video generato dagli utenti su Twitter, scattato sabato 22 ottobre, mostra gli studenti che protestano fuori dall’Università di Scienze Mediche di Tabriz. Foto: UGC/AFP/Getty Images

I filmati verificati sui social media hanno mostrato dozzine di studenti che sventolavano bandiere iraniane e cantavano fuori dalla più grande università iraniana, la Shahid Beheshti University di Teheran.

Alcune delle studentesse tra loro non indossavano il velo obbligatorio.

Filmati verificati mostrati nel nord-ovest dell’Iran, dozzine di studenti hanno applaudito e cantato durante una protesta all’Università di Scienze Mediche di Tabriz.

L’arcinemico Iran ha accusato gli Stati Uniti di aver cercato di utilizzare le proteste per ottenere concessioni nei colloqui volti a ripristinare l’accordo nucleare del 2015.

“Gli americani continuano a scambiare messaggi con noi, ma stanno cercando di alimentare le fiamme di ciò che sta accadendo all’interno dell’Iran in questi giorni”, ha affermato il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian.

Una veduta aerea della folla che circonda la Colonna della Vittoria a Berlino.
Una veduta aerea della folla che circonda la Colonna della Vittoria a Berlino. Foto: Agenzia Anadolu/Getty Images

Gli organizzatori di una manifestazione di massa a Berlino in solidarietà con i manifestanti iraniani hanno invitato “i governi democratici … a interrompere i negoziati con lo stato criminale chiamato Repubblica islamica”.

In una dichiarazione, il gruppo “Iraniani per la giustizia ei diritti umani” ha anche chiesto l’espulsione degli ambasciatori iraniani.

“Non ti stiamo chiedendo di interferire in Iran, di fare la guerra o di punire il popolo iraniano”, ha detto. “Vogliamo che tu imponga sanzioni mirate a leader, attivisti, oligarchi e gruppi di pressione nella Repubblica islamica”.

La manifestazione di Berlino, che secondo la polizia ha attirato più di 80.000 persone, è stata una delle numerose manifestazioni in tutto il mondo, anche in Australia e Giappone.

READ  SRK condivide un video animato del nuovo Parlamento con un tocco "Swades". Guarda come reagisce il Primo Ministro Modi
Manifestanti contro la Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio marciano sabato nel distretto di Shibuya a Tokyo, in Giappone.
Manifestanti contro la Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio marciano sabato nel distretto di Shibuya a Tokyo, in Giappone. Foto: Takashi Aoyama/Getty Images

Gli organizzatori hanno detto che gli iraniani hanno viaggiato dagli Stati Uniti, dal Canada e da tutta l’Unione Europea.

“Da Zahedan a Teheran, sacrifico la mia vita per l’Iran”, ha detto l’attivista per i diritti umani Fariba Baloch dopo aver pronunciato un discorso alla manifestazione di Berlino, riferendosi alle città iraniane che hanno spazzato via le proteste. La folla ha risposto con “Morte a Khamenei”, un riferimento al leader supremo iraniano, l’ayatollah Ali Khamenei.

Attivisti anti-governativi hanno affermato che la manifestazione di Berlino è stata la più grande manifestazione mai vista contro la Repubblica islamica da parte di iraniani all’estero.

Il sindacato degli insegnanti iraniano ha chiesto uno sciopero nazionale domenica e lunedì per la repressione che secondo Amnesty International ha ucciso almeno 23 bambini.

Il Consiglio di coordinamento dei sindacati degli insegnanti ha affermato che il “sit-in” sarebbe una risposta alla “repressione sistematica” da parte delle forze di sicurezza nelle scuole.

Gli attivisti hanno anche accusato le autorità di aver lanciato una campagna di arresti di massa e divieti di viaggio per sedare le proteste, in cui atleti, celebrità e giornalisti sono stati arrestati nella rete di drag queen.

Sabato le proteste davanti al consolato iraniano a Istanbul, in Turchia.
Sabato le proteste davanti al consolato iraniano a Istanbul, in Turchia. Foto: Emrah Gürel / AP

Durante la notte alpinista iraniano, che è stato posto agli arresti domiciliari Ha ringraziato i suoi fan su Instagram, per aver gareggiato all’estero lo scorso fine settimana senza il velo.

Elnaz Rakabi, 33 anni, ha indossato una fascia solo per un evento ai Campionati asiatici di Seoul, in quello che molti hanno visto come un gesto di solidarietà con le proteste di Amini.

READ  La politica di riforma di Qantas era ereditaria dopo la sua approvazione

“Ringrazio sinceramente tutti coloro che sono venuti all’aeroporto per avermi accolto, ti amo”, ha detto Rakabi nel suo primo commento sui social media da quando è tornata mercoledì per dare il benvenuto agli eroi.

La British Broadcasting Corporation (BBC) e la Iranian International Television con sede a Londra hanno dichiarato, venerdì, che i miei passeggeri sono stati posti agli arresti domiciliari. Secondo quanto riferito, il suo telefono è stato sequestrato prima che tornasse a casa.

Venerdì, il Center for Human Rights in Iran con sede a New York ha invitato la International Climbing Federation a fare di più per proteggere i miei ciclisti e tutti gli atleti iraniani.

Reuters ha contribuito a questo rapporto