Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Non pianificare, vai e basta!”: Come essere spontanei – e divertirti inaspettatamente | Salute e amp; Benessere

BAi vecchi tempi, io e il mio migliore amico chiamavamo uscire “in cerca di guai”. Non speravamo in un semplice furto con scasso o furto, ma piuttosto in un’avventura spontanea che coinvolgeva musica, sconosciuti o semplicemente la città di notte. Per molti milioni di noi, tutti quei momenti divertenti ed eccitanti sono stati maltrattati dall’inizio della pandemia. Prima sono arrivate le chiusure, il distanziamento sociale e gli spazi chiusi, poi la prudente riapertura quando una gita al pub o alla galleria d’arte doveva essere prenotata con settimane di anticipo. E ora, proprio quando il mondo sembrava finalmente essere tornato alla normalità, Omicron riporta tutto indietro, mandando in frantumi tutti quei sogni di serate, vacanze e feste rave. Non solo sembra sciocco pianificare qualsiasi cosa, ma dopo due anni di frustrazione e autocontrollo, è difficile evocare l’entusiasmo di fare qualsiasi cosa per niente.

Questa è una grande perdita. Mentre spesso pensiamo che l’anticipazione sia metà del divertimento, nel 2016 ricercatori di due università americane ho trovato Che alle persone piacessero di più le attività quando improvvisavano. Gli autori hanno scritto che programmare una pausa caffè o un film, ad esempio, li faceva sentire “meno liberi e più simili al lavoro”. Come disse Jane Austen 200 anni fa in Emma: “Perché non provi piacere subito? – Quante volte distruggi la felicità con una preparazione sciocca!”

Le maschere non aiutano, dice Edward Selingerland, professore di filosofia all’Università della British Columbia e autore di Try Not To Try. “È difficile entrare in qualsiasi tipo di ritmo spontaneo e rilassato quando non puoi vedere le espressioni facciali dell’altra persona. Le nostre interazioni personali sono state prosciugate dai sottili segnali facciali che normalmente usiamo per dire se l’altra persona si sta divertendo o se il commento sta andando per il verso giusto.” Questo rende più difficili anche quelle preziose interazioni con gli estranei quando sei fuori nel mondo. Le videochiamate sono ugualmente sfavorevoli. “Non sei nella stessa stanza. Spesso c’è un leggero ritardo che può non sembrare molto, ma è difficile per le persone sapere quando finire di parlare, quando è appropriato per me iniziare. È impossibile rilassarsi nella normalità e interazioni sociali positive che mi vengono spontanee. per loro”.

READ  Sintesi della comunità Milpitas per la settimana del 4 marzo - Mercury News

La buona notizia è che puoi lavorare per essere più automatico, per quanto controintuitivo possa sembrare. Nel suo libro, Slingerland ha esaminato il modo in cui gli antichi pensatori cinesi hanno affrontato il problema. “Includeva cose come attività rituali, meditazione, pratiche di respirazione o semplicemente cercando di ingannare la tua mente facendogli dimenticare che stavi cercando di essere spontaneo”. Perché, spiega, se ti concentri esattamente sul problema, stai attivando la parte del cervello che deve essere spenta: le aree di controllo cognitivo. La chiave è rilassarsi, non lottare.

Slingerland non sta suggerendo che noi moderni iniziamo a fare rituali confuciani, ma, dice, “una funzione molto simile è svolta facendo cose come diserbare il giardino o fare una passeggiata, usando il tuo corpo in modo da interagire con il mondo naturale.” La prima parola cinese per descrivere lo stato che queste attività determinano è wwe. “Lo traduco come ‘verbi senza sforzo’,’ dice. ‘Uno stato in cui perdi il senso di te stesso come lavoratore e ti immergi in quello che stai facendo.” Slingerland: “Guarda la luce del sole sugli alberi e ascolta agli uccelli e accetteranno qualcosa di più grande di te.” “Questo ti toglie dalla testa e ti permette di rilassarti.”

Illustrazione spontanea - l'uomo svuota la testa
Interrompere la routine può aiutare a liberare la mente. Illustrazione: Leon Adler / Il guardiano

Non si tratta solo di passare una bella serata fuori. Abbiamo anche bisogno della spontaneità per abbracciare il cambiamento, afferma la psicologa clinica e scrittrice Linda Blair. Il cambiamento è necessario per fare progressi di qualsiasi tipo. La spontaneità ci rende anche più felici”.

Blair dice che il modo migliore per andare avanti per ora è cambiare le cose invece di parlarne tentativo Per essere spontaneo, stai dicendo: “Non c’è altro modo per essere nel momento”. Vuoi andare nel tuo ristorante preferito? chiede Blair. “Non pianificarlo: vai lì oggi, mentre è ancora aperto”.

Suggerisce che interrompere la routine può aiutare a liberare la mente. Questo potrebbe significare disattivare il pilota automatico mentale e pensare a come ti senti veramente a colazione oggi. Un altro inizio alla spontaneità, dice, è riavere la tua giornata. “È molto divertente, soprattutto con i bambini. Inizia la giornata con la cena, diciamo, qualsiasi cosa che cambi gli stimoli che ci fanno fare le stesse cose”.

