Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Miya Cech su penetrazione, direzione e versatilità “cool”.

Miya Cech su penetrazione, direzione e versatilità "cool".

Dopo aver ottenuto il suo primo ruolo televisivo in “Hawaii Five-O” e una serie di ruoli in altre sceneggiature, Miya Cech sta facendo la sua prima star del cinema in “La meraviglia e il buco nero”.

(Jeniel Fong/Per The Times)

Non ci volle molto perché Miya Cech si innamorasse della recitazione.

Seduta all’ombra di un caffè italiano nella San Fernando Valley, i suoi occhi si illuminano mentre ricorda la sua prima prova. Era il suo ottavo compleanno e stava leggendo per un piccolo ruolo in “Hawaii Five-O”. Atterrare, interpretare la giovane Grace Parke e girare per due settimane alle Hawaii è stata un’esperienza che ha cambiato la vita.

Chick, 15 anni, ha detto: “Camminare nei panni di qualcun altro per un giorno è super divertente e me ne sono innamorata. È stato allora che ho imparato che questo è dove voglio essere”.

Ora che ha rappresentato quasi la metà della sua vita – facendo impressione nell’adattamento per giovani adulti “The Darkest Minds”, “Edge of the World” di Netflix e nella serie revival di Nickelodeon “Are You Afraid of the Dark” – Davis, California, la sua città natale ha fatto un’impresa Nuovo con il dramma indipendente di Kate Tsang ‘Marvelous and the Black Hole’ diretto da Kate Tsang (in sale selezionate e VOD), il suo primo ruolo importante nel film.

Chick aveva solo 12 anni quando ha ottenuto il ruolo di Sammy, una tredicenne scattante e ansiosa che trova un amico e un mentore in un mago professionista di nome Margo (Rhea Perlman) nel prossimo Tsang di generazione in generazione.

Tsang ha basato il racconto personale in parte sulla sua relazione d’infanzia formativa con suo nonno, che l’ha presentata ai film cantonesi di Wuxia che hanno acceso il suo interesse per la narrazione. Crescendo, è stata attratta da eroine adolescenti scontrose e arrabbiate come Lydia Dietz di Beetlejuice. Ma questi ruoli non sono mai stati – e sono tuttora – dati ad attori asiatici americani che le somigliano.

“Volevo qualcosa che mio figlio di 13 anni potesse vedere e vedere”, ha detto Tsang. Solo in seguito si è resa conto della sfida di concentrare il suo primo film su un’eroina asiatica americana, poiché il giovane talento asiatico americano è raramente coltivato a Hollywood. Produttrice Carolina [Mao] E sapevo che avremmo dovuto trovare un ago in un pagliaio, una ragazza davvero speciale”.

Mia Chek, a sinistra, e Rhea Perlman nel film

L’adolescente delinquente Sami Koe (Mia Cheek) stringe un’inaspettata amicizia con il mago delle feste “Marvelous” Margot (Rhea Perlman) nel dramma indipendente “Marvelous and the Black Hole”.

(Nano Seagal)

Hanno visto oltre 100 giovani attori interpretare Sammy prima dell’arrivo di Cech, che è la loro ultima audizione per il personaggio. Cang si è seduta per parlare con Cech prima di leggere e notare il suo ingegno e il suo ragionamento. “Si è presa il tempo per pensare alle sue risposte”, ha detto Tsang, una scrittrice nominata agli Emmy per i suoi libri “Steven Universe” e “Adventure Time: Far Lands”. “Se parli di qualcosa che ami, si accende. Ha una scintilla intorno a lei che è stata davvero eccitante. “

READ  Festival culturali che si svolgono intorno a Vancouver quest'estate

Mentre legge scene come la crudele e autodistruttiva Sami, che impara a incanalare il suo dolore e la rabbia per la morte di sua madre nella creatività attraverso giochi di prestigio, Chick si infila facilmente nel personaggio. I realizzatori hanno capito subito che la loro ricerca era finita. Non appena se ne è andata, ci siamo rivolti l’uno all’altra e abbiamo detto: “Oh, mio ​​Dio, l’abbiamo trovata”, ha detto Tsang.

Ricorda di essersi controllata i nervi per essere in grado di interpretare un personaggio di un anno più vecchio di quanto non fosse in quel momento. “Quando hai 12 anni, essere vicino a un adolescente sembra una grande differenza”, ha detto con saggezza soprannaturale.

