Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Non puoi venire in Italia? Ecco le mostre virtuali da vedere alla Biennale di Architettura di Venezia

Non puoi venire in Italia?  Ecco le mostre virtuali da vedere alla Biennale di Architettura di Venezia

Se stai leggendo questo, ci sono buone probabilità che non visiterai Venezia tanto presto. Ma va bene, e nemmeno io. Potresti aver sentito che la Biennale di Architettura di Venezia del 2021, che è in ritardo di un anno, è iniziata alla fine di maggio con un pubblico molto più piccolo, presumibilmente con il conto di Aperol molto più piccolo del solito. Potresti anche aver sentito che il curatore della Biennale Hashem Sarkis ruota attorno a una domanda: Come vivremo insieme? L’esperienza della pandemia di COVID-19, e la pausa nella produzione culturale che ha determinato, ha sicuramente colorato le reazioni. Molti espositori, inclusi i padiglioni nazionali ai Giardini e i team indipendenti all’Arsenale, hanno creato modi per consentire al pubblico di partecipare ai loro progetti da lontano, online o in altro modo. In questo modo, la 17. Biennale Internazionale di Architettura si differenzia dalle precedenti nei messaggi, ma anche nei media.

Qui, UN Riassumi i progetti che possono essere gustati e vissuti senza alcuna conoscenza di ciò che è stato costruito a Venezia:

Padiglione Polacco afflizione in cielo La mostra è divisa in due parti, una delle quali di natura “analitica”, l’altra speculativa. L’ultima parte presenta proposte architettoniche e progettuali per la campagna polacca. (Per gentile concessione di Zachęta – Galleria Nazionale d’Arte, Varsavia)

esplora

Alcune delle performance virtuali di maggior successo della Biennale sono quelle che mettono in discussione la natura dell’industria espositiva, che è ancora incentrata sugli oggetti fisici. In cima alla pila c’è il padiglione polacco afflizione in cieloStudia design rurale in un paese dell’Europa centrale. Il sito web della galleria è delizioso e offre un panorama facile da navigare, ed è in effetti un romanzo compilato pieno di annotazioni su manufatti (torri della chiesa, fienili, panchine), punti comunitari (club sociali di vecchia data) e pratiche di sviluppo sinistre (urbanismo “feudale”). Le proposte di alcuni studi di progettazione del Nord Europa, selezionati da PROLOG, lo studio di architettura di Wroclaw che ha sponsorizzato il padiglione, offrono visioni satiriche della vita futura del villaggio. Il testo a volte è un po’ sciatto, ma l’equilibrio tra interazione e semplicità offre Un esempio da seguire.

Allo stesso modo è efficace Catalogo post-umano, un’installazione dalla galleria centrale della Biennale dei designer britannici Parsons e Charlesworth, che presenta una serie cupa e ironica di “prodotti che migliorano l’essere umano per l’imprenditore nomade di oggi”. Il microsito del progetto consente di “affrontare” beni immaginari e miglioramenti promettenti per migliorare la portabilità dell’utente per la commerciabilità digitale (tuta LED ClickBaitWear), migliorare la cura di sé (kit di microdosaggio e probiotici), migliorare le prestazioni (modifiche cerebrali) – tutto a Traduttore freelance spericolato potrebbe aver bisogno di Inseguire la folla. Il indice Era una Biennale preesistente, ma il sito sembra vivace e, soprattutto, divertente da usare.

READ  La Noodle Challenge vede una squadra sgretolarsi
Screenshot di un ambiente digitale con cornici leggere, contenitori e sedute
NEMESTUDIO ha creato un diorama digitale per Architettura come scala Nel padiglione turco. (NEMESTUDIO / Per gentile concessione del Padiglione Turchia)

sta leggendo

Una precedente critica alla Biennale di Architettura è che spesso seguono un formato di libro piuttosto che, diciamo, un formato di mostra – un’impressione aiutata dalla sovrapproduzione di cataloghi che partecipano a ogni evento del genere. Non sorprende che questo stesso pregiudizio editoriale attraversi molti degli spettacoli ipotetici di quest’anno. Ad esempio, il padiglione turco Architettura come scala Raccoglie articoli, interviste e altri “documenti” critici del ruolo dell’architettura nella normalizzazione dei “protocolli di estrazione, manutenzione, logistica e costruzione”, mi ha detto il curatore Niran Turan. Gli organizzatori hanno iniziato a raccogliere materiali – ancora una volta, variando il formato e includendo immagini digitali di NEMESTUDIO, lo studio di design nella Turan Bay Area – nell’aprile 2020, con l’intenzione di continuare a pubblicare nel corso della Biennale. “Questa pubblicazione a lungo termine ha un ritmo più lento rispetto al tipico catalogo della mostra che è stato rilasciato all’inaugurazione”, ha affermato Turan. “Le persone sono coinvolte nel progetto a diversi punti di ingresso e a diverse velocità”.

ApertoIl progetto del padiglione russo, due mesi prima della pubblicazione del padiglione turco. Nel febbraio 2020, il curatore Ippolito Pestelini Laparelli ha lanciato una piattaforma editoriale per indagare sul “ruolo pubblico… delle istituzioni culturali”, ha affermato nell’editoriale, che da allora ha pubblicato testi di artisti del calibro del filosofo Timothy Morton e Curator of Design. Paola Antonelli. Pistellini Laparelli raccontato UN. “Era una strategia non invasiva e precisa a differenza della bulimia bulimica che abbiamo sperimentato negli ultimi mesi”. Meno sottile è il design del sito web, sebbene sia pulito e colorato, è sovraccarico di popup che rendono un po’ fastidiosa la navigazione estesa.

