Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Muore a 84 anni Carla Fracci, espressiva attrice del balletto italiano

Muore a 84 anni Carla Fracci, espressiva attrice del balletto italiano

Giovedì è morta Carla Fracci, maestra del Grande Balletto Italiano e una delle più grandi ballerine del Novecento, ammirata per la naturalezza e la immediatezza emotiva della sua esibizione. Nella sua casa di Milano. Aveva 84 anni.

Suo marito, Baby Menegatti, ha detto che la causa era il cancro.

Durante i suoi cinque decenni di carriera, i critici e il pubblico sono rimasti sbalorditi dalla capacità della signora Fratchi di trascendere la tecnologia e integrarsi così perfettamente con la sua personalità che sembrava essere diventata la loro. In Italia è stata soprannominata la “pozione da ballo”, come scrisse Clive Barnes del New York Times nel 1977, riferendosi alla grande attrice italiana, Eleonora Doss, del ventesimo secolo.

Ha continuato, “La delicata allitterazione, c’è davvero un sottofondo teatrale così forte nella sua performance, che la sua morbidezza e bellezza essenziale a volte possono essere lacerate da un’esibizione quasi inaspettata di emozione vulcanica”.

Mikhail Baryshnikov, che ha ballato con lei negli anni ’70, ha detto in un’intervista telefonica che la signora Vracci avrebbe abilmente cambiato la sua interpretazione del ruolo dalla performance alla performance. Disse: “Non ha mai fatto la stessa cosa, e per questo motivo era davvero viva, molto grassoccia sul palco”.

Ha debuttato a livello professionale al Teatro Ala Scala nel 1955 e in poco tempo è diventato un nome familiare in Italia, portando glamour al balletto italiano dopo essere stato debole per decenni. È diventata la prima ballerina italiana dall’inizio del XX secolo ad avere un’importante carriera internazionale, esibendosi frequentemente con l’American Ballet Theatre, il Royal Ballet e lo Stuttgart Ballet, tra le altre compagnie.

All’inizio degli anni ’70, la signora Vracci ha formato la Compagnia Italiana di Balletto con il marito. Apparendo in piccole città, nei teatri d’opera e nelle piazze all’aperto, ha portato la consapevolezza del balletto negli angoli più remoti d’Italia e ha ispirato nuove generazioni di ballerini, tra cui Alessandra Ferre e Roberto Ball, entrambi diventati star mondiali.

READ  Il Ristorante Italiano Roberto ripropone il suo brunch al DIFC - Hotel News ME

Inoltre è apparsa spesso in speciali televisivi italiani, e nel 1982 ha avuto un ruolo drammatico nella popolare serie breve, “Verdi”, sul compositore Giuseppe Verdi, sul canale di stato italiano Rai. Ha interpretato la seconda moglie del compositore, la cantante Giuseppina Strepone.

Nella vita di tutti i giorni, la signora Vracci sembrava una persona elegante, spesso si presentava in pubblico vestita dappertutto con morbidi tessuti bianchi, ei suoi capelli scuri sono divisi al centro. “Era come un personaggio della fine del secolo scorso”, ha detto il signor Baryshnikov.

Era più attaccata al ruolo di “Giselle”, una giovane donna che è diventata pazza e morta dopo aver scoperto il tradimento del suo amante. In The Times, Anna Kesselgoff ha scritto della performance di Giselle del 1991 della signora Vracci (aveva 55 anni all’epoca) in cui “il suo piede toccava a malapena il suolo”.

“Era un’immagine che altri non avevano mai eguagliato”, ha aggiunto la signora Kesselgoff, “l’atmosfera che sembrava uscire da una litografia”.

La signora Vracci ha interpretato il ruolo per più di 30 anni, nei suoi 50 anni, e ha caratterizzato una lunga lista di ballerini famosi, tra cui Eric Bron, Rudolf Nuriev, Vladimir Vasiliev, Ivan Nagy, Paul Chalmer, Mr Baryshnikov e persino Julio Boca, 31 anni anni più giovane di lei.

Più di recente, a gennaio, la Scala l’ha invitata a tenere una lezione importante a Giselle. (Il capitolo è stato filmato Disponibile su YouTubeBallerini che hanno partecipato, Nicoletta Mane E il Martina ArduinoEntrambi sono cresciuti guardando una versione cinematografica del 1969 molto amata di “Giselle”, con la signora Fracci e il signor Brown, basata su una produzione di balletto americano.

questo film Mostra tutte le qualità che la signora Frachy ricorda: la leggerezza dei suoi piedi, la tecnica chiara, la sincerità e la natura che fa sembrare la danza come se respirasse. Inoltre, la splendida bellezza del suo viso è totalmente convincente, che usa con il massimo effetto.

