Dicembre 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Misterioso’: C’è chi dice che Putin possieda una super barca da 700 milioni di dollari in Italia | Vladimir Putin

FO per mesi, la misteriosa super barca di 140 metri di lunghezza e sei piani si è innalzata sopra le piccole barche del cantiere navale di Marina de Carra, sulla costa italiana della Toscana, scatenando una conversazione tra la sua gente sull’identità del suo ricco proprietario.

Susie Dimitrova, che possiede una barca nel porto turistico, dice: “Questa è la barca più grande che abbia mai visto qui.” La gente la pulisce continuamente. L’ultima volta che l’ho visto se n’era andato [the shipyard] Era l’anno scorso. Ci chiediamo tutti chi sia il proprietario.

Scheherazade, del valore di 700 milioni di dollari (528 milioni di sterline), è indagato dalle autorità italiane per possibili contatti con russi autorizzati. E gli attivisti che lavorano con il leader dell’opposizione russa incarcerato Alexei Navalny non hanno dubbi sul fatto che la barca appartenga al presidente russo Vladimir Putin.

Lunedì, la giornalista investigativa Maria Bevczyk e l’attivista anticorruzione Georgi Alburov hanno detto che tutti i membri della squadra, tranne il capitano, della lista di dicembre 2020 erano russi. In un video pubblicato su YouTube, hanno affermato che alcuni membri del personale della barca lavoravano per il Servizio di protezione federale russo (UST), l’agenzia che gestisce la sicurezza degli alti funzionari, incluso Putin.

Gli attivisti, che hanno esortato le autorità italiane a sequestrare la barca, hanno affermato che le informazioni si sono rivelate di Putin. “Sono dipendenti del governo russo, personale militare e si recano regolarmente in Italia in gruppo per lavorare sulla misteriosa barca”, ha scritto Bevzik su Twitter.

L’interno della nave è stato descritto come dotato di una spa, piscine, due eliporti, un camino a legna e un tavolo da biliardo progettato per essere inclinato per ridurre al minimo l’impatto delle onde.

Rivolgendosi al parlamento italiano martedì, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha invitato l’Italia a prendere la barca, dicendo che Putin e i suoi ricchi sostenitori dovrebbero spesso bloccare i loro beni perché sono in vacanza in Italia.

“Non essere un paradiso per gli assassini”, ha detto. “Blocca tutti i loro immobili, conti e barche, da Shearzate al più piccolo.”

L’ultima visita ufficiale di Putin in Italia nel 2019 è stata su invito dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Durante la visita, Papa Francesco ha avuto un colloquio con loro in Vaticano.

Il Marina de Carrara è vicino al Forte de Marmi, meta di villeggiatura preferita dagli oligarchi russi, molti dei quali hanno acquistato ville e stabilimenti balneari.

All’inizio di marzo, la polizia italiana ha sequestrato una barca di proprietà dell’uomo più ricco della Russia, Alexei Mortashov, e un’altra barca del miliardario Gennady Timchenko, un porto ligure nel porto ligure prima che fosse fermato dall’Unione Europea.

Il cantiere, di proprietà di Italian Sea Group, società di ristrutturazione di barche di lusso, è in fase di ristrutturazione che dovrebbe concludersi il prossimo anno.

Il mistero sul suo proprietario è accelerato all’inizio di marzo quando le sanzioni dell’UE contro gli oligarchi russi sono state espulse dall’invasione russa dell’Ucraina.

La polizia ha sequestrato i documenti di possesso del capitano britannico della barca Guy Bennett-Pierce. A quel tempo, funzionari statunitensi dissero al New York Times che stavano indagando se la barca appartenesse a Putin.

Il consiglio marittimo italiano ha dichiarato in una dichiarazione che stava continuando a lavorare per 6 milioni di euro (5 milioni di sterline) per il restauro e la manutenzione della nave, nonostante le sanzioni dell’UE, e che la nave “non aveva motivo per i suoi beni”, secondo i documenti in suo possesso. Il presidente russo Vladimir Putin”, e non appartiene alla lista russa.

Una fonte della Guardia di Finanza di Carrara ha detto che ora sanno chi è il titolare e che a breve rilascerà un avviso.

Un’indagine del quotidiano La Stampa all’inizio di questo mese ha scoperto che la nave era collegata a Eduard Yurievich Khudainatov, l’ex capo della compagnia petrolifera statale russa Rosneft, attraverso una società di comodo registrata nelle Isole Marshall.

Ma la polizia italiana è fermamente convinta che Gudinatov non sia il vero proprietario della barca. “Sembra un uomo legato alla cerchia ristretta di Putin, ma non possiede una barca come Scheherazade”, ha detto Jacopo Iacoboni, giornalista de La Stampa che ha condotto l’indagine.

Fino a quando la polizia italiana non rivelerà le loro scoperte, la gente di Marina de Carrara continuerà a pensare, anche se la sua esistenza desta preoccupazione. “Putin è considerato il proprietario e ora quando lo guardo sono molto preoccupato per quello che sta facendo in Ucraina”, ha detto Maria Christina.

Ma non c’era alcun segno di lotta. “Ci sono sempre molte parole, ma poca azione qui”, ha detto Dimitrova.

READ  Vai a Cina e Regno Unito All-In, Italia / Canada Gamble Mixed Medley