Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nintendo chiuderà gli eShop Wii U e 3DS il 27 marzo 2023

Nintendo chiuderà gli eShop Wii U e 3DS il 27 marzo 2023

Nintendo ha confermato che le vetrine digitali Wii U e 3DS non consentiranno più nuovi acquisti di contenuti a pagamento o gratuiti a partire dal 27 marzo 2023. In precedenza, È stato ampiamente preso di mira nel marzo 2023, dando ai giocatori tutto il tempo per riempire i loro mazzi prima che non abbiano nemmeno la possibilità di farlo, almeno legalmente. Ora c’è una scadenza.

C’è una necessità più urgente, tuttavia, se speri di acquistare una scheda Nintendo eShop (che di solito è disponibile con un piccolo sconto) per aggiungere denaro al tuo account Wii U o 3DS. Come Nintendo ha precedentemente condivisoIl termine per l’aggiunta di fondi tramite questo metodo è il 29 agosto 2022, ovvero poco più di un mese dalla pubblicazione. Questi fondi saranno tuoi da utilizzare come meglio credi fino al 27 marzo 2023. Nintendo afferma che sarai ancora in grado di riscattare i codici di download su entrambe le piattaforme fino alla data di chiusura di marzo 2023.

Anche dopo la chiusura di entrambi i negozi, Nintendo ha condiviso che puoi scaricare nuovamente i giochi acquistati e i contenuti scaricabili, ricevere aggiornamenti software per loro e giocare online. La società afferma che questo non cambierà “per il prossimo futuro”.

vendite dispari Destino dell’emblema del fuoco Per 3DS scadrà il 28 febbraio 2023, un mese prima della chiusura dell’eShop 3DS. Il DLC rimarrà disponibile per l’acquisto fino al 27 marzo 2023.

La fine del supporto di Nintendo per le console di generazione precedente ha portato a un enorme aumento della domanda, più per l’amato 3DS e le sue numerose iterazioni che per Wii U. o molto al di sopra di esso. Inoltre, non è raro trovare negozi completamente esauriti esauriti poiché sempre più giocatori cercano di fare scorta dei loro giochi preferiti prima dell’orario limite.

READ  Gli utenti Apple amano un'azienda più che mai (sorpresa, è Apple)