READ  "Immersive Van Gogh", l'originale e coinvolgente celebrazione nordamericana dell'arte di Vincent Van Gogh, sarà presentato in anteprima il 10 giugno al Pier 36 di New York

“Ho studiato questo video dall’inizio alla fine, più e più volte”, ha detto la signora Arduino al telefono da Milano. “Dove guardavano i suoi occhi, come si muovevano le sue braccia. E quando è venuta per tenere la master class, mi ha detto:” Devi dire con i tuoi occhi esattamente quello che stai pensando. “

Il signor Baryshnikov ha ricordato la stessa qualità. Disse: “Aveva quegli occhi enormi e scuri”. Ha ballato con loro. E poi c’era una bellezza innaturale del suo viso. Ballare con lei è stata un’esperienza meravigliosa “.

Nata a Milano il 20 agosto 1936, Carla Fracci è figlia di Luigi Fracci, tramista, e Santina Rocca, operaia della Fabbrica di Macchine Innocenti. Carla amava ballare in casa e quando aveva 9 anni, gli amici di famiglia le suggerirono che poteva essere un balletto adatto.

Sebbene giovane e un po ‘debole, fu accettata nella scuola di ballo associata alla Scala, dove una delle sue insegnanti era Vera Volkova, una studentessa di Agrippina Vaganova, Fondatore della moderna tecnica del balletto russo.

La giovane Lady Vracci non ha iniziato subito a ballare. Disse al Times nel 1981: “La scuola era piena di stanchezza e di un lavoro terribile. Poi un giorno si ritrovò sul palco nel ruolo di una bambina.

“Sono stata immaginata come una ragazza con un mandolino in La bella addormentata”, ha detto. “Una volta sul palco accanto a Margot Fonteyn, ho improvvisamente cambiato idea. Ballare davanti alla folla era qualcosa di completamente diverso dal ballare a scuola.”

Dopo essersi diplomata all’Accademia, è entrata a far parte della compagnia di balletto della Scala.

La signora Vracci ha avuto la sua prima grande occasione nel 1956, quando è stata chiamata a sostituire la ballerina francese Violet Verdi nella produzione della serata “Cenerentola”. Due anni dopo è diventata una maestra ballerina. Nello stesso anno, 1958, il coreografo John Cranco creò per lei il ruolo del protagonista nella sua nuova produzione di “Romeo e Giulietta”. Ha continuato a interpretare il ruolo molte volte durante la sua carriera.

READ  Ignazio Cipriani è felice di venire all'Hotel Beatrice di Providence

Presto iniziò a ballare anche all’estero, debuttando con il London Festival Ballet, in “Giselle” nel 1959. Nel 1962, debuttò in uno dei suoi ruoli più famosi, il selfie in “La Sylphide”, al fianco di Mr.. . Bron. I due furono partner regolari durante gli anni della signora Verachi come membro dell’American Ballet Theatre, dal 1972 al 1976.

Tuttavia, non tutti i suoi ruoli sono stati tragici: è stata anche celebrata per il suo senso di grande danno nel balletto comico “Coppelia”.

Al Ballet Theatre, il portfolio della signora Farshi si è ampliato includendo balletti drammatici come “The Moor’s Pavane” di Jose Lemon, “Lilac Garden” di Antony Tud e “Medea” di John Butler. Nel 1991, ha ballato come Lizzie Borden in Agnes de Mille “Fall River Legend”. La signora Kesselgoff ha descritto la performance come “una follia feroce”.

Mentre la sua carriera di ballerino volgeva al termine negli anni ’90, la signora Verachi ha assunto la carica di direttore di diverse compagnie di balletto, tra cui quelle del Teatro de San Carlo di Napoli (1990-1991), dell’Arena di Verona (1995-97) e l’Opera di Roma (2000-10). Si è occupata anche di politica, lavorando come consulente culturale nella provincia di Firenze dal 2009 al 2014.

Oltre al signor Menegatti, marito e regista di teatro di 56 anni già aiutante di Luchino Visconti, la signora Fracci è stata risparmiata dal figlio, l’architetto Francesco Menegatti; Anche sua sorella, Marisa Vracci, è una ballerina; E due nipoti.

“Per noi italiani rappresentava l’importanza della danza”, ha detto la ballerina, la signora Arduino. “Non solo i gradini, ma la purezza dell’arte. Una cosa preziosa.”