I trigger sono le cose che ci fanno agire automaticamente. La ciotola dei biscotti che ci fa pensare che abbiamo fame. La telefonata che ci porta in una tana del coniglio e ritarda la preparazione del pranzo di 45 minuti. Gli stimoli non sono amici della spontaneità. Quindi il miglior consiglio di Blair per iniziare una giornata senza i nostri oppositori e fattori scatenanti interni è scrivere tutti i tuoi pensieri come prima cosa al mattino, prima di fare qualsiasi altra cosa. Questo processo si chiama Morning Pages ed è stato originariamente creato dall’autrice Julia Cameron come parte di quello che lei chiama The Artist’s Way, un modo per liberare la creatività. “Il modo migliore per essere spontanei è sbarazzarsi della spazzatura che ti trattiene mentalmente ogni giorno”, dice Blair. “Ti alzi la mattina e scrivi qualsiasi cosa, qualunque cosa ti passi per la testa, anche se è : ‘Perché lo sto facendo?’ Tocca semplicemente scrivendo finché non esaurisci” o per cinque minuti.”

Non lasciare che le pressioni del tempo ti fermino. “Una delle persone che conosco si alza alle 4 del mattino per farlo, così i bambini non la disturberanno”, dice Blair. “È importante avere il proprio tempo e guardare a quella che appare come una possibilità di fare le cose in un modo nuovo”. Questo non solo rafforza la tua tendenza ad essere spontaneo per il resto della giornata, dice Blair, ma spesso genera pensieri spontanei. “Ti sveglia all’improvviso, quindi, ad esempio, sogni di scrivere di vedere qualcuno con cui ti rendi conto di non essere stato in contatto da molto tempo. Quindi puoi chiamarlo ora o inviargli un’e-mail. “

Joe Oliver è uno psicologo clinico specializzato in terapia dell’accettazione e dell’impegno – terapia comportamentale basata sulla consapevolezza – e ha alcune buone soluzioni se hai perso la tua spontaneità. Molti dei suoi clienti ora sono sconvolti, in parte dalle pressioni della pandemia generale, ma anche, dice, dalla “mancanza di divertimento a loro disposizione. Il divertimento deriva molto dalla spontaneità: fare le cose e non pensare troppo a loro, entrare in contatto con le persone, svolgere un’attività e lasciare che le portino in direzioni inaspettate”.

Uno degli inconvenienti, dice, “è il desiderio delle persone di rimanere nelle loro zone di comfort, dove è sicuro, prevedibile, ordinato e le persone sanno come stanno andando le cose”. Una zona di comfort può tornare utile, soprattutto nel momento in cui dobbiamo tenerci al sicuro, ma c’è il rischio di parlare Noi stessi fuori dall’avventura. “Pensare troppo è piuttosto classico”, dice Oliver. “Lasciarsi coinvolgere dalle preoccupazioni per il futuro: sarà orribile, non funzionerà, non sarà divertente, avrà conseguenze terribili e non sarai al sicuro. E quando le persone saranno preoccupate per questi pensieri, ovviamente, fanno la cosa naturale di ritirarsi nella loro zona di comfort. Oppure fanno molto”.

Parte del problema è vivere non nel presente, ma nel passato o nel futuro, e pensare: “E i momenti in cui non ti sei allenato?” dice Oliver. Ma capire che questo sta accadendo è il primo passo per ritrovare la spontaneità. I clienti affermano: “Ci sono buone prove che le opportunità non pianificate supportano il benessere e la salute mentale”.

La prossima volta che ti ritrovi a esaurire qualcosa a un certo punto, suggerisce di cambiare la tua mente critica e di dire a te stesso: “Lo sto facendo perché mi fa bene. E lo adoro. È divertente. Continuiamo con quell’ansia iniziale e guarda cosa succede dopo.” “. La consapevolezza ti aiuterà a goderti il ​​momento, dice Oliver, ma “non deve essere una pratica meditativa completa”. Basta “trattenere i piedi, prendere nota del respiro per 10 secondi, ruotare le spalle all’indietro, abbassare le braccia e passare un po’ di tempo a scendere verso il tuo corpo”.

Scopri quei pensieri limitanti che ti dicono che non possiamo disegnare/skateboard/correre sotto la pioggia, dice, ma non cercare di discutere con loro. Se sfidi i pensieri, crea “un po’ di conflitto e può inavvertitamente dare a quei pensieri più potere”. Invece, prova a pensare: “Ci sono di nuovo quei pensieri” o addirittura ringraziali per il loro feedback: stanno solo cercando di tenerci al sicuro.

Altri trucchi di Oliver includono alternarsi con un amico o un partner per suggerire nuove cose da fare, “per creare casualità. Ho un bar preferito ma il mio partner spesso vuole andare da qualche altra parte, non nella mia zona di comfort. A volte, per il bene di spontaneità, diciamo all’altro: ‘Bene, decidi tu’. Oppure a volte tiriamo fuori alcune battute e lanciamo una moneta. ” Perché, anche se il tuo istinto potrebbe dirti di rimanere nella tua zona di comfort, non c’è davvero modo di prevedere quale opzione risulterà più divertente in un dato giorno.

Come ha fatto Daniel Gilbert ad Harvard Mostraci beneNon stimiamo con precisione quale sarà il futuro, dice Blair. Di solito pensiamo che sarà migliore di quello che è. Inoltre, non stimiamo con precisione com’era il passato. Siamo severi con noi stessi e troppo critici nei confronti di ciò che è successo – o romanzato. proprio adesso …Puoi essere felice ora. “Dice che i suoi pazienti le parlano spesso del dolore ricorrente che li tiene svegli la notte perché è così forte. Ma quando chiedi loro come sta ora, loro dicono: “Qual è il dolore? ” Oh, non è così male”. Ancora una volta con la vita nel futuro e nel passato. “Per quanto riguarda il presente, di solito le cose vanno bene”, dice Blair. Qui, Austin continua a ripetere: “Divertiti subito”.