Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nessuno dei principali indici azionari del Gruppo dei Sette si allinea agli obiettivi climatici di Parigi

Una nuova ricerca della Science Based Targets Initiative (SBTi), un organismo che consente alle aziende di fissare obiettivi ambiziosi di riduzione delle emissioni, ha rivelato giovedì che nessuno dei principali indici azionari del Gruppo dei Sette attualmente si allinea con un percorso di 1,5°C o 2°, e chiama per le più grandi società quotate del G7 Intensificare con urgenza l’azione per il clima.

In vista del vertice del G7, l’analisi mostra che gli indicatori anticipatori per i paesi del G7 sono su un percorso di temperature medie di 2,95 ° C, secondo le attuali ambizioni climatiche delle società che lo compongono.

Gli indici azionari, composti dalle azioni delle più importanti società quotate nella più grande borsa valori del Paese, sono criteri fondamentali per comprendere l’andamento del mercato.

Il rapporto, preparato dal CDP e dall’UN Global Compact per conto di SBTi, ha rilevato che quattro dei sette indici si trovano su percorsi di temperatura pericolosi di 3 gradi o superiori.

In particolare, i combustibili fossili contribuiscono in modo determinante alle emissioni per tutti e sette gli indicatori, costituendo il 70 percento della temperatura nominale SPTSX 60 del Canada di 3,1 gradi e circa il 50 percento della valutazione della temperatura del FTSE MIB italiano di 2,7 gradi.

“Le società del G7 hanno il potenziale per creare un ‘effetto domino’ di cambiamento positivo in tutta l’economia globale più ampia. Questo rapporto evidenzia l’urgente necessità per i mercati e gli investitori di raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi”, ha affermato Leila Karbasi, responsabile dei programmi , UN Global Compact e presidente del consiglio di amministrazione di SBTi.

READ  Un affare italiano da 30 milioni di sterline per Victoria

“Mentre il G7 si riunisce questa settimana, i governi devono andare oltre per catalizzare l’ambiziosa definizione di obiettivi basati sulla scienza”.

Il rapporto chiede di allineare gli investimenti a 1,5°C.

I ministri del G7 responsabili per il clima e l’ambiente hanno recentemente esortato le aziende e gli investitori ad allineare i loro portafogli con gli obiettivi dell’accordo di Parigi e a fissare obiettivi di azzeramento netto basati sulla scienza entro il 2050.

Gli investimenti passivi rappresentano attualmente circa il 40% dei fondi statunitensi e il 20% dei fondi europei, ma gli investitori passivi avvertono che solo il 19% delle società incluse in questi sette indici principali ha obiettivi climatici compatibili con l’accordo di Parigi.

Il governo del Regno Unito prevede di ridurre le emissioni del 78% entro il 2035, in linea con un percorso di 1,5 gradi.

In modo incoraggiante, SBTi ha scoperto che 35 delle società FTSE 100 hanno già aderito alla conformità del punteggio 1,5. Tuttavia, nonostante i significativi progressi nell’adozione di obiettivi climatici basati sulla scienza tra le società dell’indice FTSE, alcuni dei maggiori emettitori non hanno ancora obiettivi climatici ambiziosi, con un indice di temperatura complessivo di 3,1 gradi.

Nonostante i risultati, lo slancio per l’azione per il clima nei paesi del G7 sta crescendo. Di tutti gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra comunicati al CDP nel 2020, il 64% degli obiettivi è stato fissato da società con sede nei paesi del G7.

Nel complesso, il 2020 è stato un anno notevole per gli impegni sul clima, con il tasso annuo di adozione degli obiettivi scientifici raddoppiato nel 2020 rispetto al 2015-2019.

READ  L'Inter pone fine al regno della Juventus tornando all'apice del calcio italiano

“Ignorare la scienza del clima è come continuare a fumare pur conoscendo i rischi”, ha affermato Alberto Carrillo Pineda, Direttore degli Obiettivi Scientifici presso CDP e membro del Comitato direttivo SBTi. “Il clima e il collasso ambientale sono le più grandi sfide sanitarie, economiche e sociali del nostro tempo – che richiedono un’azione immediata da parte delle più grandi aziende del mondo.

“I risultati di oggi evidenziano progressi vitali, ma mostrano che è necessario fare di più per motivare le aziende a fissare obiettivi climatici basati sulla scienza e accelerare il percorso verso lo zero netto”.

Il rapporto ha rilevato la necessità di un’azione urgente sul clima.

Identifica inoltre quattro azioni urgenti per il clima per istituzioni finanziarie, imprese, attori, investitori e governi.

In primo luogo, le imprese e i governi devono collaborare per sfruttare il “ciclo dell’ambizione”, un ciclo di feedback positivo in cui le azioni del settore privato e le politiche del governo si rafforzano a vicenda, come il recente ordine esecutivo sui rischi finanziari legati al clima emesso dal governo degli Stati Uniti. che prevedeva l’obbligo per i principali fornitori federali di fissare obiettivi basati sulla scienza.

In secondo luogo, le aziende devono decarbonizzare le catene di approvvigionamento impegnandosi con i fornitori. In terzo luogo, gli investitori dovrebbero includere obiettivi basati sulla scienza nelle obbligazioni legate alla sostenibilità e nei benchmark finanziari climatici.

Infine, le istituzioni finanziarie dovrebbero mirare a creare un effetto domino in tutti i settori dell’economia fissando obiettivi scientifici a livello di portafoglio e impegnandosi con le attività sottostanti.

Un esempio è la campagna CDP Science-Based Targets, che coordina le istituzioni finanziarie globali per coinvolgere le aziende più influenti del mondo a fissare obiettivi scientifici di 1,5°.

READ  ABUS acquisisce il produttore italiano di caschi

Nel bel mezzo di un numero crescente di impegni zero netto che non sono sempre supportati da azioni a breve termine, gli obiettivi basati sulla scienza soddisfano la necessità di piani 2030 a breve termine, con obiettivi intermedi verso un futuro zero zero.

Le aziende sono incoraggiate ad unirsi alle 570 aziende già iscritte alla campagna Business Ambition di SBTi per un punteggio di 1,5 per dare il loro contributo fondamentale alla mitigazione dei peggiori effetti del cambiamento climatico in vista della COP26 a Glasgow.

L’iniziativa Science Based Targets mobilita le aziende per fissare obiettivi basati sulla scienza e migliorare il loro vantaggio competitivo nella transizione verso un’economia a emissioni zero.

È una collaborazione tra il CDP, il Global Compact delle Nazioni Unite, il World Resources Institute (WRI) e il World Wide Fund for Nature (WWF) e uno degli impegni della We Mean Business Alliance.

– Jans

vg / pgh

(Il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati solo dal team di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed condiviso.)