Giugno 12, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Modernizzare le finanze del Vaticano è “un compito enorme”, dice un membro del Consiglio economico – Eurasia Magazine

Scritto da Courtney Maris

Il Concilio Vaticano dell’Economia deve affrontare un “compito enorme” nel suo sforzo di portare rapidamente la responsabilità e la trasparenza finanziaria della Santa Sede agli standard internazionali, secondo uno dei suoi membri regolari.

“Poniamo grande enfasi sulla messa in atto di quegli standard di base e assicurandoci che le informazioni davanti al Papa quando prende le decisioni siano accurate, complete ed eque”, ha detto a EWTN News Ruth Kelly, membro dell’Economics Council.

Kelly, che era Ministro dell’Istruzione sotto il Primo Ministro britannico Tony Blair e in seguito ha lavorato in HSBC Global Asset Management, è una delle sette persone regolari del Concilio Vaticano che sovrintendono alle strutture e alle attività amministrative e finanziarie della Curia romana, le istituzioni della Santa Sede e Stato della Città del Vaticano.

I membri regolari lavorano con otto cardinali per predisporre il budget per le entità della Santa Sede e aumentare il livello di trasparenza finanziaria – qualcosa che secondo Kelly potrebbe porre sfide uniche.

“Ad esempio, è molto difficile affrontare l’eredità storica se prendi un esempio, diciamo … un luogo di residenza attraverso la tradizione in una certa parte del Vaticano, o Roma, o da qualche parte nel mondo. Potrebbe essere il Caso che nessuno l’ha mai apprezzato prima, “Oppure pensa davvero a chi lo possiede legalmente, perché per usi e costumi era chiaro a quale uso dovesse essere utilizzato”.

“La Santa Sede non può ancora fornire una spiegazione di tutte le proprietà di investimento che possiede in particolare intorno a Roma e in Italia. C’è un enorme compito che deve essere fatto per garantire che identifichi correttamente la proprietà di ciascuno di essi – sia che siano diocesani”. , sia che siano di proprietà del Vaticano, sia che siano di proprietà di una diocesi o di qualcun altro – quindi valutalo per assicurarti che sia adeguatamente contabilizzato nei bilanci “.

READ  In GM, i colletti blu e bianchi lasciano il posto al controllo remoto e in loco, Auto News, ET Auto

“Quindi questa è un’area reale in cui la Santa Sede ha bisogno di essere modernizzata rapidamente”.

Secondo Kelly, anche il Consiglio dell’Economia sta attualmente implementando una politica di investimenti del Vaticano e un “massiccio programma di formazione” sugli standard finanziari per coloro che lavorano nei suoi dipartimenti e dipartimenti.

“In realtà sono molto incoraggiata dai passi che ho visto, anche se c’è molto da fare e deve ancora essere fatto”, ha detto.

Papa Francesco ha creato il Consiglio economico nel 2014 come parte del suo programma di riforma fiscale. Era Kelly Occhio Al consiglio per sei anni lo scorso agosto con altre cinque donne con background in banca, finanza, gestione patrimoniale e diritto internazionale.

“C’è un vero riconoscimento che è molto importante ora nel cuore della chiesa che ci siano esperti regolari coinvolti nella supervisione dei conti e delle politiche del Vaticano ecc. Questo è importante, non solo in sé e per sé, ma anche per il credibilità del processo “, ha detto Kelly.

“L’ambizione è quella di attuare pienamente i principi contabili internazionali in tutta la Santa Sede”, ha detto. “Questa non è una posizione che abbiamo ancora raggiunto, ma è una posizione a cui aspiriamo”.

Kelly ha parlato nella serie web educativa, Inspirational Trust: Church Connections and Organizational Dysfunction, che ha presentato Pontificia Università della Santa Croce A Roma. L’università è stata affidata all’Opus Dei, con cui Kelly è imparentata.

“Ad essere sincera, dal punto di vista del mio consiglio di amministrazione … non è chiaro come scorreva il denaro e come è stato gestito perché la trasparenza non c’era”, ha detto.

