Giugno 15, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Nico, 1988” La regista Susanna Nicciarelli si prepara a girare la serie TV “Fuochi d’artificio” sui bambini italiani che combattono nazisti e fascisti durante la Resistenza (Esclusivo)

“Nico, 1988” La regista Susanna Nicciarelli si prepara a girare la serie TV “Fuochi d’artificio” sui bambini italiani che combattono nazisti e fascisti durante la Resistenza (Esclusivo)

Rilasciata dalla Mostra del Cinema di Venezia, la regista italiana Susanna Nicciarelli, la cui trilogia “Nico, 1988”, “Miss Marx” e “Chiara” è stata rilasciata per dirigere la serie televisiva “Fuochi d’artificio”, che racconta la lotta dei partigiani italiani contro i nazisti e fascisti dal punto di vista di Una ragazzina di dodici anni di nome Marta.

Le riprese cominceranno l’8 maggio sulle Alpi piemontesi a “Fireworks”, prodotto da Domenico Procacci Fandango e Matrioska Painting Roma.

Altro da Varietà

Fandango, il produttore principale dello spettacolo, è in trattative avanzate con l’emittente statale italiana RAI per unirsi. Fandango parla anche per la serie limitata di sei episodi al Series Mania confab a Lille, in Francia, dove sono alla ricerca di potenziali partner internazionali.

Il cast di “Fuochi d’artificio”, che non è ancora completamente sotto contratto, viene tenuto nascosto.

La serie storica è basata sul libro “Fuochi d’artificio” del prolifico scrittore e insegnante italiano Andrea Bouchard, incentrato su Marta, una ragazza snella con lunghi capelli biondi che la fanno sembrare tedesca che vive nelle Alpi piemontesi. È ambientato negli anni decisivi della seconda guerra mondiale dopo il 1943 durante i quali l’Italia vide la guerra civile con forze straniere sul suo territorio da angolazioni opposte: gli Alleati, guidati dagli Stati Uniti, nel centro e nel sud liberati, e i tedeschi e i fascisti al Nord. I due fratelli maggiori di Marta, Matteo e Davide, sono impegnati nella lotta al fascismo.

Marta e un gruppo di ragazzini formano un audace gruppo di nome Sandokan che inizia a creare guai ai nazisti e ai fascisti della valle. È un’avventura storica e anche una storia di formazione sull’amore e l’amicizia, raccontata dal punto di vista di Marta.

READ  Jamie Foxx rompe il silenzio durante un misterioso ricovero in ospedale

“Sono cresciuto con il cinema negli anni ’80”, ha detto Nicciarelli. diversi. “Pensa: ‘Stai con me’, ‘Idiots’, ‘ET’; con questi gruppi di bambini che corrono in bicicletta e salvano il mondo”.

ha aggiunto Nicciarelli, il cui primo film “Cosmonauta” raccontava le crescenti sofferenze dei giovani comunisti italiani durante la corsa allo spazio tra Unione Sovietica e Stati Uniti.

Il regista ha osservato che l’identità dell’Italia come paese è nata quando il paese è stato liberato dal fascismo per mano di persone che erano leader della resistenza, che hanno redatto la costituzione della Repubblica italiana. “Incredibilmente, a noi in Italia mancano film e serie TV che raccontano davvero la storia della resistenza in un modo accessibile a un pubblico più ampio”, ha detto. “Ho pensato che il libro fosse un’opportunità per raccontare questa storia in un modo ampiamente accessibile. E poiché è attraverso gli occhi dei bambini, è anche molto potente”.

Nicciarelli ha sottolineato che un aspetto chiave di “Fireworks” è che è per tutti i pubblici.

“È una serie che tutti possono guardare e in cui ogni fascia d’età può vedere cose diverse”, ha detto. “Ho una famiglia e so quanto può essere difficile trovare qualcosa che funzioni per ogni membro della famiglia”.

Ha notato che “Fireworks” è “un pezzo sulla Resistenza e sulla Seconda Guerra Mondiale che l’intera famiglia può guardare per capire e conoscere il nostro passato”.

La migliore formazione

Iscriviti a La newsletter è varia. Per le ultime notizie, seguici su FacebookE CinguettioE Instagram.

Clicca qui per leggere l’articolo completo.