Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Momenti salienti della cerimonia di apertura: una sorpresa che inizia il grande momento cinese

Credito…James Hill per il New York Times

Il presidente Vladimir V. Putin era lì, alzandosi dal suo posto e salutando la squadra russa mentre entrava nel Nido d’Uccello. Così erano i leader delle cinque nazioni dell’Asia centrale che un tempo facevano parte dell’Unione Sovietica. Sono arrivati ​​i leader di Egitto, Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi Uniti, anche se poco conosciuti per gli sport invernali. Il leader del Pakistan, il primo ministro Imran Kahn, ha annunciato la sua presenza su Twitter con un drammatico, fotografia mascherata di se stesso e le parole “Visita in Cina”.

Il presidente Biden e altri leader occidentali hanno dichiarato che avrebbero boicottato i Giochi di Pechino per protestare contro le violazioni dei diritti umani nel paese, ma la Cina è riuscita a convocare una folla sufficiente alla cerimonia di apertura di venerdì per affermare che il “boicottaggio diplomatico” era stato un fallimento .

Hanno partecipato i leader di 22 nazioni, così come i leader di diverse organizzazioni internazionali, tra cui le Nazioni Unite e l’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo un elenco pubblicato dal ministero degli Esteri cinese.

Questo era più, hanno osservato i funzionari cinesi, rispetto ai 15 che hanno partecipato all’apertura delle Olimpiadi estive a Tokyo lo scorso anno, ma molto meno degli 80 che si sono recati a Pechino per i Giochi del 2008.

“Gli Stati Uniti stanno facendo tutto il possibile per bloccare le Olimpiadi invernali, ma vogliono solo venire a Pechino per sostenerle!” Un commento pubblicato dalla televisione di stato, CCTV, ha dichiarato trionfante.

READ  Giraldini è entusiasta di unirsi ai leader italiani a Roma

Le liste in competizione dei leader mondiali che hanno partecipato e di quelli che non hanno rispecchiato alcune delle divisioni geopolitiche che hanno preso forma in mezzo a un confronto sempre più profondo tra Stati Uniti e Cina.

Funzionari della Casa Bianca hanno affermato che Biden non stava organizzando un boicottaggio più ampio, molti altri paesi occidentali hanno affermato che anche loro non avrebbero inviato delegazioni ufficiali. Il gruppo comprendeva Gran Bretagna, Canada, Australia e Giappone. Anche altri paesi hanno rifiutato di inviare funzionari, sebbene abbiano citato le restrizioni sanitarie della pandemia.

Quelli all’interno dello stadio Bird Nest di Pechino venerdì sera includevano non solo i più stretti alleati della Cina, tra cui Russia e Pakistan, ma altri che si sono trovati recentemente a dipendere da legami economici o geopolitici con la Cina.

Scott Kennedy, analista del Center for Strategic and International Studies, ha osservato che tutti coloro che hanno rifiutato di partecipare erano democrazie. Coloro che sono arrivati ​​per i festeggiamenti di venerdì hanno ottenuto un punteggio molto più basso nella classifica delle libertà politiche del gruppo di difesa Freedom House. “Quando la telecamera fa una panoramica della cerimonia di apertura mostrando chi sta – e chi no – condividendo il palco con Xi Jinping, il messaggio sarà chiaro a tutti”, ha scritto in un commento sul filo.