Maggio 22, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Non se… ma quando’: lo Sinn Féin verso il potere in Irlanda | shin fen

Solo 30 anni fa, l’IRA stava bombardando Downing Street, sparando tre colpi di mortaio al numero 10 mentre John Major presiedeva una riunione del gabinetto.

Nel 2021, noi stessi, il partito politico associato all’esercito repubblicano irlandese per la maggior parte dei disordini, è passato al centro della scena per guidare il governo irlandese in quello che potrebbe essere il più grande cambiamento nella politica del paese dalla sua fondazione 100 anni fa.

L’Irlanda è a tre anni dalle prossime elezioni generali e la vittoria dello Sinn Féin o di qualsiasi altro partito è ancora lontana dall’essere certa, ma il cambiamento sismicamente lento della politica irlandese è difficilmente degno di nota al di fuori del paese nonostante il cambiamento nelle dinamiche che è già creare.

“Non è una questione se, quando sarà al potere lo Sinn Féin”, ha detto un importante uomo d’affari che ha chiesto di non essere nominato.

È il loro spostamento a sud del confine e il corteggiamento costante delle classi medie, che crea forti tensioni sull’identità di partito a nord del confine.

Prima di Natale, un portavoce dell’edilizia abitativa, Eoin Ó Broin, ha chiamato uno dei TD più rispettati Jerry Adams si scusa per gli schizzi di Natale, Scherzando su un logo associato all’esercito repubblicano irlandese. In un’epoca passata, questa dipendenza era una questione di disciplina.

I commentatori hanno attribuito la notevole crescita del partito a sud del confine in parte ai poteri di trasformazione del suo leader, Mary Lou MacDonald, che non ha nulla a che fare con Age of Troubles e rappresenta una rottura radicale con l’era Adams.

READ  Un errore tra una coppia britannica e mia madre e mia figlia | Immagini

Ma è anche dovuto a un cambiamento di tattica – che pone questioni come l’alloggio, l’economia e la salute davanti a un’Irlanda unita – che è visto come estendere il suo fascino oltre le aree operaie della sua ex roccaforte.

I parlamentari dello Sinn Féin Owen Caron e Jerry Adams con Christy Burke, la candidata del partito per il Centro di Dublino, nel 1983. Foto: Notizie e media indipendenti/Getty Images

Un sondaggio dopo l’altro mostra che sta estendendo il suo vantaggio dopo un anno di distensione sui due partiti che hanno dominato la politica irlandese per un secolo. Secondo metà dicembre Sondaggio Irish Times/Ipsos MRBIIl tasso di gradimento dello Sinn Féin è ora del 35%, un divario apparentemente incolmabile per i due principali partiti del governo di coalizione – Fianna Fáil e Fine Gael – che erano del 20% ciascuno. I sondaggi precedenti mettevano lo Sinn Féin al 32% e al 33%.

“Puoi vedere una rivoluzione politica in corso davanti ai tuoi occhi”, ha detto la controparte laburista Andrew Adonis, che è andato a Dublino in ottobre per osservare il partito alla sua conferenza e ha scritto un articolo di 3.000 parole per il numero di febbraio di Prospect.

“Sembrerebbe fantastico da dire, ma è vero, la sete di potere e disciplina dietro il leader per conquistare il potere mi ha ricordato il New Labour negli anni ’90”.

Un importante uomo d’affari, che ha chiesto di non essere nominato, ha parlato di come il partito stia affinando la sua capacità di voto giorno dopo giorno, emettendo pronomi per rimuovere le tracce di legami per passare l’oscurità e annunciando politiche intenzionalmente volte a “disintossicare” lo Sinn Fein per le classi medie. In particolare, non ha combattuto il governo per le basse tasse sulle società e ha affermato che avrebbe aumentato le tasse solo sul “3% più alto”.

MacDonald disse al gruppo dei credenti riuniti per La terra di Fuheis La pandemia ha messo in luce un sistema abitativo rotto, una carenza di alloggi in affitto, servizi sanitari inadeguati e un aumento del costo della vita. Poco dopo si è recata negli Stati Uniti, dove ha tenuto discorsi al National Press Club di Washington, D.C. e al New York Bar sull’impatto della Brexit sull’Unione europea. Irlanda del Nord e la possibilità di unire l’isola d’Irlanda.

Il partito ha anche contattato gruppi di affari nel tentativo di disintossicare la sua posizione nei circoli aziendali. Report in Irlanda Posta aziendale della domenica Ha osservato che mentre a MacDonald “piace accusare il governo di aprire il tappeto rosso ai fondi avvoltoio e agli investitori istituzionali”, la sua analisi del record di lobbying ha rivelato che entità commerciali che in precedenza avevano evitato il contatto con il partito stavano cercando di aprire canali di comunicazione.

