Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Meno politica, più amore mentre il Festival di Berlino torna agli spettacoli dal vivo

Meno politica, più amore mentre il Festival di Berlino torna agli spettacoli dal vivo

BERLINO (Reuters) – Il tema dell’amore domina i principali film in concorso al Festival di Berlino di quest’anno, allontanandosi dai duri drammi politici per cui è noto lo spettacolo cinematografico annuale.

Gli spettacoli dal vivo riprenderanno nel 2022 dopo l’uscita solo online dello scorso anno, in un evento in cui l’allenatore Carlo Chatrian sperava di ripristinare i legami sociali indeboliti in due anni di blocco e isolamento.

“Non abbiamo mai visto e accolto così tante storie d’amore come quest’anno: amore pazzo, improbabile, inaspettato e inebriante”, ha detto Chatrian, rivelando la formazione del concorso di quest’anno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Diciotto film si contenderanno l’Orso d’oro per il miglior film in una sottile competizione con “Both Sides of the Blade” della regista francese Claire Denis, mentre Juliette Binoche interpreta un triangolo amoroso in un periodo di pandemia.

Il direttore artistico Carlo Chatrian, a destra, e l’amministratore delegato Mariette Rissenbeck, del Festival Internazionale del Cinema di Berlino Berlinale posano davanti ai fotografi durante un evento mediatico, prima di presentare il programma ufficiale del festival, a Berlino, Germania, mercoledì 19 gennaio 2022 Markus Schreiber/Sondaggio tramite Reuters

“Vedere un film in sala, poter sentire accanto a te il respiro, la risata o il sussurro (anche con un adeguato distanziamento sociale), contribuisce in modo vitale non solo al piacere della visione ma anche al rafforzamento della funzione sociale che il cinema ha, e dovrebbe continuare”.

Fondata nel 1951 in una città divisa a cavallo della guerra fredda, la Berlinale è spesso il più politico dei maggiori festival cinematografici, mentre la 72a edizione, in programma dal 10 al 20 febbraio, mantiene parte di quello spirito.

Anche se la Corte Suprema degli Stati Uniti esamina casi che potrebbero limitare il diritto all’aborto, “Call Jane” di Phyllis Nagy, con Elizabeth Banks, Sigourney Weaver e Kate Mara, è ambientato negli anni ’60 in un periodo in cui l’aborto era illegale nel paese.

READ  Il regista Yi Chu sta sviluppando un film e una serie TV basati sull'ultima regina d'Italia, Marie Jose

Il francese François Ozon torna al festival con Peter von Kant, che racconta lo studio di Rainer Werner Fassbinder del 1972 sull’amore, la rabbia e il possesso, mentre Isabel Hubert, che quest’anno ha vinto un premio alla carriera, recita in About Joan” di Laurent LaRiver. .

Altre anteprime includono “Against the Ice” di Peter Flinth e “Dark Glasses” del regista italiano Dario Argento, meglio conosciuto per il film horror del 1977 che sfida la gravità “Suspiria”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto Tommaso Escritt); Montaggio di Miranda Murray e Mike Collette White

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.