Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Mattia Binotto si è dimesso da team principal Ferrari dopo il fallimento della candidatura al campionato di Formula 1 2022

Mattia Binotto si è dimesso da caposquadra Ferrari.

Binotto lascerà il suo incarico il 31 dicembre mentre il team prevede di assumere un suo sostituto all’inizio del 2023, e Sky Notizie Sportive Resta inteso che Frederic Vasseur, il capo dell’Alfa Romeo legato alla Ferrari, si unirà.

La Ferrari sembrava essere in lizza per porre fine alla sua lunga attesa per i titoli dopo un buon inizio della stagione 2022, ma non è riuscita a vincere nessuna delle ultime 11 gare della stagione a causa della perdita di prestazioni e ha concluso molto indietro al secondo posto della Red Bull. Campionato Costruttori.

Sebbene la squadra italiana alla fine non avesse il ritmo per competere con la Red Bull, la combinazione di problemi di affidabilità e frequenti errori strategici ha messo sotto pressione Binotto, con voci emerse prima della fine della stagione ad Abu Dhabi che sarebbe stato esonerato.

All’epoca, la Ferrari ha affermato che le notizie secondo cui Binotto era stato licenziato erano “assolutamente prive di fondamento”, ma meno di due settimane dopo quella smentita, il team ha rilasciato una dichiarazione confermando la partenza del 53enne.

Si conclude un regno durato tre anni alla guida del team più famoso della Formula 1, nonché una carriera durata complessivamente 28 anni.

Mentre Max Verstappen ha conquistato un altro titolo mondiale, dai un'occhiata ai più grandi errori strategici della Ferrari della stagione 2022 di F1

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Mentre Max Verstappen ha conquistato un altro titolo mondiale, dai un’occhiata ai più grandi errori strategici della Ferrari della stagione 2022 di F1

Mentre Max Verstappen ha conquistato un altro titolo mondiale, dai un’occhiata ai più grandi errori strategici della Ferrari della stagione 2022 di F1

“Con il rammarico che ciò comporta, ho deciso di porre fine alla mia collaborazione con la Ferrari”, ha dichiarato Binotto, che in precedenza aveva insistito per restare nel 2023.

“Lascerò l’azienda che amo, di cui faccio parte da 28 anni, con la serenità che deriva dalla convinzione di aver fatto del mio meglio per raggiungere gli obiettivi prefissati.

“Lascio una squadra unita e in crescita. Una squadra forte e preparata, sono sicuro di raggiungere gli obiettivi più alti e auguro il meglio per il futuro. Penso sia giusto fare questo passo in questo momento perché questa decisione è stato difficile per me.

READ  Notizie sui Mondiali di nuoto 2022, l'Australia batte il record mondiale della staffetta mista, Katie Ledecky vince l'oro negli 800 metri, risultati, tempi, Kyle Chalmers

“Ringrazio tutte le persone della Gestione Sportiva che hanno condiviso con me questo percorso, fatto di difficoltà ma anche di grandi soddisfazioni.”

Nonostante le speculazioni sul suo lavoro, il capo della Ferrari Mattia Binotto rimane concentrato sullo sviluppo di una buona macchina per la prossima stagione.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Nonostante le speculazioni sul suo lavoro, il capo della Ferrari Mattia Binotto rimane concentrato sullo sviluppo di una buona macchina per la prossima stagione.

Nonostante le speculazioni sul suo lavoro, il capo della Ferrari Mattia Binotto rimane concentrato sullo sviluppo di una buona macchina per la prossima stagione.

L’amministratore delegato di Ferrrai Benedetto Vigna ha aggiunto: “Vorrei ringraziare Mattia per i suoi tanti, tanti contributi nel corso dei suoi 28 anni con la Ferrari e soprattutto per aver portato la squadra a una posizione di competitività nell’ultimo anno.

“Di conseguenza, siamo in una posizione forte per rinnovare la sfida, e soprattutto per i nostri fantastici fan in tutto il mondo, per vincere il premio finale nel motorsport. Tutti qui alla Scuderia e nella più ampia comunità Ferrari augurano ogni bene a Mattia per il futuro.”

Cosa è andato storto con Binotto?

Binotto ha fatto carriera in Ferrari, diventando Head of Engines nel 2013 e poi Technical Director nel 2016, prima di sostituire Maurizio Arrivabene come team principal nel 2019.

Si sperava che Binotto, una presenza più tranquilla di Arrivabene, avrebbe aiutato la Ferrari a conquistare il suo primo titolo dal 2008.

Il primo anno in carica di Binotto è stato controverso, con la Ferrari in gara – in particolare nelle qualifiche – ma dopo che è stato anche coinvolto in uno scandalo sui motori, e ha raggiunto un accordo con la FIA dopo la stagione.

