Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Miglior affare di vino bianco d’Italia – WSJ

Duemila Molti anni fa, la Campania ha prodotto i vini più acclamati in Italia. Mentre i rossi più grandi oggi provengono da altrove (Piemonte, Toscana), alcuni dei migliori bianchi italiani provengono da questa parte meridionale – di questi tempi non si parla molto.

Anche le uve campane sono relativamente oscure e nomi come Fiano de Avelino, Greco de Tufo e Coda de Wolf sono difficili da pronunciare per i non italiani. Ma grazie agli ambiziosi produttori che utilizzano metodi di vinificazione moderni per uve antiche – per non parlare dell’ampio rapporto qualità-prezzo – ora forse questo è il momento migliore per bere i vini bianchi campani.

Dopo averne assaggiate più di una dozzina, è difficile credere che alcune delle uve autoctone della regione siano andate sull’orlo dell’estinzione a metà del secolo scorso. A quei tempi i produttori di vino di tutta Italia si concentravano più sulla produzione di vini su scala che sulla qualità. Antonio Mastroperradino del famoso Giardino Mastroperradino è orgoglioso di aver rinnovato l’interesse per i vitigni autoctoni della regione nel secondo dopoguerra, e la vinificazione della sua famiglia coincise con l’inizio del Rinascimento campano.

Negli ultimi anni il nome di Mastroperradino è un po ‘sbiadito e una scissione in famiglia ha portato da una parte il nome del vino e il nome Mastroperordino e dall’altra il controllo dei vigneti. Nel 1994 l’ultima parte dell’azienda diventa Teredora de Pavlo, che, intitolata a Walter Mastroperordino e alla moglie Dora de Pavlo, diventa una delle cantine più evolute della Campania.

Nello stesso anno, la famiglia Romano, che da tempo vendeva uva a Mastroperordinos, smise di farlo e decise di produrre i propri vini. Insieme all’enologo del Collie di Labio, i Romanos facevano parte di una prima ondata di viticoltori che divennero agricoltori. I loro sforzi furono poi ben accolti: la proprietaria, Clelia Romano, chiamò il torchio italiano La Signora del Piano. Nel 2009 l’influente rivista enogastronomica italiana Campero Rosso Clelia ha nominato Romano Piano il miglior vino bianco d’Italia.

READ  In Italia la danza aiuta durante la chiusura