READ  Un affare italiano da 30 milioni di sterline per Victoria

Kelly insiste: “Una volta che questa trasparenza è in atto e gli standard internazionali sono in atto, puoi iniziare a parlare in modo molto diverso del ruolo e della responsabilità del Vaticano, di come gestisce il denaro e così via”.

“Se qualcuno sta per mettere soldi su un conto di Peter’s Pence, deve sapere che i soldi sono ben spesi. E al momento, non si può dire con certezza che possiamo dimostrarlo, ma siamo sulla strada giusta che penso che saremo in grado di farlo molto tempo fa “, ha detto.

Kelly ha spiegato che il Consiglio dell’Economia si è concentrato molto sul controllo dei costi nella definizione del bilancio di quest’anno e ha chiesto ai dipartimenti vaticani di proporre tagli alle loro spese.

Vaticano donazioneGià in deficit, ha preso un altro colpo nel 2020 e all’inizio del 2021, quando i Musei Vaticani, una delle principali fonti di reddito, sono stati costretti a chiudere per diversi mesi.

Per la Santa Sede, la crisi del coronavirus significa anche un crollo degli investimenti di mercato, entrate incerte da investimenti immobiliari e contributi in diminuzione dalla Chiesa in tutto il mondo.

“La Santa Sede, con ogni altra organizzazione, o molte altre organizzazioni, ha sofferto dell’epidemia, e questo non sorprende. La domanda che si pone veramente il Concilio è fino a che punto questo sarà temporaneo e quanto ci tornerà. .

Ha detto: “Il processo di raccolta fondi è stato gravemente influenzato durante la crisi COVID, e questo non è sorprendente, poiché è stato adeguatamente sentito in tutta la chiesa”.

“Quindi, sai, è un’area nella nostra mente, in cui stiamo pensando a come ripristinare la reputazione e come creare una solida reputazione per il modo in cui la Santa Sede gestisce le finanze”.

READ  L'Italia ha bisogno di replicare i punti di forza di Iron Lady per rilanciare la sua economia

Kelly è fiduciosa che ci sia un forte desiderio sia tra i membri effettivi che tra i cardinali del consiglio di “avere un impatto”.

“Ci aspettiamo risultati molto importanti prima della fine dei sei anni alla fine dell’attuale sessione del consiglio”, ha detto.

Il consiglio è stato supervisionato dal cardinale tedesco Reinhard Marx sin dal suo inizio nel 2014. Altri cardinali attualmente nel consiglio includono Joseph Tobin di Newark; Anders Arborelius di Stoccolma; Peter Erdo, di Estergom, Budapest; Odilo Shearer di San Paolo; Gerald Lacroix dal Quebec; Giuseppe Petrucci dell’Aquila; E il cardinale Daniel Denardo di Galveston-Houston.

Tra i membri effettivi c’è la professoressa di diritto tedesco, Charlotte Kruter Kirchhoff. Maria Colack, presidente dell’Associazione nazionale delle banche cooperative tedesche; Alberto Menali, già Chief Investment Officer di Eurizon Asset Management Group; Leslie Ferrar, che era il tesoriere del principe Carlo britannico Fabbrica di ascensori Zardoya Otis; Eva Castillo Sanz, membro della Banca Bankia spagnola.

Kelly ha detto: “Una delle cose che ho in mente di esplorare man mano che procediamo è come funziona l’intero sistema di segnalazione di irregolarità in Vaticano. Perché penso che parte della cultura aperta non sia solo la trasparenza finanziaria ma la capacità delle persone di sollevare problemi. in privato, magari senza identificarli. O selezionarli solo se lo desiderano. “

“Ora so che il whistleblowing sta accadendo, ma non sono ancora sicuro che funzioni abbastanza bene all’interno della Santa Sede e del Vaticano”.

“C’è una grande strada da percorrere, ma penso che la volontà sia in cima per vedere il cambiamento accadere”, ha detto.