La Ferrari ha cambiato rotta nel 2020 con un design automobilistico che ha fallito in modo spettacolare, ha sopportato la sua peggiore stagione in quattro decenni, e poi ha faticato a centrocampo anche la stagione successiva, quando Binotto ha preso la decisione di sostituire il quattro volte campione Sebastian Vettel con Carlos Sainz.

Il 2022 era l’obiettivo più grande per Binotto e il suo team con regole e auto completamente nuove e, all’inizio, un test superato.

La Ferrari ha iniziato la nuova stagione con l’auto più veloce, ha revisionato la Mercedes e ha combattuto contro la Red Bull, e Charles Leclerc ha vinto due delle prime tre gare per guidare presto il campionato.

Ma la Ferrari ha iniziato a intaccare vittorie e punti con guasti meccanici e, cosa più frustrante, con errori strategici. Gli errori ai box e le selezioni errate sono diventati un tema della stagione della Ferrari – e anche dopo che la Red Bull li ha superati negli aggiornamenti delle auto – sono stati quei fallimenti a costare il posto a Binotto.

Binotto ha sempre difeso la sua squadra e ha insistito a lungo sul fatto che si concentrassero sul miglioramento del 2023, anche se le pressioni interne ed esterne hanno ora portato alle sue dimissioni, aprendo la carica di presidente della Ferrari.

Lega Ferrari-Juventus | Vasseur è stato nominato per sostituire Binotto

Sky Notizie sportive Craig Slater

“finalmente [Binotto’s sacking] È la direzione futura della squadra. Il presidente John Elkann sentiva di volere davvero un capo squadra più duro in pista per controllare l’operazione. La Ferrari è tornata in competizione nel 2022 ma ci sono stati problemi operativi. Si sentiva che Binotto non era abbastanza forte, o abbastanza duro, per essere il capo.

Elkann è Presidente della Ferrari e siede anche a capo dell’intera operazione Fiat-Chrysler, è stato l’erede prescelto per gestire questo business globale multisettoriale ed è anche Presidente di EXOR, la casa madre della Juventus.

READ  NM State è sopravvissuto all'UC Riverside nell'apertura della stagione primaverile

“Questi cambiamenti alla Juventus, devi presumere che siano stati approvati da John Elkann. Non sono correlati e non c’è alcun senso di illecito finanziario alla Ferrari. Ma vale la pena notare il trasferimento del personale a livello dirigenziale tra Juventus e Ferrari.” L’amministratore delegato L’attuale Juventus, che è in via di uscita ma vi resterà con un incarico provvisorio per la nomina del nuovo consiglio di amministrazione, è Maurizio Arrivabene, che è stato predecessore di Binotto alla guida della squadra.

Il team principal della Williams, Just Capito, è caduto in un'imboscata del suo omologo dell'Alfa Romeo, Frédéric Vasseur, mentre discuteva della prima gara casalinga di Nicolas Latifi in Formula 1.

Si prega di utilizzare il browser Chrome per un lettore video facilmente accessibile

Il team principal della Williams, Just Capito, è caduto in un’imboscata del suo omologo dell’Alfa Romeo, Frédéric Vasseur, mentre discuteva del debutto di Nicholas Latifi nella gara di casa di Formula 1.

Il team principal della Williams, Just Capito, è caduto in un’imboscata del suo omologo dell’Alfa Romeo, Frédéric Vasseur, mentre discuteva della prima gara di casa di Nicholas Latifi in Formula 1.

“La mia comprensione è che il nuovo capo sarà Fred Vasseur, che è attualmente il capo del team Alfa Romeo. Penso che sia il tipo di persona che vuole la Ferrari.

Potresti chiederti perché non Toto Wolff o Christian Horner, ma la Ferrari sa da diversi anni che non saranno tentati di abbandonare le loro attuali posizioni. Wolff è il terzo proprietario della Mercedes mentre Horner è CEO anche come team principal della Red Bull e il suo ruolo semmai si espanderà dopo la sua morte Fondatore e proprietario Dietrich Mateschitz.

“Capisco che non terranno neanche Andreas Seidl lontano dalla McLaren, ma Fred Fasser arriverà quasi sicuramente nel nuovo anno. La Ferrari non se la cavava troppo male con un ex allenatore francese, è stato Jean Todt a vincere tutti quei titoli con Michael Schumacher, forse, Fasir è l’anello mancante.

“Una cosa con la Ferrari, cambiano il loro capo squadra così regolarmente che seguono davvero qualsiasi pianificazione a lungo termine? Ci sarà un altro reset, e questo farà tornare indietro la Ferrari?”