Maggio 22, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Natale: ‘Un raggio di luce’ in Dark Omicron Times: il mondo risuona a Natale tra restrizioni e cancellazioni

Natale: 'Un raggio di luce' in Dark Omicron Times: il mondo risuona a Natale tra restrizioni e cancellazioni
NUOVA DELHI: Il mondo sta festeggiando un altro compleanno pieno di pandemia, questa volta ancora di più in mezzo a un’ondata di casi micron altamente contagiosi del virus COVID-19, con restrizioni imposte a raduni di massa e cancellazioni di voli.
Nella Basilica di San Pietro in Vaticano, papa Francesco ha celebrato la messa senza maschera la vigilia di Natale di fronte a circa 2.000 persone venerdì, molto più di 200 l’anno scorso quando l’Italia era completamente isolata, anche se quest’anno ci sono stati meno casi settimanali.
Francesco ha affrontato la navata centrale dove il coro della Cappella Sistina ha cantato “Noel”, all’inizio delle festività natalizie vaticane per commemorare la nascita di Essa In una mangiatoia a Betlemme.
Nella sua omelia, Francesco ha esortato i credenti a concentrarsi sulla ‘piccolezza’ di Gesù, e ha ricordato che è venuto al mondo povero, senza nemmeno un letto adeguato.
“Qui è dove sta Dio, disse Francis, in giovane età. “Questo è il messaggio: Dio non si eleva alla grandezza, ma si abbassa alla piccolezza. Piccolo è il percorso che ha scelto per avvicinarsi a noi, toccare i nostri cuori, salvarci e riportarci a ciò che conta davvero.
Quest’anno, a causa della recrudescenza dei casi di Covid-19, che ha portato alla messa in servizio di un nuovo vaccino per il personale vaticano, la partecipazione di venerdì è stata limitata a circa 2.000 persone, ben al di sotto dei 20.000 posti a sedere di San Pietro.
Il papa 85enne ha iniziato la sua “messa di mezzanotte” alle 19:30, una pausa dallo scorso anno, quando la messa avrebbe dovuto terminare prima del coprifuoco in tutta Italia a causa del Covid-19.
Tuttavia, quest’anno non è stato imposto alcun coprifuoco, ma i casi questa settimana hanno superato i livelli del 2020. Per il secondo giorno consecutivo, venerdì l’Italia ha stabilito un nuovo record di epidemia con 50.599 nuovi casi. Morirono altre 141 persone, portando il bilancio ufficiale delle vittime in Italia a 136.386.
Si ritiene che Francesco abbia ricevuto il terzo colpo, così come il papa emerito Benedetto XVI.
I proprietari di hotel a Betlemme sono delusi
A Betlemme, la città palestinese nella Cisgiordania occupata dagli israeliani che i cristiani credono sia il luogo di nascita di Gesù, gli albergatori sono rimasti delusi.
Dopo una chiusura quasi completa lo scorso anno, Israele ha chiuso ancora una volta i suoi confini.
I festeggiamenti di venerdì si sono placati quando solo poche centinaia si sono radunate nella piazza della mangiatoia della città per guardare gli scout palestinesi e le cornamuse passare.
Anche quest’anno, come in passato, la messa di mezzanotte della vigilia di Natale sarà dedicata a una ristretta cerchia di persone solo su invito.
Per alcuni era “surreale”. “C’è la parte egoistica in cui è come ‘Oh, ho visto che questo posto è così vuoto’ ma d’altra parte senti che i negozi, tutti i soldi che perdono, è davvero molto tragico”, ha detto lo studente americano Hudson Harder ad AFP.
La first lady degli Stati Uniti porta un ospite inaspettato in un ospedale pediatrico
Dall’altra parte dell’Atlantico, la first lady degli Stati Uniti Jill Biden ha portato un ospite inaspettato in un ospedale pediatrico a Washington: suo marito, Joe, il primo presidente in carica ad accompagnare sua moglie a leggere i libri tradizionali di Natale.
La coppia ha parlato con pazienti e medici, mostrando a uno dei bambini una foto di Commander, il loro nuovo cucciolo, prima di sedersi sulle sedie vicino all’albero di Natale e leggere un libro ispirato al film Disney “Frozen”.
I Biden avevano in programma di trascorrere il Natale alla Casa Bianca, una pratica non comune per i nuovi presidenti americani.
La famiglia normalmente salutava il nuovo anno nelle soleggiate Isole Vergini americane, ma andava invece a casa loro nel freddo Delaware, poche ore a nord-est di Washington.
Babbo Natale non si è scoraggiato dal fare i suoi giri
Babbo Natale non si è trattenuto dal fare il suo giro, anche con più di 2.000 viaggi della vigilia di Natale cancellati in tutto il mondo.
Il ministro dei trasporti di Ottawa ha affermato che il candidato barbuto per l’allegria delle vacanze è stato autorizzato a viaggiare nello spazio aereo canadese dopo aver mostrato prove di vaccinazione e risultato negativo per Covid prima del volo.
L’equipaggio di volo di Babbo Natale – inclusa la renna Rudolph, il cui “naso era rosso scintillante e luccicante (ma) si è assicurato di non avere sintomi di Covid-19 prima del decollo” – ha avuto ogni minima chiarezza.
Le autorità australiane hanno affermato che stanno lavorando 24 ore su 24 per garantire che “l’attuale processo di rilascio” funzioni senza intoppi.
“I nostri controllori del traffico aereo guideranno in sicurezza Babbo Natale attraverso lo spazio aereo australiano”, ha affermato l’Air Services Flight Safety Authority.
“Gli è stato permesso di volare a 500 piedi in modo da poter sgattaiolare sui tetti e consegnare i suoi doni in modo rapido e silenzioso”.
Su un sito web specializzato, il comando congiunto canadese-americano, NORAD, ha fornito l’opportunità al pubblico di seguire la slitta di Babbo Natale mentre volava intorno al mondo.
Festeggiamenti tra restrizioni in Europa
In Europa, i governi stanno reimponendo misure di sicurezza che stanno togliendo il divertimento al Natale per molti.
I Paesi Bassi sono tornati in isolamento, mentre Spagna e Italia hanno reso obbligatorio indossare mascherine all’aperto.
Con la Gran Bretagna che ha registrato di nuovo un record di infezioni da Covid-19 venerdì per il terzo giorno consecutivo, il primo ministro britannico Boris Johnson ha suggerito di ottenere un vaccino di richiamo come regalo di Natale per i parenti.
La Francia ha registrato un numero record di casi positivi per il secondo giorno consecutivo e le sue autorità sanitarie hanno esortato le persone a ricevere dosi di richiamo solo tre mesi dopo i pugni iniziali, in calo rispetto agli attuali cinque.
D’altra parte, la maggior parte degli australiani può viaggiare tra gli stati durante le festività per la prima volta in due anni, con l’arcivescovo cattolico di Sydney Anthony Fisher che afferma che il Natale è un “raggio di luce” in tempi bui.