Marzo 4, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Microsoft risponde alla corte sui tagli di posti di lavoro nella divisione giochi

Microsoft risponde alla corte sui tagli di posti di lavoro nella divisione giochi
Activision Blizzard, il produttore di Call of Duty, ha dichiarato in una causa la scorsa settimana che il produttore di Call of Duty aveva intenzione di licenziare i lavoratori prima della sua fusione con Microsoft Corp. Lo ha riferito il colosso del software alla corte americana in risposta alle accuse di tagli di posti di lavoro avanzate dalla Federal Trade Commission. Microsoft ha affermato nella sua lettera alla corte che, sebbene alcuni dei licenziamenti si riferiscano alla sovrapposizione tra i suoi attuali dipendenti e Activision, la società continua a gestire la sua unità appena acquisita in modo tale da poter essere separata se in seguito le verrà richiesto di farlo da parte di Activision. una corte.

“Coerentemente con le tendenze più ampie nel settore dei giochi, Activision stava già pianificando di eliminare un numero significativo di posti di lavoro pur continuando a operare come società indipendente”, ha detto Microsoft alla corte d'appello federale di San Francisco. “L’ultimo annuncio quindi non può essere interamente attribuito alla fusione”.

Il mese scorso, Microsoft ha annunciato internamente che avrebbe tagliato circa l'8% dei 22.000 dipendenti della sua divisione giochi, ovvero circa 1.900 lavoratori presso Activision Blizzard, Xbox e ZeniMax. La Federal Trade Commission, che non è riuscita a bloccare l'accordo con Activision lo scorso anno, ha affermato che questi tagli di posti di lavoro sono in conflitto con le dichiarazioni di Microsoft secondo cui gestirà Activision in modo indipendente.

Microsoft elimina 1.900 posti di lavoro
Il mese scorso, il gigante della tecnologia ha annunciato il licenziamento di almeno 1.900 dipendenti da Activision Blizzard e Xbox, colpendo circa l'8% della divisione gaming complessiva di Microsoft che conta circa 22.000 dipendenti.

Microsoft ha completato l'acquisizione da 68,7 miliardi di dollari di Activision Blizzard nell'ottobre dello scorso anno, dopo una lunga battaglia con le autorità di regolamentazione nel Regno Unito e negli Stati Uniti.