Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Non perderti il ​​picco della pioggia di meteoriti delle Liridi

Non perderti il ​​picco della pioggia di meteoriti delle Liridi

Immagine composita delle meteore Lyrid e non Lyrid sopra il New Mexico dall’aprile 2012. Credito: NASA/MSFC/Daniel Moser

La pioggia di meteoriti di Lyrid raggiunge il picco il 23 aprile con un massimo di 15 meteore all’ora.

L’hammam è considerato uno dei più antichi della storia, risalente a 2700 anni fa. L’effervescenza di Lyrid rimane difficile da prevedere, rendendo le osservazioni regolari cruciali per migliorare i modelli. Per osservare le Liridi, trova un luogo buio lontano dalle luci della città, lascia che gli occhi si adattino per 30 minuti ed evita gli schermi luminosi. Le meteore raggiungeranno un picco tra le 10 e le 15 all’ora durante la prima mattinata del 23, ma nelle notti adiacenti si possono vedere velocità inferiori.

La pioggia di meteoriti di Lyrid di quest’anno raggiungerà il picco nelle ore prima dell’alba del 23 aprile. In media, la pioggia può produrre fino a 15 meteore all’ora in condizioni di visione ideali. Le liridi si verificano ogni anno a metà aprile, quando la Terra attraversa la scia di detriti lasciata dalla cometa C/1861 G1 Thatcher. Questi frammenti di cometa bruciano quando colpiscono l’atmosfera terrestre e producono questa pioggia di stelle cadenti. La colomba prende il nome dalla costellazione della Lira, che è il punto nel cielo in cui compaiono le meteore. A differenza delle Perseidi o delle Geminidi, le Liridi non sono note per le loro luminose palle di fuoco. Ciò che lo rende speciale è la sua imprevedibilità.

Meteoriti Lyreid dalla costellazione della Lira

Lyrid Meteore dalla costellazione della Lira. Credito e copyright: Petr Horálek

Il primo record di una pioggia di meteoriti di Lyrid risale a 2.700 anni fa, rendendolo uno dei più antichi della storia. I ricercatori alla ricerca di documenti antichi hanno trovato descrizioni delle principali eruzioni di Lyrid. Ad esempio, una nota scritta dal vescovo francese Gregorio di Tours nell’aprile del 582 dC afferma: “A Soissons, vediamo il paradiso in fiamme”. Ci fu anche un’esplosione di Laird visibile negli Stati Uniti nel 1803. Un articolo sulla Virginia Gazette e sul General Advertiser descrive la pioggia: “Dall’una fino alle tre, quelle meteore stellate sembravano cadere da ogni punto del cielo, in numero tale da somigliare a una pioggia di missili nel cielo.” . L’ultima eruzione di Lyrid è stata nel 1982, quando gli osservatori hanno registrato 75 meteore all’ora in Florida.

Il tema comune qui è che le esplosioni di Lyrid sono sorprese. A differenza di altri sciami, i ricercatori di meteoriti non possono nemmeno prevedere le esplosioni di Lyrid. Questo è il motivo per cui è importante effettuare osservazioni ogni anno in modo che i loro modelli di attività possano essere migliorati.


Il 21 aprile, la pioggia di meteoriti di Lyrid ha raggiunto il picco nel cielo terrestre. Mentre[{” attribute=””>NASA allsky cameras were looking up, astronaut Don Pettit aboard the International Space Station trained his video camera on Earth below. Video footage has revealed breathtaking images of meteors ablating — or burning up — over Earth at night. This video is a composite of 310 still frames from that evening. Credit: NASA/JSC/Don Pettit

How can you best observe the Lyrids? After 10:30 p.m. local time on the night of April 22, find a dark place away from city lights with open sky free of clouds and look straight up. It will take about 30 minutes for your eyes to get acclimated to the dark. Don’t look at your cell phone – the bright light from its screen will interrupt your night vision. You will begin to see Lyrids, and as the night progresses the meteors will appear more often, reaching 10 to 15 per hour in the pre-dawn hours of the 23rd. You can see Lyrids on the night before and after the peak, but the rates will be lower, maybe five per hour or so.

READ  Risolvere un enigma matematico su quark e gluoni nella materia nucleare