Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Moda in carne e ossa: a Milano tornano le vere sfilate

Moda in carne e ossa: a Milano tornano le vere sfilate

Sabato scorso, in un ex cinema milanese degli anni Quaranta, si è alzata la musica, un carnevale di luci sfavillanti e modelli maschili vestiti con abiti luccicanti e scintillanti di Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Sembrava tutto come al solito per le sfilate uomo Primavera/Estate 2022 a Milano. Solo, ovviamente, non lo era. Il pubblico era travestito da una conferenza di chirurghi vestiti con abiti eleganti, a un metro e mezzo di distanza l’uno dall’altro nella loro dimensione abituale, con pochi viaggi negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Asia.

L’epidemia potrebbe essere in calo in tutta Europa, ma questa settimana dell’abbigliamento maschile è stata ancora piccola e intensa. Solo tre grandi marchi hanno tenuto spettacoli fisici: Dolce & Gabbana, Etro e per la prima volta da febbraio 2020, Armani. Alcune dozzine di altri hanno continuato ad apparire digitalmente, spesso mescolate con eventi della vita reale, o IRL come dicono i bambini. I giovani sono stati al centro di molti di questi spettacoli, sembrando piacere alla Generazione Z. Ora circa 2,5 miliardi di persone – la maggior parte della popolazione mondiale – hanno la generazione di reddito in più rapida crescita, secondo Euromonitor, che si prevede raggiungerà i 33 trilioni di dollari entro il 2030.

L’ultimo anno circa ha dimostrato la resilienza dell’industria del lusso nel suo insieme: nel primo trimestre del 2021, i ricavi di Kering sono saliti ai livelli pre-pandemia, mentre il fatturato di LVMH è aumentato del 32% rispetto allo stesso periodo del 2020, quasi il doppio delle aspettative Analisti. I designer sembrano affidarsi a consumatori giovani stimolando una crescita continua: gli abiti suggeriti da Fendi, Prada, Dolce & Gabbana – e in misura minore Alessandro Sartori da Ermenegildo Zegna – erano decisamente più giovani pervertiti. I risultati, creativamente, sembrano essere contrastanti.

READ  Budd Dairy Food Hall nell'Italian Village sottolinea la diversità del mangiare e del bere

Dolce & Gabbana ha guardato alla moda nei primi anni 2000 – ha persino scritto “Momento della moda degli anni 2000” su una maglietta. È un revival in crescita di cui altri marchi hanno già approfittato: la versione Prada della borsa del 2005 si è rivelata un rapido successo ed è uno degli stili più ricercati del 2021, secondo l’aggregatore online Lyst.

Dolce & Gabbana Menswear Primavera-Estate 2022 © Monica Feudi

Dolce Gabbana

Dolce & Gabbana © Monica Feudi

Dolce & Gabbana ha riprovato il suo gusto millenario per il glamour, simulando i suoi spettacoli con il glamour luminarie Luci comuni alle feste nel sud Italia (pensa a Blackpool, con un tempo migliore) e tutto è tempestato di cristalli. La colonna sonora era Elvis nel suo tanto imitato stile Nudie, con J-Lo stalker. Ma i jeans ingioiellati abbinati a semplici camicie bianche – e cardigan e maglioni neri – sembravano stranamente appetibili, con la lingua saldamente piantata nella guancia. A volte il vecchio può sembrare nuovo.

Altre volte, non così tanto: era Etro retrò, un sottile spettacolo hippie di felpe e felpe metalliche che avrebbero attratto gli anziani fan del boom del rock piuttosto che i loro nipoti. Ma lo spettacolo è stato organizzato giocosamente all’aperto in una stazione ferroviaria abbandonata a Milano, e il pubblico era privo di maschere ma socialmente distante. L’esperienza sembrava fresca di conseguenza, anche se i vestiti non lo erano.