Ma Cech, un’appassionata lettrice di libri che scrive nel suo tempo libero e ha già interesse a muoversi dietro la macchina da presa, ha adorato la storia e il personaggio. L’incontro con Cang ha indirizzato la sua maggiore attenzione a perseguire la sua passione.

“Voglio fare il regista da grande, [but] ha detto Cech, i cui modelli includono la regista di “Always Be My Maybe” Nahnachka Khan, la presentatrice Mai Chan della prossima serie Apple + YA di Cech “Surfside Girls” e la regista di “Darkest Minds” Jennifer Yeoh Nelson, che le ha permesso di guardare gli schermi durante la produzione quando lei non immaginava.

“Ero tipo, ‘Come sono arrivati ​​​​lì? Da dove comincio?’ Poi ho incontrato Kate e mi ha dato la speranza che ci fossero registi che facevano piccoli ma grandi film là fuori che mi somigliavano, con storie [about people] ha detto la guancia.

Mia Chek in piedi davanti a un muro a Little Tokyo.

Cech, che vuole diventare una scrittrice e regista, ha “pagine e pagine” della sua stessa scrittura creativa e conserva tutti i suoi testi.

(Jeniel Fong/Per The Times)

Nata e adottata a Tokyo da bambina, Chik è la terza di quattro figli della sua famiglia. Anche i suoi due fratelli maggiori, dal Kazakistan e dal Giappone, sono stati adottati, così come una delle sue migliori amiche, Lydia Jewett, co-protagonista di Darkest Minds.

“Quando ero più giovane, l’adozione mi sembrava naturale”, ha detto. “Metà della mia famiglia giapponese è dalla parte di mia madre, quindi celebriamo le feste giapponesi. Celebriamo le reciproche culture”. Pensando alla sua infanzia, guardò sua madre, Irene, dall’altra parte del tavolo e sorrise. “Credo di aver pensato a tutti [was adopted]. Ma sento che è davvero fantastico perché mi dà una storia unica, una storia che ho, è la mia storia”.

READ  Il nuovo ristorante italiano di Spiegelworld a Las Vegas: Travel Weekly

Nel 2019, l’anno in cui ha girato Marvelous a Los Angeles, Cech ha ottenuto la più grande serie della sua carriera. Ha recitato nel ruolo di Zhen Zhen nel film d’avventura di McG “Rim of the World” e come la versione più giovane del personaggio di Ali Wong nella commedia romantica “Always Be My Maybe”. In TV, ha contribuito a dare vita a un classico film per bambini degli anni ’90 interpretando l’autore dell’horror per adolescenti Akiko Yamato in Hai paura del buio?

L’anno successivo, ha recitato nei panni dei produttori esecutivi Ron Howard e Brian Grazer nel dramma d’avventura di Nickelodeon Astronauts, su un gruppo di bambini che vengono lanciati accidentalmente in una missione spaziale.

Con l’emergere di maggiori opportunità, anche le grandi decisioni. Cech aveva iniziato a progettare una fotocamera nella sua 4 e l’ha adorato, risultando in annunci stampati e spot pubblicitari che impiegavano un’ora e mezza di auto da Davis a San Francisco. Cech ricorda di essere stata quella che ha chiesto ai suoi genitori se poteva dare una possibilità alla recitazione: “Era come, ‘Va bene, pensiamo che ci proveremo! “

Nel giro di pochi anni, questi viaggi sono diventati più lunghi quando Chic e sua madre hanno iniziato a fare il viaggio a Los Angeles, mantenendo infine un appartamento nella zona e si sono iscritti a studi online indipendenti, mentre papà è rimasto al nord con i suoi fratelli appassionati di sport. (Solo la sorella minore Kai, 11 anni, ha seguito Mia nella recitazione.)

Più costruisce il suo curriculum nel cinema e in televisione, più Chick è apprezzata per essere una giovane attrice in un’era di maggiore assimilazione. Definisce “The Goonies” il suo film preferito e inghiotte gli spettacoli giovanili dei suoi genitori, come “Saved By the Bell” e “Full House”. Ma non è difficile per la Generazione Z notare l’evidente mancanza di stelle non bianche nelle storie di ieri.

Mia Cheek in un film

“L’unica cosa che mi ha attratto da Sami è che è diversa”, ha detto Mia Cheek del suo ruolo “cool”. “Era molto schietta e schietta”.

