Ottobre 17, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

NC ha riportato di nuovo oltre 10.000 casi di coronavirus da marzo 2020 :: WRAL.com

Il Dipartimento della salute e dei servizi umani della Carolina del Nord inizierà a riportare informazioni sulla reinfezione del coronavirus a partire da ottobre, secondo le nuove linee guida dei Centers for Disease Control and Prevention.

Poiché la variante delta più contagiosa è diventata più importante, il numero di raffinerie è aumentato, secondo i funzionari sanitari statali.

Dall’inizio dell’epidemia, 10.812 persone sono state nuovamente contagiate dal coronavirus e 94 sono morte. Solo 200 persone precedentemente vaccinate sono risultate positive al virus una seconda volta.

I dati statali mostrano che la maggior parte delle persone che hanno riferito di aver contratto il coronavirus ha tra i 25 e i 49 anni. La maggior parte delle infezioni riguardava le donne bianche, anche se lo stato ha sottolineato che i dati sulla reinfezione non erano stati adeguatamente riportati, specialmente negli ispanici.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) classificano una reinfezione come una persona che è risultata positiva al coronavirus 90 giorni dopo essere risultata positiva.

Questi dati sono in linea con ciò che gli esperti di salute hanno promosso sin dallo sviluppo dei vaccini: aver contratto il virus in precedenza non rende una persona immune al rischio di ammalarsi di nuovo.

Questi numeri mostrano che le persone vaccinate sono di nuovo più protette dall’infezione rispetto alle persone che si affidano agli anticorpi naturali di un precedente caso di COVID-19, ha affermato un esperto di malattie infettive presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, il dottor David Wall.

READ  I ricercatori vedono per la prima volta un'eco di luce attorno a un buco nero, dimostrando che Einstein aveva ragione

“Ci aiuterà a capire sempre più i rischi per le persone che dipendono dall’infezione naturale, e penso che questi dati ci mostreranno che ci sono certamente alcune persone, specialmente con queste nuove varianti e durante le mutazioni, che pensano di essere protette, che potrebbero non hanno la protezione di cui possono godere”.

Il dottor Anthony Fauci, il principale esperto di malattie infettive del paese, ha affrontato l’idea dell’immunità “naturale” dall’infezione alla riunione della task force della Casa Bianca su COVID-19 il 28 settembre.

Fauci ha affermato che l’immunità di gregge non sarebbe ottenuta attraverso “un’infezione naturale” o l’immunità che il corpo sviluppa dopo l’infezione con il virus. La soluzione all’epidemia, ha detto, è ottenere il colpo.

“L’immunità di gregge è davvero una questione complessa con la protezione tramite vaccinazione e coloro che hanno continuato a essere protetti dopo l’infezione”, ha affermato Fauci. “Non sappiamo quale sia quel numero ora.”