Prada uomo primavera/estate 2022

Prada uomo primavera/estate 2022

Giorgio Armani Primavera/Estate 2022

Giorgio Armani Primavera/Estate 2022

Prada, al contrario, ha combinato le immagini del lungomare e le immagini in loco in un film digitale accattivante che ritrae modelli che camminano attraverso uno stretto tunnel rosso prima di teletrasportarsi magicamente nel vasto panorama della spiaggia della Sardegna. Prada ha sfruttato le poche opportunità offerte dall’ironia attraverso le restrizioni di Covid-19 per connettersi con un nuovo pubblico attraverso il digitale e ha aumentato le vendite di e-commerce del 200 percento nel 2020.

Questo gruppo era facile da amare, felicemente ingenuo e giocoso. “Innocenza”, ha detto Miuccia Prada. “Quando i tempi sono complicati, cerchiamo gioie semplici e dirette”.

E i vestiti erano allegri, pieni di motivi e colori (rosso e verde e uno splendido cappotto di pelle giallo zingaro in olio), e pantaloncini corti sulla gamba per esporre il corpo agli elementi. L’esposizione della pelle, tra l’altro, è una tendenza: questo ha senso per l’estate ma sembra anche orientato, ancora una volta, a una generazione più giovane felice di illuminare il proprio corpo.

Fendi uomo primavera/estate 2022

Fendi abbigliamento uomo primavera/estate 2022

fendi

fendi

Fendi ha anche migliorato la consapevolezza del corpo, con Silvia Venturini Fendi che ha tagliato suture altrimenti conservative per esporre vaste aree del diaframma e della coscia. Gli accessori – una baguette delle dimensioni di un messenger o in perspex – erano robusti e la tavolozza dei colori morbida.

I pastelli dominano tutta Milano: non ho mai visto così tante scarpe rosa e lilla da uomo. Alessandro Sartori ha utilizzato tonalità particolarmente dolci nel video di presentazione di Ermenegildo Zegna: azzurro, rosa, menta e latte, in tonalità dalla testa ai piedi che hanno avuto un grande impatto.

Ermenegildo Zegna Primavera-Estate 2022

Ermenegildo Zegna Primavera-Estate 2022

Ermenegildo Zegna

Ermenegildo Zegna

Sartori è un designer che sembra essere focalizzato sulla pandemia, prendendo rischi come il pigiama rosa Pepto-Bismol fatto di seta leggermente trapuntata, che sembrava inaspettatamente stupendo. Liberandosi dal predominio del superlativo tailleur – un atto di sfida non solo al designer ma di ascolto di ciò che i consumatori vogliono acquistare – Zegna by Sartori si sente ora come una proposta potente e integrata per una vera identità.

Un’identità forte che descrive Giorgio Armani. Il suo ritorno a un vero spettacolo è stato significativo, perché Armani è una celebrità mondiale e una star in Italia: la strada fuori dal suo spettacolo era piena di Generazione Z e anche più giovane.

L’ha organizzato su piccola scala, nella sede dell’azienda dove c’è il suo appartamento e dove due decenni fa presentava le sue collezioni, in una specie di casa. Dopo lo spettacolo, Armani ha riunito la stampa nel suo giardino sul retro – nel gazebo, solo una ventina di noi – e ha spiegato che era caduto da poco ed è stato portato in ospedale, come riportato dalla stampa italiana.

Prada uomo primavera/estate 2022

Prada uomo primavera/estate 2022

Ha tirato su la manica e ci ha mostrato 17 punti di sutura sul braccio, ma ha detto che stava bene e che ha comunque gestito un gruppo di 77 look. “Con gli uomini, non puoi divertirti molto”, ha detto dell’ensemble, che era serio se non cupo, con la sua sartoria semplice e confortevole di biancheria. Ciò è stato stabilito nello stampo del suo lavoro negli anni ’70, quando ha rivoluzionato il design e ha gettato le basi per gli esperimenti e gli sviluppi informali che si verificano ancora oggi.

Ma alla fine del suo spettacolo tranquillo e silenzioso, ha sfoggiato quattro modelli avvincenti, gli unici a settimana. “È un promemoria per stare attenti, non è finita”, ha detto saggiamente Armani. “Non ti eccitare.” È forse un messaggio fondamentale per l’intero settore.

Scopri prima le nostre ultime storie – resta sintonizzato Tweet incorporato su instagram