Luglio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mercati del debito italiani ottimisti in vista del test di rating di Moody’s

Mercati del debito italiani ottimisti in vista del test di rating di Moody’s

Scritto da Gavin Jones e Sarah Rossi

ROMA (Reuters) – Gli investitori attendono con ansia una revisione del rating di credito dell’Italia venerdì, anche se gli analisti vedono pochi rischi che Moody’s declassi il debito del paese allo status di spazzatura, una mossa che probabilmente scuoterà i mercati in tutta Europa e oltre.

Moody’s valuta l’Italia Baa3, appena un livello sopra il non-investment grade, e ha messo Roma su un outlook negativo dall’agosto 2002. Emetterà la sua decisione dopo le 22:00 ora locale (21:00 GMT).

Gli analisti sostengono che un declassamento non solo causerebbe un aumento dei rendimenti obbligazionari italiani e un affondamento dei titoli bancari, ma influenzerebbe anche i debiti di altri paesi periferici dell’Eurozona e forse peserebbe sull’euro.

Si prevede che il divario attentamente osservato tra i rendimenti dei BTP decennali italiani e quelli tedeschi meno rischiosi aumenterà a 2,5 punti percentuali (250 punti base) dai circa 175 punti base di giovedì.

Il debito italiano si ritroverà quindi su un “pendio scivoloso che potrebbe trasformarsi in maggiori turbolenze se il mercato non riceverà rassicurazioni da altri paesi”, ha affermato martedì ING in una nota ai clienti.

Tuttavia, aggiungono gli analisti, l’impatto significativo del declassamento del rating creditizio è la ragione principale per cui l’agenzia potrebbe fermarsi, nonostante le prospettive economiche e finanziarie pubbliche dell’Italia non siano affatto rosee.

Il PIL italiano è rimasto stagnante nel terzo trimestre rispetto ai tre mesi precedenti, dopo essersi contratto dello 0,4% tra aprile e giugno, e anche il budget del governo per i tagli fiscali per il 2024 ha allentato significativamente la sua politica fiscale.

Mercoledì la Commissione europea prevedeva che il debito italiano, che è relativamente il secondo più alto nella zona euro, salirebbe marginalmente dal 140% della produzione nazionale prevista quest’anno al 141% nel 2025.

READ  GranTurismo punta i riflettori su Laguna Seca mentre la Monterey Car Week celebra il suo 75° anniversario

Tre in meno, ne manca uno

Tuttavia, Roma è già uscita indenne da altre tre revisioni nelle ultime settimane da parte di Standard & Poor’s Global, DBRS e Fitch, che non hanno portato alcun cambiamento al rating o alle prospettive del Paese.

I rendimenti dei titoli di Stato italiani sono scesi nell’ultimo mese, sostenuti dalle speranze di una fine degli aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea e dalle decisioni favorevoli prese finora dalle società di rating.

Il gap BTP-Bund si è ridotto di oltre 30 punti base rispetto al recente picco di 209 punti base del 9 ottobre.

Ma Moody’s, che la scorsa settimana ha abbassato a negativo il rating sul debito sovrano americano, è l’agenzia con il rating più basso per l’Italia e l’unica il cui outlook appare negativo.

Diverse banche hanno emesso banconote questa settimana prima della revisione di venerdì e, sebbene tutte sottolineino le terribili conseguenze di un declassamento del rating, nessuna lo ritiene probabile.

Barclays lo ha descritto come un “evento di rischio di coda” e UniCredit ha affermato di vedere una “leggera possibilità” che l’agenzia alzi le previsioni per l’Italia a neutrali.

Alcuni analisti hanno osservato che, sebbene le prospettive di crescita dell’Italia siano deboli, sono comunque migliori rispetto a quando Moody’s cambiò le sue previsioni in negative 15 mesi fa, sulla scia del crollo del governo e nel mezzo della crisi energetica.

(Segnalazione di Gavin Jones e Sarah Rossi; Segnalazione aggiuntiva di Alicia Bee; Montaggio di Susan Fenton)