Lo Sinn Féin è un partito riservato e altamente disciplinato, i suoi membri raramente si discostano da ciò che comanda la leadership. Il rapporto afferma anche che MacDonald ha ordinato ai suoi membri di contattare aziende, sindacati e gruppi di settore come parte dei preparativi del governo.

La possibilità dello Sinn Féin al governo a Dublino fa crescere le prospettive per il Partito Repubblicano, fondato nel 1905 al potere sia a nord che a sud del confine, qualcosa che potrebbe alterare drasticamente i rapporti con il Regno Unito e influenzare il crescente dibattito. A sud del confine, sperando di unire l’Irlanda.

I sondaggi di opinione mostrano che ha la possibilità di essere il più grande partito nelle elezioni del maggio 2022 per l’Assemblea di Stormont.

I souvenir dello Sinn Féin sono in vendita prima dell'incontro del 2020 alla Liberty Hall di Dublino
I souvenir dello Sinn Féin sono in vendita prima dell’incontro del 2020 a Liberty Hall, Dublino. Fotografia: Lauren O’Sullivan/Reuters

La sua ascesa nella repubblica è stata notata per la prima volta nel 2020 quando, dopo aver aumentato il sostegno, ha vinto i suoi primi voti di preferenza nelle elezioni generali di febbraio. I risultati non si sono tradotti in forza perché il partito ha schierato 42 candidati in una corsa per 159, ma “hanno portato cambiamenti significativi nel panorama politico”, ha affermato Agnes Mayo, docente di politica alla Dublin City University e autrice di Rebels in Government , Un nuovo libro. Un libro sullo Sinn Fein. “Fino al 2020, i suoi progressi possono essere descritti come un voto di protesta”, ha affermato.

Lo storico Diarmed Ferriter ha affermato che il 2020 ha visto un maggiore successo con gli elettori della classe media e benestanti e che il partito si è evoluto attraverso “contrattazioni e alloggi”. “Questo è il partito ereditato da Jerry Adams. In molti modi ne è l’artefice, nel senso che ha adattato lo Sinn Féin per scopi costituzionali… Ha qualificato le loro posizioni pure in varie fasi dagli anni ’80 in poi”.

Ferriter ha detto che l’opportunità dello Sinn Fein non era nuova. Il partito si asteneva dalla politica a Westminster e Dublino, abbandonando la sua posizione su quest’ultima alla fine degli anni ’80. Il referendum del 1998 è stato un altro punto di svolta significativo nella rimozione di un articolo nella costituzione irlandese che rivendicava la sovranità su 32 contee per aprire la strada all’Accordo del Venerdì Santo.

“La loro accettazione dell’esistenza dell’Irlanda del Nord è stato un altro punto di svolta perché stavano accettando il principio del consenso. Tutte queste concessioni lo hanno reso più appetibile”, ha detto Ferriter.

Il successo futuro dello Sinn Féin dipenderà da quanto avanzerà l’opposizione nei prossimi tre anni, man mano che le politiche populiste su casa e salute saranno sottoposte a maggiore controllo e la questione del suo passato sarà messa in primo piano.

Ferriter ha tracciato parallelismi con Fianna Fáil all’indomani della guerra civile e dell’indipendenza nel 1921. È stato identificato come un partito “all’ombra delle armi” ma “ha superato rapidamente questo in qualche modo sottolineando che avevano credenziali conservatrici impeccabili e che non erano “Erano comunisti e non erano credenti”.

Ha aggiunto: “Lo Sinn Féin avrà ovviamente a che fare con retaggi di disturbi che compaiono spesso ma non sembrano erodere il loro slancio, suggerendo che questo cambiamento è per generazioni”.

Kevin Cunningham, ex direttore del targeting e dell’analisi per il Partito laburista britannico e ora docente di politica alla Dublin Technological University, vede l’ascesa dello Sinn Fein in funzione di una nazione sempre più fiduciosa che si allontana dalla politica della guerra civile che ha creato i due partiti principali.

“Dal 1980 circa e dal declino della religiosità in Irlanda, si vede un aumento abbastanza costante del numero di persone che votano o sostengono i partiti politici che si identificano a sinistra”, ha detto.

“Il voto per il Fianna Fáil e per il Fine Gael è stato di circa l’80% fino al 1980 e poi è diminuito costantemente decennio dopo decennio.

C’erano altri partiti di sinistra in quegli anni. I Democratici Progressisti e il Partito Laburista, in particolare, erano incredibilmente deboli ma allo stesso tempo c’era un sottogruppo della popolazione che si definiva di sinistra e lo Sinn Féin se ne impadronì e in una certa misura questa è una sorta di normalizzazione della politica in Irlanda”.