(Nano Seagal)

“Lei mette le cose a posto per me”, ha detto. “Voglio che arrivi dove si trova [characters] Per tutte le razze, identità e persone con disabilità. Questa era una delle cose davvero interessanti di Marvelous. Era diverso in quanto era incentrato su una famiglia asiatica americana, ma non era un punto davvero toccato”.

La rappresentazione del padre che attraversa il suo viaggio emotivo è stata un’attrazione insolita per il co-protagonista Leonardo Nam (“Westworld”), che ha firmato con solo 24 ore di preavviso per interpretare Angus, il padre vedovo di Sami.

READ  L'Italian Open Air Film Festival prende il via quest'estate sull'erba di Casa Belvedere

“Soprattutto come attore maschio asiatico a Hollywood, cerchi ruoli che abbiano quella carne piuttosto che solo un background o un personaggio unidimensionale”, ha detto Nam. Dopo aver raggiunto un’impresa tutta sua con “The Perfect Score” del 2004, l’attore coreano-australiano ha visto le sue controparti bianche passare a maggiori opportunità a Hollywood mentre si ritagliava la propria strada.

Marvelous concentra i suoi personaggi in modo olistico verso la loro eredità sino-americana senza incentrare la storia sulla cultura. Invece, sono il dolore e l’incomprensione condivisi tra Sammy, suo padre e la sorella maggiore Patricia (Kanun Umachi) – che cerca di fuggire da un mondo fantastico di giochi di ruolo – a guidare la dicotomia al centro del film.

Nam ha detto che portare questa relazione difficile sullo schermo con il suo giovane partner, che poteva lavorare solo 5 ore al giorno a causa della sua età durante i 19 giorni di riprese, potrebbe essere una sfida ancora più grande con un altro attore.

A volte, Cheek aveva “12 anni e 40”, ha detto, e si vantava della sua straordinaria capacità di attingere e uscire dai sentimenti del suo personaggio. “Lei è molto presente e ha fatto molto lavoro”, ha detto Nam, che ha anche descritto con affetto Cheek mentre gli insegnava la coreografia dei BTS tra le inquadrature. “Come attore, è un dono avere qualcuno che è molto aperto, molto disponibile e disposto ad andare là fuori”.

Anche se sono passati tre anni da quando ha girato Marvelous, presentato in anteprima al Sundance Film Festival del 2021, i souvenir del film, come tutti i suoi progetti, restano con lei.

Mia Cheek è sdraiata sull'erba con in mano un piccolo fiore giallo.

“L’arte è uno dei miei più grandi sbocchi”, ha detto Mia Chek. “Mi dà la capacità di fare ciò che ha insegnato Margot Sami, di prendere quell’energia negativa e metterla in una forma che guarisce emotivamente”.

(Jeniel Fong/Per The Times)

C’è la playlist che Tsang le ha dato per aiutarla nel viaggio di Sammy dall’oscurità alla luce, piena di brani di Talking Heads, Arcade Fire, Joy Division, Karen O., Brian Eno e John Cale, e una convergenza di trucchi magici che mantiene passo con quanto.

La sua passione per la “leggenda” Perelman, che era nervosa all’idea di lavorare con lei prima che i due ci legassero a lezioni e spettacoli di magia al Magic Castle. “Non appena l’ho incontrata, tutto è svanito perché è la più carina, è così semplice e ha un’energia così calda e accogliente in lei”, ha detto Cech.

E una sceneggiatura che ha amato – le ha conservate tutte, anche dall’episodio “Hawaii Five-O” – che potrebbe tornare utile mentre continua la sua scrittura creativa. (Chek e le sue amiche stanno attualmente scrivendo 14 capitoli per un romanzo fantasy.)

Un giorno sperava di raccontare la storia dell’infanzia di sua nonna in prigione durante la seconda guerra mondiale, “perché potrebbe essere raccontata dal punto di vista di un documentario”, ha detto, “ma non l’ho ancora visto dal punto di vista ” Ero lì. Questo è quello che ho sentito. Così è stato per noi. Questa è stata la nostra esperienza”.

Detto questo, ci sono alcuni grandi ruoli di recitazione che non poteva ancora rivelare all’orizzonte, e Cheek non ha fretta di realizzare i suoi sogni diretti prima di trovare una storia che è pronta a raccontare.

“Voglio fare un film come Kate [Tsang]Disse, ancora una volta con un’aria saggia al di là dei suoi anni. “Cerco di non precipitarmi in quella grande esperienza: so di avere ancora molto da imparare. Nella mia vita, ho molte esperienze davanti a me”.