Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Natuzzi (NTZ) Stock: Passa ora

Natuzzi (NTZ) Stock: Passa ora

CreativaStudio/E+ tramite Getty Images

Per la prima volta abbiamo deciso di coprire un’importante azienda italiana di mobili chiamata Natuzzi SpA (Borsa di New York: NTZ), l’unica società non statunitense inMobili per la casa‘Il settore quotato a Wall Street dal 1993. Il Gruppo Natuzzi nasce nel 1959 sotto Creazione e direzione di Pasquale Natuzzi, che ha trasformato una piccola impresa in un gruppo industriale operante su scala globale.

I primi successi sono dovuti alla capacità dell’azienda di innovare i divani e alla sua attitudine all’export. Già nel 1977 Natuzzi partecipa al Salone Internazionale del Mobile di Colonia, dove ha la possibilità di esporre un solo divano. Il primo contatto è stato stabilito e poi l’azienda ha stabilito un’intera catena di distribuzione in tutta Europa, seguita poi dall’inizio delle vendite in Canada e negli Stati Uniti. L’integrazione verticale inizia nel 1986 per abbattere i costi, e l’intero ciclo produttivo grazie al controllo diretto che permette di raggiungere livelli più elevati di produttività ed efficienza. Con la produzione diretta di semilavorati e la costituzione di nuove unità produttive si è costituito un gruppo industriale integrato. Il 1995 è stato il primo anno di collaborazione con IKEA e Natuzzi è diventato un importante fornitore della catena di distribuzione svedese, che si stava rapidamente espandendo in tutto il mondo con la preferenza di approvvigionamento per i produttori globali con carattere internazionale.

Per il settore dell’imbottito, fortemente orientato all’export, nel 2002 si è registrata una leggera contrazione delle esportazioni. L’apertura ai mercati esteri è stata il principale fattore di successo dell’azienda, ma si è rivelata un limite. Negli ultimi anni, il difficile panorama economico italiano e le nuove strategie hanno influenzato le strutture di governo societario. Questi fattori, oltre alla crescente internazionalizzazione manageriale, resasi necessaria per stabilimenti produttivi esteri e società commerciali controllate, hanno ulteriormente complicato la struttura di Natuzzi. A proposito di numeri, Natuzzi Group è oggi la più grande azienda italiana nel settore del mobile ed è il marchio più riconoscibile tra i prodotti di arredamento. Il gruppo controlla il 92% delle materie prime e dei semilavorati dall’acquisto al processo di trasformazione delle strutture portanti in pelle, legno o metallo. La produzione è integrata orizzontalmente nei piani di produzione esistenti in Italia, Cina, Russia e Romania e beneficia dell’esperienza di artigiani professionisti e del know-how. I materiali e la produzione vengono lavorati esclusivamente in stabilimenti italiani. Tutti i modelli, infatti, sono nati presso il Centro Stile Natuzzi situato a Santeramo in Colle, dove Pasquale Natuzzi coordina personalmente un team di 120 designer tra designer, architetti, esperti del colore, artigiani, ingegneri e arredatori d’interni. Dei 6.000 diagrammi prodotti ogni anno, solo 120 raggiungono la verifica finale.

READ  Gli Stati Uniti depositano accuse in Michigan per manomissione di motori diesel
Consapevolezza del marchio di mobili

Consapevolezza del marchio di mobili

fonte: Visualizza Natuzzi Investor

Il gruppo ha chiuso l’anno fiscale 2021 a 427 milioni di euro, con vendite top-line in aumento di oltre il 30% e un EBITDA positivo che ha raggiunto i 10 milioni di euro dopo alcuni anni di permanenza in territorio negativo.

Il nuovo piano industriale di Natuzzi

Nel nuovo piano industriale 2022-2026 il Gruppo Natuzzi ha posto le basi per il rilancio dell’azienda, condividendola con i sindacati italiani e il Ministero dello Sviluppo Economico. C’è un piano con due opzioni. La prima ha 512 eccedenze, produzione su tre turni e solo tre stabilimenti. Un’altra opzione, che sta prendendo piede, riguarda la riapertura dello stabilimento di Ginoza, con produzione in 5 stabilimenti e tutta una serie di misure per ridurre gli esuberi. Anche i sindacati concordano sul fatto che con l’ultimo piano d’azione l’azienda non utilizzerà i bisogni di sicurezza sociale previsti dal governo italiano.

Natuzzi sostegno pubblico (+ una volta)

Natuzzi sostegno pubblico (+ una volta)

fonte: Risultati Natuzzi Q2

forza attuale:

  1. Natuzzi ha una distribuzione di oltre 1.200 punti vendita nel mondo;
  2. Una moneta euro debole potrebbe giovare alle vendite elevate di Natuzzi, cifre alla mano, l’azienda esporta in più di 123 mercati con una quota di mercato leader nell’Unione Europea e nella regione degli Stati Uniti;
  3. Ora ha 120 negozi nella sola Cina con una solida JV (Fig. 1);
  4. La strategia del negozio monomarca sta già funzionando;
  5. Per quanto riguarda il punto 4) l’impresa è pienamente e verticalmente integrata;
  6. A livello aggregato, c’è il 7% di merci nel mercato del mobile fino al 2025.

Punti deboli attuali:

  1. pressione di inflazione delle materie prime;
  2. vincoli logistici e maggiori costi;
  3. Considera il debito in un contesto di tassi di interesse elevati;
  4. Per quanto riguarda il punto 3), il margine di Natuzzi è già a una cifra singola bassa e la leva operativa è limitata, quindi la società deve affrontare i punti 1) e 2) ed è probabile che riscontri risultati negativi. Questo è già successo nel secondo trimestre.
READ  Aggiornamento aziendale Redox - Junior Mining Network
Natuzzi Cina JV

Natuzzi Cina JV

Fonte: Presentazione Investitori Natuzzi (Figura 1)

Materie prime pressate Natuzzi

Materie prime pressate Natuzzi

Fonte: Presentazione Investitori Natuzzi (Fig. 2)

Conclusione e valutazione

I rischi al ribasso sono altrettanto importanti e, anche se Natuzzi viene scambiato a una valutazione molto bassa, non siamo fiduciosi. Su un orizzonte temporale di dodici mesi, Natuzzi sperimenterà una pressione sui margini e molto probabilmente risultati negativi. A questo punto, è un’opportunità proibita.

Natuzzi statistiche sul rating

Natuzzi statistiche sul rating

fonte: Statistiche di TIKR