Il Padiglione Finlandese ha una portata più limitata, ma merita comunque una visita sul web nuovi standard, che approfondisce la storia e l’eredità della società di case prefabbricate in legno. Casi di studio e alcune vignette trasmettono un modello importante di alloggi collettivi sostenibili di alta qualità.

READ  Storia dell'Hotel du Cap Eden Rock
Documentario con corpi celesti che fluttuano sullo sfondo della città
film ancora da 2038, uno pseudo-documentario identificato dall’anno onorario prodotto dal Padiglione Tedesco. (cortesia 2038/ Padiglione Germania)

Orologio

Il film è un altro mezzo che si traduce facilmente dalla parete della galleria al browser web ed è essenziale per una serie di display digitali del padiglione. “A differenza dei media architettonici tradizionali come disegni, modelli o fotografie, crediamo che i film abbiano un potenziale unico per coinvolgerti in una narrazione specifica”, ha spiegato Nicholas Hirsch, curatore associato del padiglione tedesco. mostra Incentrato su un documentario immaginario ambientato nell’anno 2038, a quel punto l’umanità avrà “padroneggiato le principali crisi”, dichiara la sceneggiatura del progetto. Può essere visualizzato sul sito Web del padiglione tedesco o accessibile tramite icone di realtà virtuale stampate sulle pareti del suo padiglione fisico, 2038 È concettualmente ricco e ha valori di produzione molto alti, ma soffre della sua presentazione frammentata ed esagerata.

chi siamo noi? Nel padiglione olandese tenta di interpretare criticamente il “noi” dell’orientamento di Sarkis, investendo il suo gruppo implicito in una comprensione più pluralistica dell’umanità e delle sue interazioni spaziali con altre specie. Per il curatore, Francian van Westerenen, la mostra “offre una lente per vedere le relazioni tra te e l’altro, tra te e il mondo che ti circonda, e ciò che è necessario per creare quelle relazioni, che è polifonia e pluralismo”. Come con altri, a volte il design UX eccessivo si intromette, ma i video, in particolare i video di Afaina de Jong Cruzcad Un film che merita il tuo tempo.

Ascolta

Data l’efficacia del suono nel plasmare le esperienze spaziali, sono state deludenti poche le colonne sonore prodotte per la Biennale. In quella che sembra essere l’unica eccezione, il progetto del Padiglione Catalano aria / canto / attenzione, lo studio sull’inquinamento atmosferico di Barcellona commissionato da a Nuovo EP Il musicista elettronico John Talbot. Con la voce della cantante Maria Arnall, il disco è meno eccitante di quanto l’argomento potrebbe suggerire, anche vicino al rock. Questo sembra corrispondere all’autodescrizione di Wing, che caratterizza “canzone polifonica” come un pezzo attivo “Domanda[ing] A chi appartiene l’aria e chi è responsabile della sua conservazione.

READ  L'Inter contro la Roma potrebbe essere in serie A con i tifosi che tornano, secondo i media italiani

posta

Un interessante approccio analogico al fucile virtuale viene da Justinien Tribillon, che Benvenuti a Borderland L’installazione nella mostra principale della Biennale è “una celebrazione della migrazione delle piante, della loro ibridazione e della loro adattabilità e resistenza”, afferma Trebillon. Il loro sito web è molto semplice, consiste in un unico articolo e, stranamente, un modulo d’ordine: a un prezzo contenuto, i visitatori del web possono ordinare un pezzo dell’installazione – composto da 120 copie monocromatiche di piante A2 – che verrà smontato in più di 1.700 cartoline di Tribillon e spedite per posta alla fine della Biennale a novembre. Lungi dall’essere intraprendente, Tribellon vede il progetto come una critica al modello complessivo nel suo insieme. “Penso che noi, gli individui e le organizzazioni che partecipano o partecipano a tali eventi, siamo pienamente consapevoli che non sono sostenibili nella loro forma attuale: socialmente, intellettualmente e ambientalmente”, ha affermato. UN. “Come possiamo inventare nuove forme, nuovi gesti, estendendo, nello spazio e nel tempo, la tremenda energia creata dalla Biennale, ma che non ci richiede di salire su un aereo e viaggiare per tre giorni dall’altra parte del mondo a Venezia?”

La richiesta di Tribellon è tempestiva e molto gradita. Mentre Zoom e Teams sono stufi come la prossima persona, la spinta a centralizzare le esperienze online per mostre, eventi e altri formati culturali è stata un lato positivo della pandemia. Nell’ultimo anno, grandi designer hanno dedicato le loro energie a esperienze digitali a distanza, alcune delle quali sono state gratificanti quanto quelle delle mostre fisiche – l’ultima Arcipelago: Architetture della Conferenza del Multiverso مؤتمر essendo uno degli esempi. Non dovrebbe essere un’epidemia realizzare questa consapevolezza, e mentre sento che molte piattaforme virtuali continuano a imitare le esperienze di IRL, l’evento di quest’anno ha suggerito un cambiamento di atteggiamento. Nicholas Hirsch ha riassunto bene: “Se la Biennale di Venezia è davvero la piattaforma più importante per l’architettura, deve sfidare le modalità di accesso e di rappresentazione, e con essa il ruolo dell’architettura stessa”.